Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Mes-Lega-governo-si-fermi-Chiediamo-intervento-di-Mattarella-valutiamo-esposto-contro-Conte-23f52ee9-27f7-4d7c-8b95-f01f773bb18e.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Scontro sul Meccanismo europeo di stabilità "salva Stati"

Salvini : "Da Conte attentato ai danni degli italiani". La replica: lo querelo, non usi l''immunità

Il leader della Lega: "Governo si fermi, chiediamo l'intervento di Mattarella. Siamo di fronte a una totale mancanza di trasparenza". Replica Conte: "Salvini faccia un esposto, lo querelo per calunnia e non usi l'immunità come ha fatto con il caso Diciotti". Informativa del premier in Aula alla Camera lunedì alle ore 13

Condividi

Si alza il livello dello scontro tra Matteo Salvini e Giuseppe Conte. Il leader della Lega attacca il presidente del Consiglio sul Meccanismo europeo di stabilità e lo accusa di "attentato agli italiani". Conte si dice pronto a denunciarlo per calunnia e avverte: non usi l'immunità come ha fatto per il caso Diciotti. E' stata intanto fissata per lunedì 2 dicembre, alle ore 13, l'informativa nell'Aula della Camera del premier sul Mes. Lo ha stabilito la Conferenza dei capigruppo di Montecitorio.

Conte: "Salvini faccia esposto, querelo per calunnia"
"Il primo momento utile è lunedì, come sempre sarò in Parlamento, in modo trasparente, a riferire tutte le circostanze. A chi oggi si sbraccia a minacciare, io dico: Salvini vada in procura a fare l'esposto, e io querelerò per calunnia". Lo afferma Giuseppe Conte da Accra riferendosi alle parole del leader della Lega sul Mes.

"Spazzerò via palesi menzogne su Mes"
"Come sempre - ha aggiunto il premier - sarò in Parlamento, in trasparenza, a riferire tutte le circostanze e verranno spazzate vie mezze ricostruzioni, mistificazioni, mezze verità e palesi menzogne di chi oggi si sbraccia a fare dichiarazioni altisonanti". 

"Io non ho immunità e lui non ne approfitti"
Il premier Conte ha concluso: "A Salvini, se è un uomo d'onore, dico questo: vada in Procura a fare un esposto. Io non ho l'immunità, lui ce l'ha, ne ha approfittato per la Diciotti, lo querelerò per calunnia e l'invito a non approfittarne più". 

Salvini: io e Lega non ci spaventiamo per qualche querela
"Chi pensa di farci paura con qualche querela sappia che ha sbagliato partito, ha sbagliato persona". Lo afferma il leader della Lega, chiudendo tra gli applausi del teatro Italia gremito per la manifestazione "Roma torna capitale". ''C'è un momentaneo presidente del Consiglio che mi ha detto che mi querela. Io gli dico che deve mettersi in fila e prendere il bigliettino. Prima c'è Carola, poi  Cucchi...'', dice Salvini. "Non vedo l'ora di trovarmi in tribunale per vedere, anche domani, chi ha difeso l'interesse degli italiani e chi l'ha tradito".

L'accusa a Conte: "Attentato agli italiani, il governo venga in Parlamento"
"Fermatevi finché siete in tempo: torniamo in Parlamento e ridiscutiamo tutto. Questo è un attentato alla sovranità nazionale", aveva affermato il leader della Lega, Matteo Salvini, in una conferenza stampa alla Camera, lanciando un appello al governo a tornare in Parlamento sul tema del Mes. "Conte ha compiuto un attentato ai danni degli italiani. I nostri legali stanno studiando l'ipotesi di un esposto ai danni del governo e di Conte" per come ha agito sul Mes. Siamo di fronte a una totale mancanza di trasparenza, è il tradimento dell'Unione europea, roba da Unione Sovietica". E ha aggiunto, riferendosi al Capo dello Stato: "Chiederemo un incontro al presidente della Repubblica, garante della Costituzione".

Molinari: chiediamo l'intervento di Mattarella
Alle parole del leader Salvini fa eco il il capogruppo a Montecitorio della Lega, Riccardo Molinari. "​Il governo non ha rispettato il mandato del Parlamento, un fatto gravissimo. Chiediamo l'intervento di Mattarella, c'è da difendere la Costituzione e il parlamentarismo", ha affermato.

Giorgetti: "Abbiamo detto il nostro no in Parlamento"
"La Lega sapeva del Mes e abbiamo detto la nostra nelle sedi in cui doveva essere fatto. Ci sono sedi informali in cui si preparano i negoziati e in quelle sedi abbiamo detto il nostro no. Poi l'abbiamo fatto nella sede regina, in Parlamento, dove avremmo dovuto farlo?" ha detto Giancarlo Giorgetti. "Non accettiamo la ricostruzione artefatta di questi giorni. Se Conte ha cambiato idea nessun problema. Se ci ha ripensato venga in Parlamento e votiamo una risoluzione".

Smeriglio (Pd) : "Salvini prima lo approva poi se lo scorda"
"Salvini ha una pessima memoria: non ricorda di aver approvato il Mes quando era al governo ed ora sbraita e diffonde l'ennesima fake news sul governo. La verità è che si tratta di un meccanismo di solidarietà a tutela degli stati più deboli, ma a quanto pare non è questo che vuole la Lega". Lo afferma Massimiliano Smeriglio, europarlamentare indipendente eletto nelle liste del Pd.

Di Maio: il negoziato va migliorato difendendo Italia
"Non è il fatto che si modifichi il Mes il problema, ma il come. C'è massima fiducia in Conte e Gualtieri, ma è evidente che occorre migliorare il negoziato difendendo gli interessi dell'Italia. Resta solida la nostra appartenenza a euro ed Europa, malgrado ciò se qualcosa non è accettabile va migliorata. E la riforma del Mes si può migliorare, siamo qui per questo". Questo in sintesi il messaggio  del capo politico di M5s, Luigi Di Maio, al gruppo parlamentare che ha chiesto il mandato all'assemblea per discutere con il ministro dell'Economia e il presidente del consiglio questa posizione. A seguire la questione, insieme a Di Maio, ci saranno la sottosegretaria alle politiche dell'Unione europea Laura Agea e i due capigruppo di Camera e Senato.

Condividi