Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Le-notizie-dal-mondo-la-rassegna-stampa-internazionale-3e78837e-0805-4944-b4c9-eea5c14ce373.html | rainews/live/ | true
MONDO

Giovedì 7 ottobre 2021

Le notizie dal mondo, la rassegna stampa internazionale

Condividi
di Paolo Cappelli Due semafori si accendono sulle prime pagine dei quotidiani tedeschi. Il primo indica il via al negoziato fra SPD Verdi e Liberali per dar vita a un nuovo governo; il secondo sembra avvicinare il momento della resa dei conti nell'Unione, dove la posizione di Armin Laschet traballa. Una scossa, in Francia, la dà invece Eric Zemmour. Non è ancora ufficialmente candidato, ma un sondaggio lo da addirittura davanti a Marine Le Pen al primo turno delle presidenziali, escludendo la leader del Rassemblement National dal ballottaggio.


Tagesspiegel
Luce o illusione?
Da quando i Verdi e l'FDP hanno deciso di tenere colloqui esplorativi con la SPD, sono aumentate in modo significativo le possibilità che la Germania possa presto essere governata da una coalizione semaforo, con al timone Olaf Scholz cancelliere.
Settimane fa sembrava un'idea assurda. Questo non solo per il fatto che la SPD pesava dieci punti percentuali in meno rispetto alla sera delle elezioni, ma soprattutto perché l'alleanza di governo è sempre stata sì un'opzione per SPD e Verdi ma entrambi vedevano i liberali come un partito di un altro pianeta politico. Era vero anche il contrario. Questi partiti hanno coltivato per anni le loro immagini in contrapposizione: i liberali hanno messo in guardia contro le logiche distributive della SPD e bollato come partito del proibizionismo i Verdi , mentre i rosso-verdi , al contrario, hanno messo in guardia contro la freddezza sociale dei liberali troppo amici del capitalismo.
A Berlino, Le spaccature tra i Verdi e l'FDP sono probabilmente troppo profonde per un semaforo. Si va verso un governo della capitale rosso rosso verde, Nella foto Franziska Giffey (SPD, probabile futuro sindaco) e Bettina Jarasch (Die Grünen).



RP
Tutto converge verso una coalizione semaforo
Verdi e Liberali pongono le premesse per una coalizione con la SPD e danno il via a colloqui esplorativi a tre. Armin Laschet resta ancorato all'opzione Giamaica che tramonta, ma nell'Unione è caos con Markus Soder che continua a contraddire Laschet.






TAZ
Primo giallo che si accende nel semaforo
Il leader dei Liberali Lindner rompe gli indugi e dà il via a consultazioni a tre con Verdi e SPD allontanando l'ipotesi di una coalizione Giamaica nella quale continua a credere Laschet. Ma Soder comprende la situazione.
Editoriale: Lindner ha improvvisamente immaginazione
Durante la campagna elettorale, il capo dell'FDP Lindner ha sempre sottolineato che gli mancava l'immaginazione per un'alleanza semaforo. Ora questa ipotesi prevale sulla coalizione Giamaica. E' una strada rischiosa per Lindner ma nonostante tutte le ovvie differenze con SPD e Verdi, incatenarsi a un'Unione autodistruttiva con un cancelliere Armin Laschet , che nessuno vuole più, potrebbe anche essere un suicidio politico per i Liberali. Vista così, la FDP può essere felice che l'Unione non abbia rispettato gli accordi di riservatezza durante i colloqui preliminari. Semplifica il discorso nei confronti dei tradizionali elettori liberali: si può presentare la coalizione semaforo come una soluzione razionale nella quale i liberali rappresentano un correttivo in economia e rafforzano il proprio profilo. Soprattutto perché l'ultima coalizione giallo-nera è stata tutt'altro che redditizia per i liberali: nel 2013 non entrarono al Bundestag.



Welt
FDP e Verdi avviano colloqui semaforo con la SPD
Soder sta facendo a pezzi le illusioni di Laschet
Il candidato cancelliere dell'Unione continua a sognare una coalizione Giamaica, il leader della CSU parla già dall'opposizione
Nell'attuale lotta per la sopravvivenza di Armin Laschet dovrebbe emergere un dettaglio significativo. È stato il presidente dei Verdi Robert Habeck a lanciare un'ancora di salvezza all'uomo che stava annegando: "Il biscotto non è stato ancora mangiato", ha detto Habeck. E con questo voleva dire: una coalizione giamaica rimane in gioco come opzione di ripiego. E dunque, servirebbe ancora il presidente della CDU Laschet. E' stato allora Markus Söder a tagliare la corda che Habeck aveva lanciato, alla quale avrebbe potuto aggrapparsi Laschet, quando Söder ha dichiarato di fatto morta e sepolta l'ipotesi Giamaica, segnando così anche il destino di Laschet.



