Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Milano-Truffa-telefonia-per-servizi-a-pagamento-su-cellulari-d6f792f9-7787-442f-959b-62e719860e75.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Perquisita la sede di Wind-Tre

Milano. Truffa telefonia per servizi a pagamento su cellulari

 L'indagine del Nucleo tutela privacy e frodi tecnologiche della Guardia di Finanza. Migliaia i truffati. Un giro da milioni di euro. Il procuratore Greco: "I cittadini oggetto delle peggiori scorrerie"

Condividi
Sono 11 gli indagati nell'inchiesta della procura di Milano sulle truffe nei confronti di migliaia di utenti delle compagnie telefoniche che si sono visti addebitare dei servizi a pagamento senza aver mai dato il consenso. 
La Guardia di Finanza ha perquisito e sequestrato materiale nella sede legale di Windtre, a Rho, nel milanese.

12 i milioni di euro già sottoposti a sequestro preventivo. 

Inviata dalla procura di Milano, una lettera all'Autorità garante per le comunicazioni in relazione alla posizione di Vodafone, Tim e un'altra società. 

Un sistema durato anche con il Covid
Dai riscontri fatti dal consulente informatico della procura, il sistema truffaldino, non si e' interrotto neppure durante l'emergenza nazionale per diffusione de Covid.

Gli Indagati
Tra gli indagati tre i dirigenti di Windtre, aggregatori/hub tecnologici, e content service provider (CSP), che, in concorso tra loro e insieme ad altre 8 persone che avrebbero gestito la truffa.

Giro d'affari
Un business illecito da milioni di euro - secondo gli investigatori - con opportunità di guadagno "mediante le attivazioni dei servizi a pagamento sulle connessioni mobili" degli utenti. La tecnologia utilizzata si inseriva anche nello "scambio di dati tra macchine il cosiddetto "machine to machine", m2m e non aveva bisogno di consenso da parte degli utenti.

Reati
Le ipotesi di reato sono frode informatica ai danni dei consumatori, intrusione abusiva a sistema telematico e tentata estorsione contrattuale.

Il indagini coordinate da Francesco Greco
Secondo l'indagine coordinata dal Procuratore della Repubblica Francesco Greco, dall'aggiunto Eugenio Fusco e dal pm Francesco Cajani, bastava visitare una pagina web, talvolta con l'inganno di fraudolenti banner pubblicitari e, senza far nulla (Zero Click), ci si ritrovava immediatamente ad essere abbonati a un servizio che prevede il pagamento di una somma di denaro sul conto telefonico ogni settimana o mese in cambio dell'accesso a contenuti come notizie, oroscopi, suonerie, meteo, gossip, video o altro. Si tratta di un business illecito da milioni di euro con opportunità di guadagno anche mediante le attivazioni dei servizi VAS sulle connessioni mobili usate tra macchine per lo scambio di dati (le cosiddette machine to machine, M2M) senza alcun consenso da parte di utenti.

Il commento di Greco
Questa indagine "è il sintomo di una situazione che deve essere sottoposta al controllo". Sono le parole del procuratore Francesco Greco che aggiunge lapidario, altrimenti "il cittadino diventa oggetto delle peggiori scorrerie". 

Il cybercrime è il terzo problema del mondo dopo disastri ambientali e climatici
"Il consumatore ignaro e' esposto a siti falsi, che erogano servizi falsi", ha sottolineato ancora Greco. Quello del cybercrime e' un "problema esiziale in un mondo iperoconnesso" a suo avviso, perche' rende i cittadini vulnerabili ed "esposti a qualsiasi cosa". "Sono convinto che il cybercrime e la frode siano la vera caratteristica della moderna criminalita': dopo i disastri ambientali e climatici sono il terzo problema del mondo. Ma, purtroppo, non e' percepito come tale ne' nella cultura generale ne' nelle forze dell'ordine", ha considerato ancora il numero uno della procura di Milano, che ha fortemente voluto l'istituzione di un quarto dipartimento della magistratura inquirente milanese, che si occupa di questi reati, affidandolo all'Aggiunto, Eugenio Fusco. Greco ha invitato infine anche alla "riflessione" su quanto "nello smart working siamo privi di difese e sicurezza".
 
Condividi