Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/M-illumino-di-meno-Salini-Rai-sentinella-della-sostenibilita-Foa-contributo-a-catena-virtuosita-946b6b58-edd8-4ac0-8ed3-7ca78fa74d8f.html | rainews/live/ | true
SPETTACOLO

La conferenza stampa

M'illumino di meno. Salini: Rai sentinella della sostenibilità. Foa: contributo a catena virtuosità

Mole Antonelliana e chiesa Gran Madre di Piazza Vittorio spente per M'illumino di meno 2019 (Ansa)
Condividi
La Rai "può giocare e gioca con molta convinzione, incentivando sempre più i comportamenti virtuosi" in direzione di un maggior rispetto per l'ambiente e di una maggiore sensibilità ecologica. Lo ha detto Marcello Foa, presidente Rai, nella conferenza stampa di presentazione della 17esima edizione di M'illumino di meno, la Giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili promossa da Caterpillar e Rai Radio2 e che si celebra il 26 marzo, con il forte supporto della Direzione di Rai per il Sociale. L'edizione 2021 propone di fare un "salto di specie" per evolvere verso una ripresa piu' rispettosa dell'ambiente e uscire migliori dalla pandemia.

Coincidenza vuole che lo scorso anno proprio la presentazione dell'edizione del 2020 di M'illumino di meno fu l'ultima conferenza stampa in presenza tenuta in Rai. "Pare incredibile - ha detto Foa - come siano trascorsi già 17 anni da quella che era un'iniziativa curiosa e una provocazione radiofonica e invece è oggi simbolo di una nuova epoca, la sensibilità ecologica sta diventando molto diffusa ed è al centro delle agende di molti governi", quello italiano compreso.

Foa ha parlato dell'esigenza di "educare a utilizzo consapevole dell'energia e dell'acqua, piccoli gesti che diventano molto importanti, innescando una catena di virtuosità che sui grandi numeri ci consentono grandi risparmi e consapevolezza importante. Tutto questo avviene perché una sensibilità matura nella coscienza del pubblico e non è solo esercizi celebrativi giornate come queste ma tappe di un percorso che cementano un senso civico molto sviluppato e a cui la Rai partecipa con tutta la sua forza mediatica, 365 giorni all'anno e con gesti anche all'interno dell'azienda". E venerdì dalle 19 alle 21 luci spente per 2 ore nel palazzo Rai di viale Mazzini, "speriamo che il 26 sia giornata di crescita del senso civico del Paese", ha concluso il presidente .

La Rai "è in prima linea per lo sviluppo sostenibile dell'intero Paese" e "crea una consapevolezza sempre maggiore" sull'importanza degli obiettivi fissati dall'Agenda 2030 dell'Onu per lo sviluppo sostenibile. Lo ha detto Fabrizio Salini, amministratore delegato Rai, nella conferenza stampa.   

Salini ha parlato di edizione 2021 non solo mirata da parte della Rai a sensibilizzare la coscienza collettiva ma a mobilitare i cittadini e offrire alle persone "piccole e grandi competenze perché contribuiscano al cambiamento", oltre che "generare positive abitudini e forte coesione sociale". Una Rai "sentinella della sostenibilità ambientale diffondendo anche buone pratiche".

L'amministratore delegato di viale Mazzini, nel ringraziare tutta l'azienda e a quanti si impegnano quotidianamente, ha parlato di 'M'illumino di meno' come di una realtà che dall'essere "una semplice campagna di sensibilizzazione" è oggi "uno slogan tra i più noti, un messaggio di responsabilità, speranza e fiducia".

Salini ha sottolineato che sono ormai migliaia le adesioni di scuole, Comuni, imprese, associazioni, singoli cittadini. "Il mondo è cambiato e di molto, la sostenibilità è al centro di importanti politiche dei Paesi e va presa posizione su queste tematiche. M'illumino di meno è per la Rai un fiore all'occhiello, una bandiera di cui andare fieri. Negli ultimi tre anni l'attenzione del servizio pubblico per l'ambiente e la sostenibilità è entrata a far parte in maniera forte nell'azienda". È evidente che servono nuovi stili di vita, "e il 26 marzo possiamo dare ulteriore forza a questo cambiamento". 

Con Foa e Salini, alla conferenza stampa hanno partecipato in collegamento audio/video il direttore di Rai per il Sociale, Giovanni Parapini, il ministro per la Transizione ecologica, Roberto Cingolani, il ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, Enrico Giovannini, il direttore Rai Radio2, Paola Marchesini, i conduttori di Caterpillar e testimonial della campagna Sara Zambotti e Massimo Cirri. 
Condividi