Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Le-notizie-dal-mondo-la-rassegna-stampa-internazionale-15-settembre-2021-d978b3cd-970c-4eae-b0fb-5698fb82631c.html | rainews/live/ | true
MONDO

Mercoledì 15 settembre 2021

Le notizie dal mondo: la rassegna stampa internazionale

Condividi
di Paolo Cappelli
Da una parte la salute, dall'altra l'economia. Da una parte i contagi, dall'altra il lavoro.
Un nuovo lockdown in autunno è politicamente sostenibile? E' il momento di chiederselo, per i Governi, e di risposte facili, ancora una volta, non ce ne sono.


Daily Telegraph
Torna lo spettro del lockdown invernale.
Ieri sera Boris Johnson ha messo in allerta l'opinione pubblica sul fatto che una nuova ondata di restrizioni Covid-19, che potrebbe anche includere un nuovo blocco, potrebbe essere reintrodotta in autunno. Il primo ministro ha avvertito che il paese sta affrontando un "punto di svolta" nella pandemia e che lui intraprenderà tutte le azioni necessarie.



The Times
Agire con decisione, agire presto' per evitare una crisi invernale, viene detto a Johnson.
Il primo ministro è stato avvertito dal suo capo consigliere scientifico che dovrebbe "agire forte e presto" con restrizioni coronavirus questo inverno se ci sarà un aumento dei casi, scrive il Times citando Sir Patrick Vallance: la Gran Bretagna è ad un punto di svolta, se i casi continueranno ad aumentare "non si può aspettare fino a quando sarà troppo tardi perché poi ci sarà di più da fare".


The Independent
Migliaia al giorno in ospedale senza restrizioni.
Gli esperti chiedono al primo ministro di adottare ora misure per contenere i contagi nonostante la riluttanza del primo ministro.
Nel Regno Unito ieri 26mila contagi, 185 morti, in totale da inizio pandemia più di 134mila. La percentuale che ha ricevuto la doppia dose di vaccino è il 66% della popolazione  



The Guardian
Agire subito o avremo 7000 ricoveri al giorno, dicono gli scienziati al primo ministro.
Tra 2.000 e 7.000 persone al giorno potrebbero essere ricoverate in ospedale per Covid in Inghilterra il mese prossimo, a meno che il governo non attui urgentemente un "paniere di misure", hanno avvertito i consulenti scientifici del governo mentre Boris Johnson chiariva che spera di evitare nuove restrizioni. Il primo ministro ieri ha confermato che i passaporti Covid, il ritorno dell'uso obbligatorio della mascherina e l'invito a lavorare da casa sono soluzioni di riserva come "piano B" del governo, da introdurre se il SSN rischia di essere travolto. 

Ma i modelli appena pubblicati dagli esperti del comitato scientifico consultivo avvertono il governo di non aspettare troppo a lungo, con casi, ricoveri e decessi tutti superiori a un anno fa, nonostante il successo del programma di vaccinazione. Parlando insieme a Johnson a una conferenza stampa di Downing Street, il principale consigliere scientifico del governo, Sir Patrick Vallance , ha affermato che l'esperienza nella lotta al virus ha mostrato che "dobbiamo agire prima di quando pensi, dobbiamo farlo con più forza di quanto pensiamo". Ha detto che il Regno Unito è ora a un "punto di svolta" in cui, se la situazione peggiora, potrebbe farlo rapidamente.

Nel grafico i vari scenari a otto settimane per i ricoveri ospedalieri giornalieri in Inghilterra su una gamma di valori RT  che riflettono il possibile impatto dell'aumento dei contatti dal 6 settembre.

