Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Morto-accoltellato-nel-Milanese-omicida-confessa-8e51f59f-c782-453e-b838-4b6d422f318d.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Cesano Boscone

Morto accoltellato nel Milanese: l'omicida confessa

"Volevo difendere la madre di mio figlio", ha detto il 56enne che domenica notte si era costituito

Condividi
"Volevo difendere la madre di mio figlio". Così si è giustificato il 56enne tunisino che si è costituito domenica notte, intorno alle 23:15, ai Carabinieri di Corsico (Milano) ammettendo di aver accoltellato alla gola a Cesano Boscone (Milano) Luigi Danesi, 36 anni, morto prima del suo arrivo all'ospedale Niguarda.

Il nordafricano ha inoltre fatto ritrovare il coltello da cucina utilizzato per colpire la vittima, che non aveva mai visto prima in vita sua.

Stando alle indagini dei militari dell'Arma, diretti dal tenente colonello Domenico La Padula e il tenente Armando Laviola, il 56enne, pluripregiudicato per reati di droga, furti e lesioni, passando casualmente intorno alle 15:13 in via dei Tigli nel comune dell'hinterland ha sentito la donna con cui aveva avuto un figlio di 13 anni discutere animatamente con un altro uomo.

Alla base del litigio - stando alle versione della 39enne - questioni legate alla separazione in corso con Danesi, con cui era sposata dal 2018 senza aver mai convissuto perché l'uomo si trovava in carcere. Il 56enne senza fissa dimora è quindi intervenuto nel cortile condominiale per separare i due.

Poco dopo l'omicida si è allontanato per andare a recuperare la lama che teneva nascosta in un'area del giardino del complesso residenziale con la quale ha poi ferito con unico fendente alla gola Danesi. Con il rivale a terra, il 56enne ha detto alla donna con cui era in buoni rapporti di chiamare il 112 prima di allontanarsi. Dopo aver girovagato alcune ore tra Cesano Boscone e il quartiere Olmi a Baggio in tarda serata si è presentato in caserma.

In accordo con il pm di turno Silvia Bonardi il 56enne, in Italia dal 1976, è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria con l'accusa di omicidio volontario.
Condividi