Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/Le-mani-della-Ndrangheta-sul-centro-migranti-36-milioni-finiti-nella-bacinella-degli-Arena-26233ba0-9cd6-4b92-9194-cf8df710ab1f.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Operazione in Calabria

Le mani della 'Ndrangheta sul centro migranti: 36 milioni finiti nella 'bacinella' degli Arena

Il blitz messo a segno stamane a Isola Capo Rizzuto ha portato in carcere 68 affiliati accusati di associazione mafiosa e altri reati. Tra i fermati anche il capo del centro di accoglienza e il parroco di Isola Capo Rizzuto: nel solo 2017, don Scordio avrebbe percepito 132mila euro per "assistenza spirituale" ai richiedenti asilo

Condividi

Finivano nella "bacinella" del clan Arena per le esigenze di mantenimento degli affiliati, anche detenuti, o erano reimpiegati per l'acquisto di beni immobili, partecipazioni societarie e altre forme di investimento in favore del sodalizio, i soldi destinati al mantenimento dei migranti nel Cara di Isola Capo Rizzuto (Kr). E' quanto emerge dall'operazione "Jonny" eseguita stamane da Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza, che ha smantellato la cosca Arena di Isola con il fermo di 68 persone. Secondo le indagini, oltre alle tradizionali dinamiche criminali legate alle estorsioni esercitate in maniera capillare sul territorio catanzarese e crotonese, la cosca controllava a fini di lucro anche la gestione del centro di accoglienza, oltre a coltivare ingenti interessi nelle attività legate al gioco e alle scommesse. E tra i fermati, ci sono anche il capo della Misericordia di Isola, Leonardo Sacco, e il parroco dello stesso paese, don Edoardo Scordio.

36 milioni di euro finiti nella "bacinella" del clan Arena
Un vero e proprio "bancomat" del clan, come affermato nel corso di una conferenza stampa dal comandante del Ros, Giuseppe Governale. Il flusso di denaro pubblico percepito dalle imprese riconducibili alla cosca nell'arco temporale 2006 - 2015 per la gestione del Cara di Isola sarebbe stato pari a 103 milioni di euro, dei quali almeno 36 utilizzati per finalita' diverse da quelle previste, quelle cioe' di assicurare il vitto ai migranti ospiti nel centro, e riversati invece, nella disponibilita' della cosca. Sia attraverso ripetuti prelievi in contante dal conto della "Misericordia" e delle societa' riconducibili agli indagati, sia attraverso l'erogazione di ingenti somme a fini di prestito, sia, ancora, attraverso pagamenti di inesistenti forniture, false fatturazioni, acquisto di beni immobili "per immotivate - scrivono gli inquirenti - finalita' aziendali".

132.000 euro al parroco per "assistenza spirituale"
Avrebbe ricevuto 132.000 euro nel solo anno 2017 don Edoardo Scordio, il parroco della Chiesa di Maria Assunta arrestato nell'ambito dell'operazione di stamane. Percepiti a titolo di prestito/contributo e pagamento di note di debito "per servizi di assistenza spirituale" che avrebbe reso ai profughi ospiti della struttura. Don Scordio, indicato come "gestore occulto" della Confraternita della Misericordia, sarebbe stato organizzatore di un vero e proprio sistema di sfruttamento delle risorse pubbliche destinate all'emergenza profughi, riuscendo ad aggregare le capacita' criminali della cosca Arena e quelle manageriali di Leonardo Sacco, 38 anni, governatore dell'associazione benefica, da lui fondata.

Le mani della cosca sugli appalti grazie all'operato del capo della 'Misericordia'
Piu' specificamente sarebbe stato documentato come la cosca, attraverso l'operato di Leonardo Sacco, governatore dell'associazione di volontariato "Fraternita di Misericordia" di Isola di Capo Rizzuto, nonche' presidente della Cofraternita Interregionale della Calabria e Basilicata, si sia aggiudicata gli appalti indetti dalla Prefettura di Crotone per la gestione dei servizi, in particolare quello di catering, relativi al funzionamento dei centri di accoglienza richiedenti asilo "Sant'Anna" di Isola di Capo Rizzuto e di Lampedusa, affidati in sub appalto a favore di imprese costituite ad hoc dagli Arena e da altre famiglie di 'ndrangheta per spartirsi i fondi destinati all'accoglienza dei migranti.