The i
Il piano B del primo ministro per evitare un nuovo lockdown.
Piano A: terza dose di vaccino per 30 milioni di britannici ultracinquantenni per tenere alto il livello di immunizzazione; vaccini ai bambini fra 12 e 15 anni; lockdown limitati a comuni e quartieri in caso di focolai; inviti a socializzare solo all'aperto in autunno e inverno; mascherine al chiuso e in luoghi affollati
Piano B: regole più stringenti per mascherine ad esempio sui trasporti pubblici; ritorno delle bolle anti contagio nelle scuole; green pass chiesto negli stadi, ai concerti
Piano C: anche un nuovo lockdown nazionale, il quarto, se dovessero comparire varianti che bucano la protezione del vaccino e qualsiasi azione necessaria a proteggere il servizio sanitario nazionale 

Telegraaf (Olanda)
L'applicazione non funziona.
Dal 25 settembre, le aziende e le organizzazioni dovranno controllare il green pass di clienti e visitatori. Il gabinetto sta mettendo a disposizione dei comuni fondi affinché possano assumere altri supervisori per le operazioni. Il presidente Hubert Bruls del Consiglio di sicurezza afferma che questo sussidio ha poco senso: "Ci sono troppo pochi esecutori disponibili a breve termine". Bruls sottolinea che le forze dell'ordine non controlleranno continuamente teatri, cinema e ristoranti. "Presteremo particolare attenzione agli eccessi, e non per ogni singolo visitatore verrà verificato se ha il green pass". Parla il presidente dell'Associazione olandese per la terapia intensiva, Diederik Gommers. "Rutte dice che punta a mantenere gestibile l'assistenza sanitaria, ma ha optato per lo scenario con i maggiori rischi, allentando molto le restrizioni. E' una contraddizione di termini". Gli operatori sanitari, dice Gommers, sono già ora sotto pressione, perché "vedono che fuori la gente ricomincia a fare festa".

Le Soir
Chiusura delle classi, il dibattito diventa comunitario.
Si moltiplicano le quarantene delle classi dopo il ritorno a scuola. Le Fiandre vogliono allentare le restrizioni, la crisi covid diventa un dibattito nazionale
Con questa mail desideriamo informarvi della quarantena sanitaria della classe quinta  della nostra scuola. Siamo stati infatti informati ieri sera dell'esistenza di un secondo caso di alunno positivo in questa classe. Essendo i due casi a meno di quattordici giorni di distanza, siamo obbligati a mettere in quarantena tutta la classe". Questa lettera era destinata ieri pomeriggio a una ventina di famiglie dell'Hainaut. A quindici giorni dall'inizio dell'anno scolastico, il caso è tutt'altro che isolato. Ce ne sono anche a Liegi, Namur, Bastogne e, ovviamente, a Bruxelles. Un disastro? Certamente no. Con il ritorno a lezioni in presenza, gli esperti si aspettavano questo fenomeno. Che però non è semplice da gestire per le famiglie 

SZ
Diventa più difficile per i non vaccinati.
La Baviera decide i test obbligatori per i non vaccinati degli asili nido
gli operatori dell'asilo nido che non sono stati vaccinati o guariti dovranno dimostrare che i test sono negativi tre volte a settimana. Verranno introdotti anche i test lecca-lecca per i bambini. Questa settimana in Baviera si stanno svolgendo centinaia di iniziative per aumentare il tasso di vaccinazione prima dell'autunno, anche nei centri commerciali e nei ristoranti. AfD nel parlamento bavarese vuole intraprendere un'azione legale contro l'esclusione delle persone non vaccinate in un evento pubblico decisa dal Ministero degli Interni. Un portavoce del gruppo parlamentare lo ha annunciato ieri a Monaco di Baviera.

