Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/Libia-Di-Maio-Proposta-memorandum-migranti-va-nella-giusta-direzione-c68ea7d9-ae26-4490-a9a3-97b496fd9005.html | rainews/live/ | true
MONDO

"Volontà di tutelare i diritti umani"

Libia, Di Maio: "Proposta memorandum migranti va nella giusta direzione"

"Il 2 luglio sarà la data per l'avvio dei negoziati sulla modifica", ha detto il ministro degli Esteri di ritorno da Tripoli

Condividi
"Il presidente Serraj mi ha consegnato la proposta libica di modifica del memorandum of understanding in materia migratoria. Ad una prima lettura si va in una giusta direzione, con la volontà della Libia di applicare i diritti umani". Lo  ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio di ritorno da Tripoli, in una conferenza stampa all'aeroporto di Ciampino. "Il 2 luglio sarà la data per l'avvio dei negoziati sulla modifica del memorandum" ha detto il ministro degli Esteri, aggiungendo che la proposta libica di modifica deve essere "approfondita" ma sembra andare "nella giusta direzione per quanto riguarda le richieste italiane di tutela dei diritti umani".

"Dialogo mai interrotto"
"Il viaggio in Libia di oggi è stato fondamentale per riannodare le fila di un dialogo mai interrotto, anche nelle fasi più drammatiche del Covid-19" ha detto Di Maio. "La mia visita - ha aggiunto - è in una cornice di massima condivisione europea, la Libia è una priorità per la nostra politica estera e per la sicurezza nazionale. Siamo determinati a difendere i nostri interessi geostrategici, che coincidono con quelli dello stremato popolo libico. Abbiamo fatto presente al presidente Serraj che il rischio di combattimenti e vittime per liberare Sirte va evitato. E' essenziale evitare il congelamento del conflitto - ha concluso - porterebbe a una divisione inaccettabile per il Paese, anticamera di nuovi conflitti"

"Per l'Italia una divisione della Libia è inaccettabile"
"Anche nelle fasi più drammatiche dell'epidemia, il dialogo dell'Italia con la Libia non si è mai interrotto. La Libia è una priorità della nostra politica estera e della sicurezza nazionale". L'Italia ritiene "inaccettabile"una divisione del Paese, che sarebbe "l'anticamera di nuovi conflitti armati" ha poi sottolineato Di Maio.

Condividi