Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Migranti-Salvini-Hotspot-a-confini-esterni-Libia-0dbe0d1d-76c2-4a7e-a716-204728c14488.html | rainews/live/ | true
MONDO

Dopo l'incontro a Tripoli con il ministro dell'Interno libico

Migranti, Salvini: "Hotspot ai confini esterni della Libia"

Conferenza stampa al Viminale

La conferenza stampa al Viminale
Condividi
I centri "di protezione e identificazione dei migranti saranno ai confini esterni della Libia". Lo ha detto il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, in una conferenza stampa al Viminale di ritorno dalla trasferta a Tripoli. "Presto ci sarà una missione a partecipazione italiana con i Paesi coinvolti: Niger, Mali, Ciad e Sudan".

"Bloccare business immigrazone bloccando le Ong"
"Bloccare il business dell'immigrazione clandestina significa bloccare l'intervento dannoso e pericoloso di queste navi straniere che aldilà di ogni sicurezza, sia dei marinai libici, che degli stessi immigrati, procedono nell'assoluta mancanza di rispetto delle regole internazionali. In Libia, tutti gli interlocutori mi hanno ringraziato per la posizione ferma del governo italiano e ci hanno chiesto di proseguire in questa attività di blocco del traffico di esseri umani che vede nelle ong soggetti assolutamente complici e protagonisti", ha aggiunto Salvini.

"Lifeline, ministro francese ignorante"
"Il ministro francese è ignorante, nel senso che ignora che la Lifeline batte bandiera dubbia, in acque altrui, che agisce ignorando segnalazioni sia della Guardia Costiera italiana che libica. E' una nave fuorilegge. Ovunque attracchi è una nave che va sequestrata con l'equipaggio in stato di fermo e mi stupisce questa cattiveria dei francesi".

Così Salvini replica poi al ministro francese per gli Affari europei, Nathalie Loiseau, che ha affermato che spetta all'Italia farsi carico della nave umanitaria Lifeline.

"Sarebbe un bel gesto l'apertura del porto di Marsiglia a questa nave che non si comprende perché dovrebbe arrivare in Italia". E poi un nuovo attacco a Macron: "Sui ricollocamenti l'Ungheria di Orban è inadempiente per 300 unità, la Francia del buon Macron per 9000 unità.  Quindi se Orban è cattivo, Macron è 15 volte più cattivo".

"Sos ignorati? Mio ok se Toninelli decidesse"
Il governo italiano ha dato disposizione alla Guardia Costiera di ignorare gli SOS provenienti dalle navi delle ONG nel Mediterraneo? "Chiedetelo a Toninelli ma se così fosse avrebbe il mio totale sostegno", ha quindi affermato Salvini rispondendo ad una domanda di un giornalista nel corso della conferenza stampa al Viminale al termine della sua missione in Libia.

Maiteeq: rifiutiamo categoricamente campi qui 
"Rifiutiamo categoricamente" la proposta circolata in ambito europeo di realizzare "campi per migranti in Libia: non  è consentito dalla legge libica". Lo aveva detto il vicepresidente libico Ahmed Maiteeq in una conferenza stampa congiunta a Tripoli con il ministro dell'Interno, Matteo Salvini. "Abbiamo diversi punti in comune con la strategia europea per la gestione dell'immigrazione illegale ma respingiamo categoricamente la presenza di ogni campo per migranti in Libia, va contro la legge libica e contro il volere dei libici". Il vice premier libico chiede inoltre che l'immigrazione sia gestita dall'Ue "nell'ambito di un programma libico".
Condividi