Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Messico-sindaco-donna-uccisa-il-secondo-giorno-di-incarico-25190c3b-da07-4c07-9519-ceffde4149d4.html | rainews/live/ | true
MONDO

Era stata eletta a Temixco (Morelos)

Messico, sindaco donna uccisa da un commando il secondo giorno di incarico

In campagna elettorale aveva promesso dura lotta alla criminalità organizzata e in particolare alle bande di narcotrafficanti 

Gisela Mota (Ap)
Condividi
Una donna sindaco è stata uccisa in Messico un giorno dopo il suo insediamento. Gisela Mota, 33 anni, del Partito di sinistra della Rivoluzione Democratica, era appena stata eletta a Temixco, nello stato di Morelos, 85 chilometri a sud di Città del Messico. Ed aveva promesso di contrastare la criminalità organizzata e i narcotrafficanti. Poche ore dopo aver prestato giuramento è stata assassinata insieme ad altre due persone da un commando di quattro killer mentre si trovava nel suo appartamento. Secondo la ricostruzione fornita da alcuni media locali, dopo l'omicidio si è scatenato un conflitto a fuoco tra gli assassini e la scorta del sindaco. Due degli aggressori sono morti e altri due sono stati arrestati. Secondo altre fonti invece la sparatoria è cominciata quando i quattro, in fuga a bordo di un furgone, si sono scontrati accidentalmente con una pattuglia della polizia.

Violenza a Morelos
Secondo uno studio del Consiglio per la sicurezza pubblica diffuso nel 2015, a Morelos si registra l'indice di violenza più elevato dei 32 Stati messicani: i dati ufficiali parlano di 449 omicidi nel 2015, 24 in più del 2014. Mota, ex parlamentare, in campagna elettorale aveva promesso dura lotta alla criminalità organizzata e in particolare alle bande di narcotrafficanti che operano nella città industriale di circa 90.000 abitanti. 
Condividi