Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Mattarella-in-Algeria-visita-ufficiale-fe87d08d-1e9a-4e21-83e9-dcfe1e83b1d1.html | rainews/live/ | true
MONDO

Sui migranti "l'Europa e l'Africa sono chiamate a fare di più"

Mattarella in Algeria: "Ue e Africa hanno destino comune"

Condividi
"L'Italia spinge per la collaborazione con i paesi sull'altra sponda del mediterraneo che sono la porta per la collaborazione tra Ue e Africa. Penso che il futuro dell'Africa e dell'Ue sia necessariamente comune e in questo ambito l'Algeria ha un ruolo decisivo", afferma il presidente Sergio Mattarella ad Algeri a fianco del presidente algerino Abdelmadjid Tebboune, sottolineando che "il felice rapporto tra Algeria e Italia può essere da ispirazione".

"L'Italia spinge Unione europea per rapporti sempre maggiori con l'Algeria, perché rappresenta  la porta del continente africano, che per Europa è fondamentale . Così il presidente della Repubblica, al termine del bilaterale con l'omologo algerino.

"L'Europa e l'Africa sono chiamate a fare di più, nel segno di una collaborazione aperta, efficace, sincera, dove le posizioni sono talvolta distanti, ma sempre rispettose e costruttive". Così Mattarella aveva detto al quotidiano algerino Libertè parlando del dossier migranti nel giorno del suo arrivo ad Algeri.

Stamane Mattarella si è recato al Monumento del Martire per deporre una corona. Quindi, verso le 11,35 è andato al Palazzo Presidenziale El Mouradia dove la delegazione italiana è stata accolta dal Presidente della Repubblica Algerina Democratica e Popolare, Abdelmadjid Tebboune. 

"Intendiamo intensificare il nostro dialogo" con l'Algeria "anche attraverso il quarto vertice intergovernativo che spero possa avvenire presto, per sviluppare la nostra collaborazione in tutte le forme possibili", afferma il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

"I nostri rapporti sono antichi e si sono rafforzati durante la rivoluzione algerina e durante il decennio nero: l'Italia è stato l'unico paese che ci è rimasto accanto". Il Presidente algerino Abdelmadjid Tebboune accoglie Sergio Mattarella al palazzo presidenziale nel primo giorno della sua visita di Stato ad Algeri e lo ringrazia per la solida amicizia e la sintonia "su tutti i temi discussi".

Tebboune ha riferito che durante il colloquio con il presidente della Repubblica "abbiamo parlato della collaborazione economica; sappiamo che in Italia l'economia si basa sulle piccole e medie imprese, che è anche la nostra ambizione. Per questo siamo molto ottimisti, speriamo che l'incontro del comitato italo-algerino porti a un consolidamento dell'economia basata sulle Pmi".

Anche sui rapporti multilaterali Tebboune ha riferito che con Mattarella c'è stata massima sintonia e sulla crisi libica "i punti di vista sono praticamente uguali". 

 
Condividi