FAZ
SPD Verdi e Liberali avviano colloqui di coalizione
editoriale: Laschet ha sottolineato la sua costante disponibilità a parlare, mentre Söder si è rifiutato di stare fuori dalla porta e aspettare per vedere se l'Unione potesse rientrare in gioco. La CSU sta preparando l'Unione a tempi di opposizione. A parole Söder dice che "voleva" la coalizione Giamaica. Ma non sono i Verdi, FDP e CDU che stanno causando il fallimento dell'ipotesi Giamaica. Söder semplicemente non la vuole. Più che entrare con l'Unione al Governo, la priorità attuale sembra quella di prevenire un'eventuale cancelleria Laschet.



L'Opinion
Zemmour-Le Pen, tango mortale
Si apre un duello fra il polemista e la candidata del Rassemblement National, la posta è il ballottaggio con Macron alle presidenziali
Per la prima volta un sondaggio attribuisce a Zemmour il secondo posto a scapito di Marine Le Pen, che sarebbe così esclusa dal secondo turno. Prima ancora che la sua candidatura diventi ufficiale, Zemmour riscrive i confini della campagna elettorale.
A destra, in particolare, fra i fedelissimi di Marine Le Pen si preannunciano grandi cambiamenti. "Aspettate di ascoltare Marine Le Pen domenica 10 ottobre su BFMTV. Metterà i puntini sulle 'i' con Eric Zemmour ", dicono. Cosa dirà la candidata del RN? Una cosa è certa: Marine Le Pen metterà fine a una regola non detta, strategica ma che divideva all'interno del suo partito: non ha senso attaccare Eric Zemmour, non dobbiamo polemizzare con gli elettori del RN che lo adorano. In poche settimane tutto è cambiato per Marine Le Pen, e l'ora è già seria per la candidata della destra. Il sondaggio Harris Interactive, pubblicato ieri su Challenges, vede Eric Zemmour tra il 17% e il 18% - secondo dietro Emmanuel Macron (tra il 24% e il 27%) e quindi davanti a Marine Le Pen, che scende fra il 15 % e il 16%.



The Guardian
Imprenditori furiosi per il discorso 'vuoto e bombastico' del primo ministro
Molte battute ma nessuna soluzione per la crisi nell'approvvigionamento di carburanti al congresso del Partito conservatore
Il discorso è stato condannato come "bombastico ma vacuo ed economicamente analfabeta" dall'Adam Smith Institute, mentre il thinktank conservatore Bright Blue ha lanciato un duro monito: "La gente si stancherà presto delle battute di Boris se il governo non riuscirà a gestire le crisi: aumento dei prezzi, aumento delle tasse, carenza di carburante, carenza di manodopera. Boris Johnson ha liquidato gli attuali "stress e tensioni" come effetti collaterali della ripresa economica e ha affermato che le aziende non possono più "usare l'immigrazione come una scusa per non investire nelle persone, nelle competenze e nelle attrezzature, nelle strutture". Tony Danker, direttore generale della Confindustria, ha messo le mani avanti: "L'ambizione sui salari alti senza azioni su investimenti e produttività è in definitiva solo un percorso verso prezzi più alti".



The Times
il primo ministro incassa le critiche degli imprenditori
Duri i responsabili delle aziende favorevoli alla Brexit: non possiamo essere trattati come una spugna per assorbire noi i costi crescenti dell'economia nazionale.






The i 
Problemi in vista
Il primo ministro si scrolla di dosso il caro vita dei cittadini.
Aumentano le tensioni nel governo per il rischio inflazione e per la politica di immigrazione di Boris Johnson, che insiste: i problemi attuali sono transitori, dopo la Brexit guiderà il Paese verso una crescita con salari più alti. Ma le bollette iniziano ad aumentare da subito, in media del 30% annuo. L'industria teme le chiusure di impianti siderurgici e chimici, il peggioramento della crisi della logistica, con aumento di prezzi di molti beni e carenza di altri, soprattutto sotto le feste di fine anno. L'esercito guida i camion cisterna ma al Sud in molti distributori la benzina ancora non c'è.



NYT
come il Texas pianifica di rendere le circoscrizioni più rosse. La battaglia dei Repubblicani per ridisegnare le circoscrizioni elettorali.

L'obiettivo della ridefinizione dei distretti elettorali è rendere più sicuri per i repubblicani quelli diventati improvvidamente in bilico per l'incremento della popolazione di colore. Ad esempio, l'area metropolitana di Dallas-Fort Worth e i sobborghi circostanti, nelle elezioni dell'anno scorso sono andati ai democratici. Quindi la nuova mappa, già approvata da un ramo del Parlamento del Texas, estende i distretti dall'area di Dallas alle parti rurali circostanti, per includere più elettori di tendenza repubblicana.

