Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Morto-il-giornalista-Nicola-Caracciolo-19d3bff0-9a7f-41f1-84c9-52ddcd87a063.html | rainews/live/ | true
CULTURA

E' morto il giornalista Nicola Caracciolo

Storico e presidente onorario di Italia Nostra, aveva 88 anni

Condividi

È scomparso a 88 anni il giornalista Nicola Caracciolo, corrispondente dagli Usa per La Stampa. La sua passione è sempre stata la storia, fin da giovane. E' stato autore attento alla divulgazione, curatore antesignano di dossier di storia contemporanea  (memorabile l'intervista all'ultima ex regina d'Italia Maria Josè, che mai in precedenza aveva rotto il suo silenzio),  e di importanti inchieste televisive per la Rai sulla Seconda Guerra mondiale e il dopoguerra, e sullo sterminio degli ebrei italiani.

Nato a Firenze il 19 maggio 1931, era fratello di Marella Caracciolo Agnelli e di Carlo Caracciolo, editore della Repubblica ai tempi della sua fondazione (1976).

Ambientalista convinto, si era speso in particolare per la conservazione dell’ambiente naturale e contro la realizzazione dell’autostrada in Maremma, dove era di casa, tanto da essere chiamato dalla gente “il principe di Capalbio”. Nella cittadina aveva guidato il premio letterario di piazza Magenta e la sezione Maremma Tuscia di Italia Nostra, associazione di cui era presidente onorario. La moglie Rossella Sleiter ha lavorato per molti anni come giornalista a Repubblica e ancora oggi cura sul Venerdì la rubrica "Natura"

Tra le sue inchieste televisive è particolarmente significativa la serie 'Il coraggio e la pietà' sulla storia degli ebrei italiani dopo la promulgazione delle leggi razziali del 1938, analizzando sia il ruolo di chi, denunciò i propri concittadini ebrei, sia di chi si adoperò per proteggerli. Allo stesso tema aveva dedicato anche il saggio 'Gli ebrei e l'Italia durante la guerra 1940-45' (Bonacci, 1986). Per la Rai firmò anche le inchieste "Hitler e Mussolini: Gli anni degli incontri" (1998), "Galeazzo Ciano una tragedia fascista" (1997),  "Succede un quarantotto" (1993), "I 600 giorni di Salò" (1991). Tra i suoi libri "Tutti gli uomini del Duce" (Mondadori, 1982).

Negli anni Novanta aveva firmato con Valerio Emanuele Marino il documentario Succede un Quarantotto sull'immediato dopoguerra italiano.

Condividi