In particolare, le indagini hanno documentato come le societa' di catering riconducibili ai cugini Antonio e Fernando Poerio, nonche' ad Angelo Muraca, dal 2001 abbiano ricevuto, inizialmente con la procedura dell'affidamento diretto e successivamente in subappalto, la gestione del servizio mensa del centro di accoglienza di Isola la cui conduzione era stata ottenuta dall'associazione di volontariato "Fraternita di Misericordia". L'affidamento avveniva, fino al 2009 in via d'urgenza, in ragione dello stato di emergenza dovuto all'eccezionale afflusso di extracomunitari che giungevano irregolarmente sul territorio nazionale, poi grazie a tre gare d'appalto vinte. Al riguardo, le indagini hanno evidenziato come l'organizzazione criminale, al fine di neutralizzare le interdittive antimafia che nel tempo avevano colpito le sue societa' di catering, avesse provveduto piu' volte a mutamenti della ragione sociale e dei legali rappresentanti delle aziende controllate, proprio per mantenere inalterato il controllo della filiera dei servizi necessari al C.A.R.A.

"Pax" mafiosa all'ombra dell'affare del Cara
L'elevato flusso di finanziamenti pubblici riservati all'emergenza migranti aveva indotto i clan del Crotonese, protagonisti di un cruento scontro anche a colpi di kalashnikov e bazooka, alla "pax mafiosa". La possibilita' di spartire la "torta" dei soldi pubblici sarebbe stata, secondo la Dda di Catanzaro, la principale motivazione della pacificazione tra le cosche Arena e Dragone su un fronte e quelle contrapposte dei Nicoscia e Grande Aracri sull'altro,che, nel primo decennio del 2000, si erano rese protagoniste di un conflitto degenerato in numerose uccisioni e scontri a fuoco. La faida sarebbe cessata, scrivono i magistrati catanzaresi, "proprio quando andava a regime il sistema di drenaggio di denaro pubblico derivato dagli appalti per la gestione del centro accoglienza. Cio' infatti - si evidenzia - ha costituito l'occasione per una mirata distribuzione delle risorse tra le varie famiglie mafiose interessate a mettere da parte i pregressi dissidi e sfruttare le notevoli opportunita' di guadagno". In questo contesto emergerebbero le figure di Salvatore Nicoscia, Pasquale Niscosta di 26 anni, Domenico Nicoscia di 39, di Luigi Manfredi detto "Gigino 'u Porziano",del fratello Antonio Manfredi detto "'u Mussutu", di Mario Manfredi , e Giuseppe Pullano, detto "la molla". 

Le attivita' illecite gestite dagli Arena erano molteplici
La cosca Arena di Isola Capo Rizzuto, da decenni al centro delle vicende criminali nel crotonese, aveva imposto la propria assillante presenza anche sull'area ionica della provincia di Catanzaro con estorsioni a tappeto ai danni di esercizi commerciali e imprese anche impegnate nella realizzazione di opere pubbliche, e la gestione di centri scommesse tra Crotone e Catanzaro.  L'ombra lunga del clan era arrivata fino a Catanzaro agendo direttamente attraverso i propri affiliati oppure tramite fiduciari destinati a occuparsi degli affari sporchi. Altro modus operandi per controllare il capoluogo era quello di agire mettendo 'sotto tutela' cosche alleate. Un'attivita' condotta e controllata anche grazie all'inserimento nel giro delle scommesse di una societa' maltese. 

Tra il 2015 ed il 2016 infatti, in particolare a Catanzaro, una cellula degli Arena, dipendente dalla cosca madre di Isola Capo Rizzuto ma radicata nel capoluogo, secondo l'accusa, ha perpetrato una serie impressionante di danneggiamenti a fini estorsivi per fissare con decisione la propria influenza sull'area mentre cosche satelliti della famiglia Arena avevano fatto altrettanto nell'area a sud di Catanzaro, ricadente nei comuni di Borgia e Vallefiorita e di rilevante interesse imprenditoriale e turistico.

500 agenti impegnati nel blitz
All'operazione, chiamata 'Jonny', hanno partecipato oltre 500 tra agenti della Polizia di Stato appartenenti alle squadre mobili delle questure di Catanzaro e Crotone, Carabinieri del Ros e del Reparto operativo - nucleo investigativo di Catanzaro e finanzieri del Nucleo di polizia tributaria e della Compagnia di Crotone con il concorso dei rispetti uffici e Comandi centrali.

Gli indagati sono accusati di associazione mafiosa, estorsione, porto e detenzione illegale di armi, intestazione fittizia di beni, malversazione ai danni dello Stato, truffa aggravata, frode in pubbliche forniture e altri reati di natura fiscale, tutti aggravati dalla modalità mafiose. Nel corso dell'operazione anche un sequestro beni milionario. I provvedimenti, disposti dalla Direzione distrettuale antimafia guidata dal procuratore capo Nicola Gratteri, sono giunti a conclusione di indagini coordinate dal procuratore aggiunto Vincenzo Luberto.

Condividi