il Texas è il futuro dell'America, di Steven Pedigo
Si dice che la California è "l'America del futuro". I liberal citano questa massima con orgoglio, indicando la diversità dello stato e la sua quota smisurata di produzione economica, innovazione tecnologica, capitali che amano il rischio e crescita. I conservatori ci mettono intorno virgolette spaventose, avvertendo sulla distopia che ci attende se l'America diventa più simile alla California, con le sue tasse elevate e i costi delle case, le scuole in difficoltà, l'approvvigionamento idrico in crisi, gli incendi devastanti e la maggioranza democratica permanente. Ma se davvero cercate uno stato che offra uno sguardo al futuro economico degli Stati Uniti, e alle sue faglie politiche a lungo termine, non è la California. È il Texas. È quello che ci dice il censimento del 2020, insieme ai dati economici e demografici degli ultimi 20 anni. Molti americani si stanno trasferendo in città; Il Texas si sta urbanizzando ancora più velocemente della California: ha aggiunto 4,2 milioni di residenti tra il 2000 e il 2010 e altri quattro milioni nell'ultimo decennio per un tasso di crescita di quasi il 40%, il doppio di quello medio degli USA. Ma ancora più sorprendente è l'aspetto di tutti quei nuovi texani. Dal 2010, oltre il 95% di loro sono persone di colore. Le persone al di fuori del Texas spesso credono che lo stato sia quasi monoliticamente bianco, rurale e conservatore. In effetti, meno del 40% dei texani sono bianchi non ispanici. Per ogni nuovo residente bianco che il Texas ha accolto negli ultimi dieci anni, ci sono stati tre residenti neri, tre asiatici, tre persone con origini multirazziali e 11 ispanici. Fort Worth è la città in più rapida crescita d'America; Austin è al secondo posto. I Repubblicani e il governatore Abbott stanno puntando su una versione anacronistica del Texas. 





Dalla redazione 


kommersant.ru
La Russia ha fissato una data a emissioni zero


La nuova versione della strategia di sviluppo low carbon è più ambiziosa delle precedenti

Il Ministero dell'Economia ha inviato per l'approvazione ai dipartimenti una nuova versione della strategia per lo sviluppo a basse emissioni di carbonio della Federazione Russa fino al 2050. Il progetto è diventato molto più ambizioso di quelli presentati in precedenza: in particolare, presuppone il raggiungimento della neutralità carbonica del paese entro il 2060, privilegia lo scenario intensivo, che prevede una riduzione del 79% delle emissioni di gas serra entro il 2050, e per la prima volta collega la trasformazione a basse emissioni di carbonio nella Federazione Russa con la crescita economica. Gli esperti valutano positivamente il documento, chiedendone una revisione più dettagliata, ma definiscono sfuggenti gli obiettivi di aumentare il livello di assorbimento dei gas serra.

Lo scenario intensivo ipotizza un aumento delle emissioni fino al 2030 solo dello 0,6% e una loro riduzione del 79% rispetto al livello attuale (e dell'89% rispetto al livello del 1990) entro il 2050. Allo stesso tempo, si è tenuto conto di un forte aumento della capacità di assorbimento degli ecosistemi, di un fattore 2,2 (dovuto a misure in selvicoltura e agricoltura), che, tuttavia, è inferiore rispetto alle precedenti versioni della strategia. Il calo delle esportazioni di petrolio e gas del 2% annuo in termini reali dal 2030 accompagnerà la crescita delle forniture non petrolifere e non gas del 4,3% annuo, e il tasso di crescita economica nel 2030-2050 sarà del 3% e rallenterà fino al 2,7% entro la fine degli anni 2040. Il raggiungimento della neutralità carbonica della Federazione Russa è previsto entro il 2060, ma forse anche prima.



mk.ru
Rivelati i nomi dei possibili personaggi implicati nel crash di Facebook, Instagram e WhatsApp
Tra loro ci sono due russi, Peter Lapukhov e Alexey Andreev


Gli specialisti coinvolti nel routing BGP del data center di Facebook potrebbero essere coinvolti nell'interruzione globale di Facebook, Instagram e WhatsApp. Utenti hanno prestato l'attenzione sul team degli esperti IT: i dipendenti di Facebook. Tra loro ci sono due russi, Peter Lapukhov e Alexey Andreev.

Questi nomi sono citati nello studio del gruppo internazionale "Launching the border gateway protocol in large data center". Questo è il primo studio del suo genere che dettaglia le operazioni e gli schemi di routing del data center di Facebook basati sul Border Gateway Protocol (BGP).

In precedenza, gli esperti hanno affermato che il fallimento dei servizi di Facebook è dovuto a un aggiornamento nel protocollo di routing dinamico del social network (BGP). Questi protocolli sono responsabili dell'instradamento dei pacchetti di dati da un punto all'altro del mondo. I problemi hanno interessato anche il sistema di determinazione del nome di dominio DNS. Gli host DNS, a causa della mancanza di risposta da parte di Facebook, si sono rivolti a servizi DNS di grandi dimensioni che semplicemente non erano progettati per tali carichi.

Peter Lapukhov, nel frattempo, è descritto dai suoi colleghi come uno specialista dell’altissima classe - è chiamato "la leggenda del settore".
Condividi