Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Maltempo.-Allerta-arancione-in-sei-regioni.-Gialla-in-altre-otto-23f90f61-a64c-48ee-84e7-cb9b2cd98218.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Temporali e forti raffiche di vento

Maltempo. Neve e pioggia sull'Italia, un alpinista morto in una valanga

Una nuova perturbazione attraverserà lunedì prima le regioni centrali e successivamente quelle meridionali

Condividi
Vento e pioggia stanno battendo gran parte delle regioni italiane. Domani, rende noto la Protezione civile, un nuovo impulso perturbato attraverserà dapprima le regioni centrali e successivamente quelle meridionali.

Valanga nel Bresciano, un morto
Una persona è stata travolta da una valanga che si è staccata a Monno, nel Bresciano, in zona Mortirolo a quota 2300 metri. L'alpinista è stato estratto dalla neve e portato in codice rosso con l'elisoccorso all'ospedale di Bergamo dove è morto poco dopo. Si sono concluse le ricerche di Soccorso Alpino e Vigili del fuoco per l'eventuale presenza di altri coinvolti.

Abruzzo, 4 persone disperse sul Velino
Risultano disperse quattro persone di Avezzano in zona Valle Majelana, sul massiccio del Velino. Sono partite in serata con gli sci delle squadre del Soccorso Alpino e Speleologico della stazione di Avezzano, L'Aquila e Sulmona ed è stata allertata anche la Guardia di Finanza, per localizzare e mettere in salvo le quattro persone, tre uomini e una donna, che non rispondono ai cellulari. I quattro erano usciti stamattina per una passeggiata in montagna, non avevano gli sci al seguito, ma non sono rientrati a casa e il padre di uno di loro ha allertato il Soccorso Alpino. I quattro sono degli amanti della montagna e stamattina erano partiti dal Rifugio Casale da Monte, dove avevano lasciato le macchine, che si trovano tuttora lì. Non si sa dove i quattro fossero diretti, quello che è certo è che non sono rientrati in serata e che non rispondono ai cellulari, oggetto di geolocalizzazione da parte del Soccorso Alpino e Speleologico per orientare le ricerche.

Regioni in allerta il 25 gennaio
Il dipartimento della Protezione Civile prevede dalle prime ore di domani, lunedì 25 gennaio, venti da forti a burrasca, dai quadranti occidentali, su Toscana, Umbria e Marche, in estensione dalla mattinata a Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia e Calabria, con raffiche di burrasca forte, specialmente sui settori costieri esposti e sulle zone appenniniche. Si segnalano mareggiate lungo le coste esposte.

Valutata l'allerta arancione sul Molise occidentale sulle zone interne del Lazio, sull’intero territorio dell’Umbria e sui bacini nord-orientali dell’Emilia-Romagna. Allerta gialla sulla Basilicata e sui bacini della Calabria tirrenica, sulle restanti zone del Lazio, l’Abruzzo, gran parte del Molise, sui bacini occidentali delle Marche e su alcuni settori di Veneto ed Emilia-Romagna.

In Emilia Romagna, sono stati riaperti i ponti sul fiume Secchia. La piena come quella del fiume Panaro è passata nella notte fino a scendere sotto Soglia 2 .

Critica la situazione nel Lazio, dove per le successive 12-18 ore si prevedono venti da forti a burrasca, dai quadranti occidentali, con raffiche di burrasca forte, specie sui settori costieri esposti e zone appenniniche. Mareggiate lungo le coste esposte.

Campania allerta anche domani
Anche domani resteranno chiusi a Napoli parchi e cimiteri. Lo ha deciso il Comune sulla base dell'avviso di allerta meteo emesso dalla Protezione civile regionale valido dalle 6 alle 18 di domani per 'venti forti, con possibili raffiche.

Collegamenti marittimi ostacolati dal maltempo oggi per le isole di Ischia e Procida nel Golfo di Napoli. A causa del mare agitato da forti venti da sud/sud ovest sono state sospese le corse dei mezzi veloci attive nei giorni festivi e diverse da quelle delle navi traghetto, sia per Pozzuoli che per Napoli. Per la serata, considerate le previsioni meteo ancora negative, difficile ipotizzare il ritorno alla completa regolarità del servizio delle compagnie di navigazione.

Frane e vento a Sondrio
In provincia di Sondrio evacuate 70 persone per una frana. Sempre vicino Sondrio chiusa per il vento la strada statale 36 "del Lago di Como e dello Spluga" dal km 140,7 al km 147,5, nel territorio comunale di  Madesimo. 

Le Eolie
Ancora interrotti i collegamenti con le isole Eolie e le previsioni per domani non annunciano nulla di buono. 

Neve sull'Appennino emiliano
Oltre mezzo metro di neve è caduto sull'Appennino emiliano tra il lato toscano chiuso per il rischio valanghe e quello nel Modenese. Si circola solo con l’obbligo delle catene o gomme da neve.

Roma e il Tevere
Sorvegliato il corso del Tevere che nelle ultime ore si è ingrossato. Chiuse le banchine e sotto controllo le aree più a rischio come quella dell’idroscalo.
Condividi