Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Le-notizie-dal-mondo-bdb4b4a6-a6bb-4ee3-9eb7-3d924df102a0.html | rainews/live/ | true
MONDO

Mercoledì 24 febbraio

Le notizie dal mondo

La rassegna stampa internazionale di Rainews

Condividi
di Paolo Cappelli
 FT
il prudente ritorno alla normalità di Powell rasserena i mercati nervosi

Jay Powell, il presidente della Federal Reserve, ha detto al Congresso che c'è "speranza per un ritorno a condizioni più normali" quest'anno, ma ha segnalato che la banca centrale statunitense intende mantenere il suo pesante sostegno all'economia. Le sue parole indicano che la Fed non ha iniziato a stringere la politica monetaria o a ridurre gli acquisti di beni, anche se le prospettive economiche sono più rosee - e inizialmente hanno aiutato a contenere un secondo giorno consecutivo di perdite per le azioni delle società tecnologiche in rapida crescita. Le valutazioni elevate dei gruppi tecnologici sono state sostenute da tassi di interesse al minimo della Fed e di altre banche centrali. Ma mentre lo slancio economico si accentuava negli Stati Uniti, i tassi di interesse reali sono saliti, innescando il disagio in parti del mercato azionario statunitense. Il Nasdaq ha cominciato a perdere oltre il 2% contro lo 0,8 dello S&P 500. Perché questa posizione della Fed? "Nelle ultime settimane - ha detto Powell - il numero di nuovi casi e di ricoveri è diminuito, e le vaccinazioni in corso offrono la speranza di un ritorno a condizioni più normali nel corso dell'anno. Tuttavia, la ripresa economica rimane irregolare e lontana dall'essere completa, e il cammino da percorrere è molto incerto".



FT
Il piano di salvataggio degli Stati Uniti è un esperimento rischioso. Potrebbe non essere un male se lo stimolo fiscale finisse per essere un po' più piccolo di quello proposto ora

Martin Wolf: è essenziale riconoscere cosa rende una pandemia diversa da una crisi finanziaria o da una guerra. A differenza di una crisi finanziaria, Covid-19 non creerà necessariamente un eccesso di debito privato cattivo che potrebbe abbattere la domanda a tempo indeterminato. Al contrario, i bilanci delle persone che hanno guadagnato bene e speso poco sono migliorati. Sempre a differenza di una guerra, la pandemia non distrugge il capitale fisico. C'è quindi una buona possibilità che le economie si riprendano davvero forte, una volta che la paura della malattia sia scemata. Se è così, la parte dominante della risposta di politica fiscale pianificata dovrebbe mirare non tanto al sollievo a breve termine quanto a "ricostruire qualcosa di meglio", promuovendo un aumento sostenuto degli investimenti pubblici e privati. Questo è il contesto in cui deve essere compreso il dibattito sul pacchetto fiscale da 1,9 miliardi di dollari dell'amministrazione Biden. Larry Summers, ex segretario al Tesoro degli Stati Uniti e capo consigliere economico di Barack Obama, e Olivier Blanchard, ex capo economista del FMI, entrambi keynesiani e sostenitori dell'amministrazione Biden, si sono posti la domanda sulla dimensione del pacchetto di stimolo in relazione ai tempi di implementazione. Se Biden potesse ignorare i tempi della politica, avrebbe più senso optare per un pacchetto di sostegno più piccolo ma subito e proporre dopo un enorme programma di investimenti a medio termine. Se attuato, il pacchetto da 1,9 miliardi di dollari sarà un esperimento rischioso. Non sarebbe male se finisse per essere un po' più piccolo di quello proposto ora. Qualunque cosa si decida, un punto è chiaro. Il successo del pacchetto è di immensa importanza. Dimostrare che un governo può agire per il bene del popolo è essenziale per la salute della democrazia americana. Quello che è chiaro inoltre è che un grande pacchetto di stimolo sarà ancora più importante per la zona euro, dove l'impatto economico della Covid-19 sul PIL è stato peggiore rispetto agli Stati Uniti.



NYT
Mitt Romney ha un piano e Joe Biden dovrebbe prenderlo in prestito

Gli Stati Uniti consentono a più di 10 milioni di bambini americani di vivere in povertà, privi di risorse e opportunità.

L'amministrazione Biden sta lavorando con i democratici del Congresso su un piano per aumentare in modo significativo gli aiuti federali per le famiglie con bambini come parte di un disegno di legge da $ 1900 miliardi. Con un costo di 110 miliardi di dollari per un anno, il piano Biden ridurrebbe del 45% il numero di bambini che vivono in povertà, secondo il Center on Poverty and Social Policy della Columbia University. Il piano Biden fa bene un sacco di cose importanti. Darebbe $ 3.600 per ogni bambino di meno 6 anni; 3.000 dollari per ogni bambino tra i 6 ei 17 anni. Il problema principale del piano Biden è che durerebbe solo un anno. Questi aiuti si traducono in meno tasse federali, ma il problema è che i genitori dovrebbero presentare una dichiarazione dei redditi per richiedere i bonus all'Agenzia delle Entrate anche se attualmente, in quanto poveri, non lo fanno. Molti non lo farebbero.  Meglio allora prendere a prestito alcune pagine da un piano alternativo del senatore Mitt Romney, repubblicano dello Utah. Romney propone un vantaggio permanente insieme a un pacchetto di aumenti fiscali e tagli alla spesa per pagarlo. Ma soprattutto, il piano Romney, farebbe affidamento sulla Social Security Administration per fare arrivare alle famiglie gli assegni mensili.



