Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Maltempo-domani-allerta-rossa-nel-nord-est-arancione-al-centro-sud-9a984a40-f9cf-47dc-a894-c103161c78e0.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Meteo

Maltempo: la neve continua a cadere copiosa al nord, rovesci al sud

In tutto il week end un intenso flusso di correnti sud-occidentali umide ed instabili interessa la nostra Penisola, con precipitazioni diffuse, anche temporalesche, a carattere nevoso ad alta quota 

Condividi
La struttura anticiclonica posizionata sull'Europa continentale, ostacola la naturale progressione verso Est della vasta e profonda perturbazione con centro d'azione sulla Gran Bretagna. 

Ne scaturisce la persistenza di un intenso flusso di correnti sud-occidentali umide ed instabili sulla nostra Penisola, con precipitazioni diffuse, anche temporalesche, a carattere nevoso sulle Alpi, accompagnate da forti venti. 

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un nuovo avviso di condizioni meteorologiche avverse che integra ed estende i precedenti: prevista per domani allerta rossa su Veneto, Friuli Venezia Giulia e sulla Provincia Autonoma di Bolzano. 

A causa delle forti nevicate, il Brennero risulta attualmente inagibile per chi arriva da sud. In serata l'autostrada A22 è stata chiusa in direzione nord verso Vipiteno per motivi di sicurezza. Chiusi tutti i passi di montagna.

Le forti nevicate, che hanno fatto capolino in molte regioni del Nord a partire da 48 ore fa, hanno provocato una valanga, in località Biorche nel bresciano, che ha causato la chiusura della strada provinciale 345. Ma è allarme su tutto il territorio montano della provincia dove la neve continua a cadere da 24 ore causando gravi disagi in quota con gran parte del territorio montano colpito da valanghe e frane. A confermare l'emergenza la Provincia di Brescia che sta monitorando la situazione per evitare nuovi disagi. "Oltre alla valanga nei pressi del Bazena - hanno detto i tecnici della Provincia -, stiamo intervenendo a Collio e a Bovegno". Le previsioni non danno miglioramenti per le prossime 24 ore con la neve abbondante fin sopra i 60 metri di altezza.

Allerta arancione sul Friuli Venezia Giulia, su gran parte del Veneto, Emilia-Romagna, Lazio, sulla Provincia Autonoma di Trento, in Umbria, Abruzzo, Campania, Molise, Puglia, Calabria e sull'intero territorio della Sicilia.

In Friuli Venezia Giulia si intensifica il rischio idraulico nell'area del pordenonese e nel Friuli occidentale resta rosso anche il livello della criticità idrogeologica. "Al momento - ha spiegato il vicegovernatore Riccardi - non ci sono state situazione di rilievo ma ci aspettiamo dalla serata una intensificazione dei fenomeni con un incremento delle precipitazioni dovute ad un aumento del vento di scirocco. Le piogge cadute nella notte a cui si sommeranno quelle delle prossime ore ci portano a incrementare il livello di criticità idraulica nell'area pordenonese, che da arancione passerà a rossa".

Valutata inoltre allerta gialla su alcuni settori di Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Liguria, Marche, Lazio, Abruzzo, Campania, Molise, Calabria, Puglia e sull'intero territorio di Toscana e Basilicata.

Allerta meteo arancione a partire dalla mezzanotte su tutta la Campania, a esclusione dell'alta Irpinia e Sannio, dove la criticità è di colore giallo. Ad emanarla la Protezione civile della Regione Campania che segnala temporali anche di forte intensità, venti forti meridionali con raffiche e mare agitato. Situazione non facile anche nel Lazio dove il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso l'avviso di condizioni meteorologiche avverse con indicazione che da questa sera si prevedono sul Lazio precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale. 
Condividi