Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Mes-Gualtieri-ok-alla-riforma-ma-su-utilizzo-decide-il-Parlamento-6485b07f-50ff-4789-bdcf-992608cbc0cb.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Audizione davanti a sei commissioni di Camera e Senato

Mes, Gualtieri: ok alla riforma, ma su utilizzo decide il Parlamento

"La riforma è cosa distinta dalla scelta se usare o meno il Mes sanitario" ha sottolineato il ministro dell'Economia. "La linea del governo è coerente con indicazioni delle Camere" ha poi ribadito

Condividi
Le decisioni che verranno prese oggi dall'Eurogruppo sulla riforma del Meccanismo europeo di stabilità "non investono in alcun modo l'utilizzo del Mes, la riforma è cosa distinta dalla scelta se usare o meno il Mes sanitario. Su questo esistono posizioni diverse nel Parlamento e nella stessa maggioranza, e ogni decisione dovrà essere condivisa dall'intera maggioranza e approvata dal Parlamento". Lo ha ribadito il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri in un'audizione congiunta davanti a sei commissioni di Camera e Senato.

Grazie anche all'iniziativa dell'Italia, che insisterà su questo punto anche all'Eurogruppo di oggi, la riforma complessiva del meccanismo di stabilità europeo (Mes) avverrà in contemporanea con l'istituzione della rete di sicurezza (backstop) al fondo di risoluzione bancaria e a una valutazione più positiva dei rischi del sistema bancario europeo e italiano. Lo ha sottolineato il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri, ricordando che in precedenza la riforma del Mes e gli altri due punti avvenivano "in sequenza" e non contestualmente. 

Ciò - ha detto Gualtieri - "costituisce un'opportunità da cogliere adesso, valorizzando una valutazione positiva dei progressi delle nostre banche che porterebbe a escludere ogni possibilità di ulteriori misure restrittive o penalizzanti".Infatti "non ci verrebbe richiesto che venissero prese iniziative specifiche" di riduzione dei rischi per le singole banche".

"Linea del governo coerente con indicazioni delle Camere"
"Sul  Mes e sull'Unione economica monetaria la linea seguita dal governo durante il negoziato è stata ed è pienamente coerente con le indicazioni del Parlamento e con la risoluzione di maggioranza approvata lo scorso dicembre" ha ribadito poi il ministro. "Siamo pienamente nel perimetro della risoluzione votata dal Parlamento", ha aggiunto.

Slitta a domani il vertice Conte-capi delegazione
Dovrebbe tenersi domani la riunione tra il premier Giuseppe Conte, i capi delegazione delle forze di maggioranza e i ministeri più coinvolti nella gestione del Recovery plan. Il vertice era atteso per il pomeriggio di oggi, anche se non era mai stato ufficialmente convocato da Palazzo Chigi. Fonti di governo assicurano che il presidente del Consiglio e i capi delegazione si vedranno invece domani, per discutere della cabina di regia legata al Recovery plan ma anche del nuovo Dpcm che andrà a sostituire quello in scadenza il 3 dicembre. 
Condividi