Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Manovra-a-breve-quattro-tavoli-di-confronto-governo-sindacati-su-pensioni-fisco-Pa-e-investimenti-a891d417-3436-41e0-b6f2-840181712832.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Vertice a Palazzo Chigi

Manovra, a breve quattro tavoli di confronto governo-sindacati su pensioni, fisco, Pa e investimenti

Il ministro dell'Economia, Gualtieri: no passi indietro su riduzione cuneo e lotta evasione

Condividi

Partiranno quattro tavoli di confronto a palazzo Chigi tra governo e sindacati su pensioni e non autosufficienza, fisco, pubblico impiego, investimenti. Lo hanno riferito i sindacati al termine dell'incontro sulla manovra da poco terminato a palazzo Chigi. "L'impegno preso oggi - ha riferito il leader della Uil, Carmelo Barbagallo - e' di continuare la discussione con i ministri del Lavoro, dello Sviluppo economico, del Sud e della Sanita' su argomenti specifici".

Le richieste dei sindacati - ha spiegato Furlan - sono le risorse per il rinnovo del contratto dei dipendenti pubblici; la riforma del fisco; l'attivazione dei cantieri di opere infrastrutturali; la modifica della legge Fornero rendendo strutturale l'Ape sociale, prevedendo la pensione di garanzia per i giovani e il riconoscimento alle donne lavoratrici di un anno di contributi per ogni figlio, separando assistenza da previdenza. Il tutto mantenendo Quota 100.

Gualtieri: "No passi indietro su riduzione cuneo e lotta evasione"
La riduzione del cuneo fiscale e la lotta all'evasione sono i pilastri della manovra e non intendo fare passi indietro. E' quanto ha detto, secondo quanto si apprende, il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, nel corso dell'incontro con i sindacati. Il ministro ha risposto positivamente alle richieste delle organizzazioni sindacali di non arretrare sulla riduzione delle tasse sul lavoro e sul contrasto all'evasione.

"Su plastic tax e auto aziende aperti a migliorare"
Sulla plastic tax siamo aperti a miglioramenti ma senza stravolgere il senso della norma, cosi' come sulle auto aziendali. E' questa, secondo quanto si apprende, la posizione espressa dal ministro dell'economia durante la riunione a Palazzo Chigi.

Condividi