La Region
La Giunta esaminerà l'uso del Green Pass dopo il via libera del tribunale supremo.
L'alta corte, contrariamente alle attese, ha lasciato mano libera al ministero della salute di imporre il green pass nel settore alberghiero, anche prima che entri in vigore il protocollo concordato con il settore



FAZ
Molti lander concedono vantaggi ai cittadini vaccinati.
Il sindacato dei lavoratori dei servizi Verdi ha criticato i piani di molti lander per sospendere il salario di persone non vaccinate finite in quarantena. Dal punto di vista del sindacato, è sbagliato cercare di "introdurre le vaccinazioni obbligatorie attraverso la porta sul retro", ha detto il presidente del sindacato Frank Werneke. "La politica ha detto che la vaccinazione dovrebbe rimanere volontaria". Il ministro della Salute bavarese, Klaus Holetschek, si oppone: la mancata vaccinazione non si basa sulla solidarietà e dovrebbe essere punita.

Tagesspiegel
Nuovi vantaggi per i vaccinati.
Giochi di potere per lo scenario peggiore. Unione di nuovo sopra il 20% nei sondaggi.
Tutti nella CDU ufficialmente sperano ancora nella vittoria. Ma dietro le quinte, parecchi nell'Unione stanno già pianificando la loro carriera dopo una sconfitta, scrive Robert Birnbaum. Se Armin Laschet perderà le elezioni, il potere nell'Unione sarà ridistribuito al più tardi entro in un pomeriggio. Perché senza la cancelleria e forse senza ministeri, la presidenza del gruppo parlamentare diventerebbe improvvisamente l'unico incarico di valore.

TAZ
Parla il leader dei liberali, in ascesa nei sondaggi, Lindner: dobbiamo liberare la difesa del clima dal pensiero unico.
Il presidente della FDP Christian Lindner si affida al mercato e alle nuove tecnologie per la protezione del clima. Una conversazione sulla libertà individuale in tempi di riscaldamento globale .
Dice Lindner: il messaggio centrale è: "Più gioia nell'inventare che nel proibire" e "La libertà ha alleati". L'FDP vuole affrontare le grandi questioni della digitalizzazione, decarbonizzazione e demografia senza trascurare l'importanza della libertà.

Die Presse
Un freno d'emergenza contro il surriscaldamento globale.
La lotta al cambiamento climatico è paralizzata. Invece di continuare a concentrarsi solo sulla CO2, l'Europa e gli Stati Uniti ora stanno prendendo di mira il metano, gas serra dimenticato, e sperano in un successo più rapido.



TAZ
Offri una prospettiva.
Con la cancelliera Merkel, i Balcani occidentali stanno perdendo un importante sostenitore. L'adesione all'UE deve essere mantenuta come prospettiva per questi paesi.

Il fatto che si rechi nella regione poco prima della sua partenza è inteso anche come un gesto di avvertimento per il tempo successivo: guarda questa regione! Perché l'UE ha guardato dall'altra parte per troppo tempo, era troppo impegnata con se stessa - e poi è arrivata la pandemia. L'allargamento dell'UE nel frattempo non solo è balbettato, ma si è fermato.

Ma l'UE non può permettersi questa mancanza di interesse. Non solo perché potenze come Russia e Cina stanno costantemente espandendo la loro influenza. I Balcani ribollono continuamente e l' autoritarismo è in aumento ovunque . In Bosnia Erzegovina gli agitatori nazionalisti stanno alimentando le tensioni tra i gruppi della popolazione. Il riconoscimento del Kosovo da parte della Serbia, per il quale la Merkel ha fatto campagna, è stagnante. La corruzione è dilagante, i giovani cercano un futuro migliore in Europa occidentale o negli Stati Uniti.
Quindi ci sarebbero abbastanza cantieri. Ma se la Merkel se ne andasse - e chissà chi le succederà come Cancelliere - i freni all'espansione verso est potrebbero avere il sopravvento nell'Ue, soprattutto in Francia. Poi la prospettiva Ue si allontana ancora di più e il pericolo che si riaccenda la polveriera dei Balcani. Lo si è visto di recente in Montenegro , quando la consacrazione del nuovo capo della chiesa ha provocato violenze nelle strade poco più di una settimana fa.
I critici affermano che la strategia di dialogo permanente della Merkel è fallita. Ma non danno alternative valide.
Condividi