Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/Messico-ucciso-lo-scrittore-e-giornalista-Javier-Valdez-Cardenas-esperto-di-narcotraffico-6692ce7f-ed5a-4c20-ad4b-8f3210967356.html | rainews/live/ | true
MONDO

Messico, ucciso lo scrittore e giornalista Javier Valdez: era esperto di narcotraffico

Era esperto di narcotraffico e criminalità organizzata. Si tratta del sesto giornalista ucciso nell'ultimo anno nel Paese.

Foto dal profilo twitter di Javier Valdez
Condividi
Il giornalista e scrittore messicano Javier Valdez Cárdenas  è stato ucciso oggi da colpi di arma da fuoco a Cualiacán, capitale dello Stato nordoccidentale di Sinaloa.  Fondatore del portale di notizie Riodoce, 50 anni, collaborava come free lance anche per l'agenzia France Presse.

Valdez, che nel 2011 aveva vinto il premio Libertà di Stampa del Comitato per la protezione dei giornalisti e il 'Maria Moors Cabot' con la squadra del settimanale Riodoce, è stato bloccato e raggiunto da proiettili da un'auto in corsa mentre camminava per strada.  Il reporter è stato intercettato da un gruppo di sicari al suo arrivo alla sede del suo giornale e ucciso a colpi di arma da fuoco in mezzo alla strada e alla luce del giorno. 

Esperto di narcotraffico e criminalità organizzata, Valdez lavorava anche per il quotidiano la Jornada di Sinaloa.  Era uno dei giornalisti messicani più impegnati nel seguire la cronaca della guerra fra le diverse organizzazioni narcos a Sinaloa -l'ex feudo del "chapo" Guzman. Si tratta del sesto giornalista ucciso nell'ultimo anno nel Paese.

​Il suo ultimo libro è intitolato "Narco-giornalismo: la stampa fra il crimine e la denuncia". Sul suo profilo twitter c'è scritto: "Ci sono persone che non possono rimanere in silenzio".


Condividi