Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Media-donna-grida-Allah-Akbar-e-minaccia-di-farsi-esplodere-nella-stazione-Lione-4a8902ce-4f26-48c7-8609-7e8c7bba0d85.html | rainews/live/ | true
EUROPA

Francia

Media: donna grida 'Allah Akbar' e minaccia di farsi esplodere nella stazione Lione

Bloccata dai reparti antiterrorismo, non aveva nessun esplosivo. Proprio oggi fonti dei servizi avevano detto che "già da alcuni giorni in Francia c'è massima allerta per eventuali attentati": aeroporti e istituzioni probabili obiettivi

Condividi
E' stata evacuata nel primo pomeriggio la stazione ferroviaria Part-Dieu a Lione per una donna che minacciava di farsi esplodere e mostrava un involucro sospetto. La donna, che urlava 'Allah Akbar', indossava il burqa e continuava a gridare "vi faccio saltare in aria", è  stata fermata dai reparti antiterrorismo. Non è stato ritrovato alcun esplosivo ma verifiche con artificieri e squadre cinofile sono ancora in corso.

Proprio oggi fonti della sicurezza a Parigi avevano avvisato che per il clima di tensione dopo la decapitazione dell'insegnante che aveva mostrato in classe le caricature di Maometto, "già da alcuni giorni in Francia c'è massima allerta per eventuali attentati". In particolare, si teme possano essere nel mirino di terroristi "gli aeroporti e le istituzioni francesi". Se attacchi con dei "commando stile militare" come nel 2015 sembrano difficili da riproporre oggi, la Francia teme un'escalation dopo il pugno di ferro del governo contro gli ambienti degli islamisti, le moschee e le associazioni sospette di favorire gli integralisti.

Le indagini sul professore decapitato
Il killer di Samuel Paty, il professore di storia decapitato venerdì scorso nella banlieue di Parigi, era stato in contatto con un "jihadista russofono inSiria": è quanto affermano fonti vicine al dossier. Secondo il quotidiano Le Parisien, questo individuo è stato localizzato grazie al suo indirizzo Protocollo Internet (indirizzo IP). Sarebbe basato a Idleb, ultimo bastione ribelle jihadista in Siria.

Samuel Paty, insegnante di 47 anni a Conflans-Sainte-Honorine, nella  banlieue di Parigi, è stato decapitato venerdì scorso da Abdoullakh Anzorov, un rifugiato di origine cecena di 18 anni, per aver mostrato le caricature di Maometto durante una lezione sulla libertà d'espressione. Una vicenda che ha sconvolto la Francia. Ieri, un omaggio nazionale è stato celebrato alla Sorbona di Parigi in presenza del presidente Emmanuel Macron.
Condividi