Die Presse
La tendenza va nella direzione dell'apertura. Aprire? O un'ulteriore chiusura? Questa è ormai quasi una questione di fede, ben oltre il parere degli esperti. Per alcuni il governo è troppo lassista, per altri troppo veloce. Il governo austriaco è più incline all'apertura, altri politici guardano alla prudenza di Angela Merkel mentre gli scienziati temono le varianti anche per l'ondata di contagi nella vicina Repubblica ceca, dove gli ospedali sono ormai al collasso



Die Welt
il cancelliere federale avverte: "Ora siamo nella terza ondata" Nella riunione online del gruppo parlamentare dell'Unione, la cancelliera Angela Merkel (CDU) ha ieri ha detto: "Siamo ora alla terza ondata" e si è espressa a favore di misure di apertura caute. Se i lander vogliono riaprire, deve esserci la prospettiva che le istituzioni potessero rimanere aperte dopo l'apertura. A nessuno verrà fatto un favore "quando chiuderemo ciò che abbiamo aperto". Il Cancelliere ha affermato che le possibilità di test rapidi e autotest hanno consentito di attenuare meglio i passaggi di apertura rispetto al 2020.



Jerusalem Post
Il Governo approva il coprifuoco notturno per la festa di Purim (fra giovedì sera e venerdi sera)

Stop a spostamenti dalle 8.30 di sera alle 5.30 del mattino fino a sabato

Israele dona vaccini all'Autorità palestinese e ad altri Paesi bisognosi: Repubblica ceca, Honduras, Guatemala

Oggi tornano a scuola 84mila studenti israeliani, dopo l'ultimo aggiornamento del sistema dei semafori da parte del ministero della Salute, il che significa che le città dove si trovano le scuole hanno almeno il 70% della popolazione sopra i 50 anni vaccinata. Erano già tornati in classe all'inizio del mese i più piccoli alle materne e alle elementari. In totale da oggi sono in presenza un milione 300mila studenti. Restano a casa gli scolari fra i 7 e i 10 anni con didattica a distanza



The i
Lezioni di recupero estive

Le scuole in Inghilterra riceveranno milioni di sterline per tenere classi di recupero nel periodo abituale delle vacanze.  Verranno estese anche lezioni a piccoli gruppi per recuperare almeno parte dei sei mesi di lezioni insieme persi dai ragazzi. Il primo ministro vuole il passaporto vaccinale internazionale per consentire a milioni di britannici di passare le vacanze anche all'estero la prossima estate




The Independent
Il primo ministro ordina una riflessione sui passaporti vaccinali alla luce delle questioni etiche sollevate

Il Primo Ministro ha lasciato intendere che la revisione, che sarà guidata da Michael Gove e si concluderà entro il 21 giugno, potrebbe impedire ai datori di lavoro di implementare la regola "no jab, no job" 'niente vaccino, niente lavoro' o consentire a pub e ristoranti di lasciare fuori chi non è stato vaccinato. Il governo ha finora resistito alle richieste di alcune aziende di mostrare i passaporti vaccinali per avere accesso ai luoghi di lavoro o ai luoghi di ospitalità e intrattenimento, con il ministro dei vaccini Nadhim Zahawi che avverte che questa prassi sarebbe "discriminatoria". Ma la roadmap di Johnson per l'uscita dal lockdown ha rivelato che sarà effettuata una riflessione per appurare "se la certificazione di vaccinazione possa svolgere un ruolo nella riapertura della nostra economia, ridurre le restrizioni ai contatti sociali e migliorare la sicurezza".



WSJ
La lezione del vaccino del Connecticut

'Mi concentrerò sul vecchio motto del mondo degli affari, KISS: Keep it simple, stupid  falla semplice, stupido" È così che ieri il governatore del Connecticut Ned Lamont ha annunciato di basare la priorità di vaccinazione nello stato rigorosamente sull'età. Più gli stati danno la priorità all' equità sociale, più diventa complicata e iniqua la distribuzione dei vaccini. Dopo gli anziani di età superiore ai 65 anni, il Connecticut aveva programmato di vaccinare i "lavoratori essenziali" e i giovani con condizioni di salute precarie e vulnerabili, come persone con il diabete.  Ma la somministrazione è diventata molto complicata. . . Il Comitato scientifico ha detto che i lavoratori dell'alimentare e dei servizi di ristorazione hanno la priorità. Poi abbiamo iniziato a ricevere chiamate come questa: "Non lavoro in un negozio ma in un minimarket ed è un minimarket che serve". . . "Noi abbiamo le ciambelle, abbiamo il caffè, vendiamo roba da mangiare". Queste sono le richieste che abbiamo ricevuto. Ed è stato molto difficile". Il governatore democratico ha ragione sul fatto che la complessità è nemica della velocità. È anche nemica dell'equità. Le decisioni su chi sia o meno un "lavoratore essenziale" sono arbitrarie. Le minoranze hanno tassi di mortalità Covid significativamente più alti rispetto ai bianchi, ma i risultati differiscono molto di più in base all'età che alla razza o alle condizioni di vita. Un pensionato nero di 58 anni ha 10 volte più probabilità di morire a causa del virus rispetto a un lavoratore nero di 40 anni. Le persone di ogni origine e colore sviluppano più malattie con l'avanzare dell'età e il loro sistema immunitario si indebolisce negli anni.



