Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/La-stampa-indiana-scrive-I-maro-in-cambio-di-un-dossier-contro-Sonia-Ghandi-45dfae5c-07ef-4945-9678-542d9b66b023.html | rainews/live/ | true
MONDO

Il giallo

La stampa indiana: "I marò in cambio di un dossier contro Sonia Ghandi"

Il Telegraph accusa il governo di Nuova Delhi di aver offerto all'Italia di lasciar liberi i due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone in cambio di informazioni che collegassero la presidente del partito del Congresso Sonia Gandhi o la sua famiglia alle presunte tangenti pagate per la fornitura all'India, poi bloccata, di 12 elicotteri Agusta/Westland

Condividi
Il Partito del Congresso Nazionale indiano interpella il primo ministro Narendra Modi per chiedere chiarimenti sulla denuncia di un giornale di Kolkata, 'The Telegraph', che accusa il governo di Nuova Delhi di aver offerto all'Italia di lasciar liberi i due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone in cambio di informazioni che collegassero la presidente del partito del Congresso Sonia Gandhi o la sua famiglia alle presunte tangenti pagate per la fornitura all'India, poi bloccata, di 12 elicotteri Agusta/Westland. "Il primo ministro deve rispondere su questa vicenda", ha dichiarato il portavoce del partito Randeep Surjewala, citato dal Times of India. E il segretario generale del partito, Digvijaya Singh, si è rivolto al premier via Twitter per interrogarlo sulla vicenda: "Signor Primo Ministro, è un dato di fatto?", ha chiesto postando un'immagine dell'articolo.

Citando il quotidiano di Kolkata, il Times of India ricorda che la notizia della presunta offerta - fatta secondo la fonte a settembre a margine dei lavori dell'Assemblea generale dell'Onu a New York, nel corso di un incontro tra Matteo Renzi e Modi - arriva dall'agente inglese Christian Michel, che avrebbe scritto in merito al Tribunale del mare di Amburgo e alla Corte permanente di arbitrato dell'Aja. E ricorda che il ministero degli Esteri indiano ha definito le illazioni riportate dal giornale 'ridicole'.

I Marò in cambio di un dossier contro la Ghandi
La notizia, ripresa oggi anche dal Fatto Quotidiano, è di un patto segreto raccontato in una lettera dall'ex agente commerciale di Finmeccanica Christian James Michel, già processato e assolto a Busto Arsizio per le presunte mazzette per la vendita all'India di elicotteri Agusta-Westland, società del gruppo Finmeccanica.  La lettera è stata spedita alle due corti internazionali competenti sul caso marò, la corte permanente di Arbitrato all'Aja  e il tribunale internazionale dell'Onu sul diritto del mare. 
Condividi