Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Mondo-di-mezzo-sentenza-appello-condanna-massimo-carminati-salvatore-buzzi-associazione-mafiosa-a38d1725-7205-4e03-9c77-1858613cba11.html | rainews/live/ | (none)
ITALIA

Mafia Capitale a Roma

Mondo di mezzo, sentenza d'appello: 18 anni a Buzzi, 14 anni a Carminati. C'è l'associazione mafiosa

I giudici in merito all'accusa di mafia hanno ribaltato la sentenza di primo grado del processo nell'aula bunker di Rebibbia che vede imputate 43 persone tra cui l'ex terrorista dei Nar Massimo Carminati e il ras delle coop romane, Salvatore Buzzi

Condividi
Nell'aula bunker di Rebibbia è arrivata la sentenza nel processo di appello al cosiddetto 'Mondo di Mezzo': il collegio dei giudici presieduto da Claudio Tortora dopo essersi ritirato in camera di consiglio ha dato lettura dell'attesa sentenza di secondo grado. I principali imputati sono stati condannati a pene lievemente ridotte rispetto al primo grado: Massimo Carminati a 14 anni e 6 mesi, Salvatore Buzzi a 18 anni e 4 mesi. Ma è stata riconosciuta l'associazione a delinquere di stampo mafioso.

Pene ridotte per Buzzi e Carminati
I giudici del tribunale di Roma hanno condannato a 18 anni e 4 mesi il cosiddetto Ras delle coopperative, Salvatore Buzzi. Nei confronti di Massimo Carminati, già terrorista dei Nar, è stata adottata una pena di 14 anni e sei mesi. Secondo il legale di Carminati, gli sono state riconosciute le attenuanti generiche, negate le recidive ed è stato assolto da alcuni reati marginali. Collegati in videoconferenza dai penitenziari di Opera e di Tolmezzo, Buzzi e Carminati non hanno voluto essere ripresi dalle telecamere al momento della lettura della sentenza. 

 

Riconosciuta l'aggravante dell'associazione mafiosa
La corte ha riconosciuto l'associazione di stampo mafioso (articolo 416 bis) nel processo al Mondo di Mezzo, ribaltando l'impostazione dei giudici di primo grado. Il collegio, presieduto da Claudio Tortora, ha riconosciuto anche l'aggravante del metodo mafioso.

Quella del Mondo di Mezzo è mafia
I giudici  in merito all'accusa di mafia hanno ribaltato la sentenza di primo grado del processo nell'aula bunker di Rebibbia. I giudici di Appello hanno quindi ammesso il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso, accusa caduta nel verdetto di primo grado di luglio 2017, che aveva riconosciuto l'esistenza di due associazioni a delinquere "semplici" ai cui vertici c'erano Carminati e Buzzi.  

Libertà vigilata a fine pena per Buzzi, Carminati e altri due
Agli unici quattro imputati del processo al Mondo di Mezzo che sono stati condannati a pene superiori ai dieci anni di reclusione è stata applicata anche la misura di sicurezza della libertà vigilata per 3 anni, da eseguire una volta espiata la pena. La terza corte d'appello di Roma, infatti, lo ha disposto nei confronti di Salvatore Buzzi (condannato a 18 anni e 4 mesi di reclusione), di Massimo Carminati (14 anni e mezzo), di Riccardo Brugia (11 anni e 4 mesi) e di Matteo Calvio (10 anni e 4 mesi).

Il pm: riconosciuta la nostra tesi
 "Abbiamo sempre detto che le sentenze vanno rispettate. Lo abbiamo fatto in primo grado e lo faremo anche adesso. La corte d'Appello ha deciso che l'associazione criminale che avevamo portato in giudizio era di stampo mafioso e utilizzava il metodo mafioso. Era una questione di diritto che evidentemente i giudici hanno ritenuto fondata". Così ha detto il procuratore aggiunto Giuseppe Cascini, in aula insieme al pm Luca Tescaroli in applicazione ai sostituti procuratori generali Antonio Sensale e Pietro Catalani.

