Original qstring: print | /dl/rainews/articoli/Merkel-Macron-bilaterale-61ad8ca5-179f-4b4e-b1ab-a1ddd22e8d4b.html | rainews/live/ | true
Rai News
EUROPA

Il 1° luglio scatta il semestre tedesco a Bruxelles

Merkel: non c'è bisogno di nuova proposta su fondo. Negoziato non fallirà a causa mia e di Macron

Recovery fund, bilaterale Merkel-Macron al castello di Meseberg. A due giorni dall'inizio della presidenza tedesca del Consiglio Ue, la cancelliera Angela Merkel ha ricevuto a Berlino il presidente francese Emmanuel Macron, storico alleato

"Non fallirà a causa nostra. E non c'è nuova proposta". Lo ha detto Angela Merkel a proposito delle trattative sul Recovery Fund al consiglio europeo, riferendosi alla posizione di Berlino e Parigi. La cancelliera ha anche sottolineato che "non c'è bisogno di una nuova proposta".

Merkel: legare uso fondi anticrisi anche a riforme interne è proposta eccellente
La  cancelliera tedesca considera che collegare l'uso delle risorse europee (prestiti e sovvenzioni a fondo perduto) al  'semestre' europeo di sorveglianza delle politiche economiche  e di bilancio sia 'estremamente utile per tutti'.

Nella conferenza stampa con il presidente francese Macron ha citato il caso dell'Italia: 'Il premier Conte ha fatto delle proposte' per il rilancio dell'economia italiana e anche noi  in Germania 'possiamo investire di più e lo faremo'. Merkel  ha poi aggiunto che l'idea di legare l'azione anticrisi anche 'all'agenda delle riforme è una proposta eccellente che ci  permetterà di avere molte passerelle e riconciliare molti interessi'. Il semestre europeo è il periodo di supervisione  delle politiche economiche e di bilancio sulla base delle raccomandazioni Ue per migliorare le condizioni  dell'economia. 

Uscire da dibattito con strumento forte
"Per me è importante che usciamo dal  dibattito con uno strumento forte". Così Angela Merkel ha descritto le sue aspettative sul prossimo Consiglio europeo di metà luglio, che dovrà decidere del piano di aiuti post-pandemia in Europa. Merkel ha anche sottolineato che ancora "viviamo nella pandemia": "Il fatto che non vediamo il virus non significa che non ci sia".

'Alla  fine dobbiamo avere uno strumento che funzioni, ci saranno modifiche alle proposte, ma occorre che resti un fondo di  rilancio che serva a qualcosa e che aiuti i Paesi e le regioni più toccati dalla crisi, ha detto la cancelliera tedesca, aggiungendo: 'Non possiamo definire adesso quale sarà il risultato della trattativa, ma occorre che il fondo di rilancio sia sostanzioso: ci sono resistenze  da superare, il risultato non è in tasca, ma sono stati tutti d'accordo (i leader europei) che occorre tutti uscire  più forti dalla crisi, con un bilancio comune, e che ogni  Paese deve anche guardare al proprio interno e fare ciò che deve fare a livello nazionale per rendere l'economia competitiva'.

Macron difende proposta Commissione
Il presidente francese Macron ha difeso in toto la proposta  della Commissione sugli strumenti finanziari anticrisi:  'D'accordo con Merkel, il fondo per il rilancio deve essere  efficace perciò occorre abbia una componente di bilancio  (cioè sussidi - ndr) poi i meccanismi di prestiti con il  programma Sure (casse integrazioni), l'intervento della Bei e il Mes'. Il 'cuore' dell'operazione devono essere le sovvenzioni, ha ribadito, indicando che la proposta di 500 miliardi a quelle dedicati non dovrebbe essere soggetta a  ritagli. '500 miliardi per risorse di bilancio (cioè  sussidi) e 250 miliardi di prestiti è un buon equilibrio, si  può discutere su condizioni, modalità e questo dovrà essere definito nei prossimi giorni'. 

Per noi importante è che "il piano di  rilancio sia efficace" ha detto Macron. I Paesi frugali di cui parliamo, ha poi aggiunto, sono paesi "per i quali partecipare ad uno spazio  comune di prosperità e scambio dà molto". Non è quindi "loro interesse vedere alcuni membri ed in particolare mercati importanti  dell'economia europea essere colpiti. E' quindi solidarietà ma anche  interesse".

Macron: faremo tutto per convincere partner sul Recovery
"Sono lieto di ritrovarmi con Angela Merkel per andare avanti sul piano di rilancio europeo che permetterà di superare la crisi economica e sociale. Faremo tutto il possibile per convincere i nostri partner. L'Europa ne ha bisogno" ha scritto Macron, in un tweet al termine del suo incontro in Germania con la cancelliera tedesca, Angela Merkel.

Accordo arrivi entro luglio, è nostra priorità
"L'accordo sul bilancio pluriennale dell'Ue e sul Recovery plan deve arrivare entro luglio". Così il presidente francese Emmanuel Macron al termine del bilaterale con la cancelliera tedesca Angela Merkel. "Questa è la nostra massima priorità", ha aggiunto Macron citato dai media tedeschi.