Washington Post
La strategia australiana contro il coronavirus a tolleranza zero deve terminare affinché tornino i turisti, affermano alcuni esperti
Due esperti di salute pubblica dell'Università australiana di Melbourne dicono che la strategia anti coronavirus del paese, che si è concentrata sulla trasmissione zero, dovrà passare a un "approccio di minimizzazione del danno" se l'Australia vuole riaprire i suoi confini presto. "Se zero Covid-19 è il finale di partita che vogliamo, allora i viaggi internazionali sono lontani anni", hanno scritto gli epidemiologi Nathan Grills e Tony Blakely sull'Australian Financial Review . "Il vaccino potrebbe aiutare a raggiungere l'eradicazione, ma zero Covid-19 rimane un sogno irrealizzabile a medio termine. Dipende da numerose variabili esterne, per lo più al di fuori del nostro controllo, tra cui la mutazione virale e la cooperazione tra 195 paesi ". L'Australia, che vantava più di 9 milioni di visitatori internazionali all'anno, ha sacrificato il turismo per il suo status 'covd free' . Il paese ha registrato un calo del 99% dei visitatori stranieri dalla chiusura dei confini lo scorso anno, secondo l'ente del turismo australiano. Alla strategia è stato attribuito il merito di mantenere il Paese quasi libero da covid: la popolazione australiana di 25 milioni ha registrato un totale di 28.930 casi confermati dallo scorso marzo, secondo l'OMS , e un totale di 909 morti 



The Australian
Condividiamo: Facebook trova l'accordo

Facebook: "Dopo ulteriori discussioni, siamo soddisfatti che
il governo australiano abbia raggiunto un accordo per introdurre alcuni cambiamenti e garanzie che prendano in considerazione la nostra preoccupazione chiave, che è quella di consentire accordi commerciali che riconoscano il valore che la nostra piattaforma eroga alle società editoriali in relazione al valore che da esse riceviamo". Sulla base degli emendamenti al testo di legge, il governo australiano terrebbe in considerazione gli accordi commerciali precedentemente conclusi da Facebook e Google da un lato, e la stampa locale dall'altro, prima di decidere di imporre i pagamenti alle piattaforme social per la diffusione dei relativi articoli. Le piattaforme hanno anche guadagnato più tempo per concludere accordi con gli editori prima che fossero costretti pagare per i contenuti in base alla nuova legge.



Mundo Depor
Ufficiale, Pau Gasol, ex Lakers, 40 anni, al Barcellona, che completa con lui un dream team con 7 stelle ex NBA . Gazol ha scelto come Belinelli di tornare là dove tutto era iniziato con le prime vittorie negli juniores del Barça nel 1997 




Dalla Redazione

El Sol del México    
Allerta per una carovana di migranti extracontinentali verso gli Stati Uniti: vogliono attraversare il continente americano, provenienti da paesi dei Caraibi, Africa e Asia. La Commissione centroamericana dei direttori della migrazione (Ocam), ha presentato un piano per affrontare una possibile ondata migratoria di haitiani, cubani, asiatici e africani che cercano di arrivare in America del Nord in modo irregolare. I Paesi centroamericani riconoscono che la migrazione è un diritto umano, ma sottolineano che deve essere effettuata in modo regolare, ordinato e sicuro. Durante la riunione straordinaria, il direttore generale dell'Istituto per le migrazioni guatemalteche, Guillermo Díaz, ha spiegato che il piano d'azione comprende tre punti e il suo obiettivo è "partecipare a eventi di mobilitazione di massa dei migranti".  

Il primo punto è proteggere la sicurezza della regione; il secondo è l'attenzione a una possibile migrazione di massa; il terzo, le eventuali soluzioni a livello regionale considerando gli spostamenti massivi. 

Il Guatemala e altri Paesi centroamericani si stanno preparando all'arrivo nelle prossime settimane di migranti che dal Perù attraversano la zona del Darién verso Panama per proseguire verso il Messico. Migliaia di migranti hanno cercato di raggiungere gli Stati Uniti in modo irregolare, fuggendo dalla povertà e dalla violenza. Dall'ottobre 2018, la migrazione irregolare verso gli Stati Uniti dal Centro America ha avuto una svolta con la partenza di carovane di migliaia di persone, principalmente provenienti dal nord dell'Honduras, nonostante le politiche anti-immigrazione imposte durante il governo dell'ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump.  
Condividi