Salvi: riconoscimento mafia è punto di arrivo e di partenza
"La Corte d'Appello di Roma ha accolto l'impugnazione della Procura Generale e della Procura della Repubblica di Roma e ha riconosciuto il carattere mafioso dell'associazione. Questo è il punto di arrivo di un intenso impegno e al tempo stesso di partenza". Così in una nota il procuratore generale della Corte d'Appello di Roma, Giovanni Salvi. "La consapevolezza dell'esistenza anche a Roma e nel Lazio di forze criminali in grado di condizionare la vita economica e politica e di indurre timore nella popolazione resta il centro di riferimento delle iniziative giudiziarie, che devono necessariamente essere accompagnate dalla crescita della coscienza civile e dal risanamento della struttura della pubblica amministrazione", prosegue la nota. "Si è rivelata efficace la scelta organizzativa di costituire un gruppo di lavoro misto della Procura generale e della Procura della Repubblica, al quale va il ringraziamento del mio ufficio", conclude Salvi. 

Tutti i condannati per associazione mafiosa
Sono 18 gli imputati ai quali, a vario titolo e a seconda delle diverse posizioni processuali, i giudici della terza corte d'Appello hanno attribuito l'associazione a delinquere di stampo mafioso (416 bis codice penale), o il solo concorso esterno, e l'aggravante del metodo mafioso previsto dall'articolo 7 della legge del 1991. Oltre ai nomi di Carminati e Buzzi, la lista comprende quelli di Claudio Bolla (4 anni e 5 mesi), Riccardo Brugia (11 anni e 4 mesi), Emanuela Bugitti (3 anni e 8 mesi), Claudio Caldarelli (9 anni e 4 mesi), Matteo Calvio (10 anni e 4 mesi), Paolo Di Ninno (6 anni e 3 mesi), Agostino Gaglianone (4 anni e 10 mesi), Alessandra Garrone (6 anni e 6 mesi), Luca Gramazio (8 anni e 8 mesi), Carlo Maria Guarani' (4 anni e 10 mesi), Giovanni Lacopo (5 anni e 4 mesi), Roberto Lacopo (8 anni), Michele Nacamulli (3 anni e 11 mesi), Franco Panzironi (8 anni e 4 mesi), Carlo Pucci (7 anni e 8 mesi) e Fabrizio Franco Testa (9 anni e 4 mesi).

Il legale di Carminati: "Un processetto"
Lapidario il commento del legale di Massimo Carminati alla lettura della sentenza. "L'ho detto e lo ripeto: questo è un processetto", sostiene Giosuè Bruno Nasi al microfono dell'inviata di Rainews24 Silvia Balducci.



La sentenza di primo grado
Nel luglio del 2017 venne riconosciuta  l'esistenza di due associazioni a delinquere "semplici" che avevano proprio in Carminati e Buzzi i punti di riferimento. Per l'ex Nar il pg aveva chiesto una condanna a 26 anni e mezzo e per Buzzi ha sollecitato 25 anni e 9 mesi. In primo grado i due  furono condannati rispettivamente a 20 e a 19 anni.  In totale sono state rinnovate richieste di condanna per 430 anni nei confronti degli imputati, di cui 19 accusati di associazione di stampo mafioso.

Raggi: Roma devastata da crimine e politica corrotta
La sentenza di appello nel processo 'Mondo di Mezzo' riconosce il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso, "criminalità e politica corrotta hanno devastato Roma, responsabili giusto che paghino. Noi proseguiamo il nostro cammino sulla strada della legalità". Lo scrive su Twitter il sindaco della capitale, Virginia Raggi, che già in aula aveva commentato subito dopo la pronuncia della corte che essa "conferma, qualora ce ne fosse ancora bisogno, che bisogna tenere la barra dritta sulla legalità. È quello che stiamo facendo e continueremo a fare per questa città e i cittadini".

Legale di Libera: sentenza riconosce lavoro inquirenti
"Questa sentenza riconosce in pieno il valore del lavoro della Procura di Roma e dell'Arma dei Carabinieri". Così l'avvocato Giulio Vasaturo, legale di parte civile per l'associazione Libera di don Luigi Ciotti, commenta la sentenza del processo di appello al 'Mondo di Mezzo'. "Il mio pensiero in questo momento va anche a quei giornalisti, come Lirio Abbate, che per primi hanno illuminato la realtà di questa organizzazione mafiosa e che per questo sono stati fatti oggetto di smodati attacchi", aggiunge.
Condividi