Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Mosca-disloca-nuova-batteria-di-missili-S-400-in-Crimea-4e7123fe-5cd8-4d26-b312-e2f6e6cc39cb.html | rainews/live/ | true
MONDO

La crisi delle navi ucraine sequestrate a Kerch

Mosca disloca una nuova batteria di missili S-400 in Crimea

Il Cremlino: l'incontro Putin-Trump al G20 si farà 

Condividi
La Russia dislocherà in Crimea un'altra batteria di S-400, i sistemi anti-missilistici capaci di abbattere aerei nemici in un raggio di 400 chilometri oltre ad altri obiettivi, come i missili balistici. Lo ha detto il ministero della Difesa russo, citato da Interfax. In Crimea sono presenti già tre batterie di S-400. I nuovi sistemi saranno operativi "entro la fine dell'anno".

Per Mosca ucraini hanno cercato di avvicinarsi "segretamente" 
L'annuncio del capo del servizio stampa del distretto militare meridionale russo, Vadim Astafyev, getta benzina sul fuoco della già rovente crisi navale di Kerch, seguita al sequestro da parte russa di tre navi ucraine domenica scorsa. E mentre si attende per oggi il verdetto per 12 marinai ucraini fermati dalla guardie di frontiera russe - gli altri 12 sono comparsi davanti al giudice già ieri e sono stati incarcerati per due mesi -, il Servizio di sicurezza federale (FSB) russo ha fatto pubblicare da Ria Novosti i documenti sequestrati a bordo. Le informazioni raccolte, secondo Mosca, suggeriscono che gli ucraini abbiano cercato di avvicinarsi "segretamente" allo stretto ed entrare nel Mar d'Azov. 

Il rischio escalation 
L'annuncio del dispiegamento giunge all'indomani dei commenti del Cremlino sulla legge marziale proclamata in Ucraina che "potrebbe portare a un'escalation" della situazione. "Potenzialmente, l'imposizione della legge marziale in un certo numero di regioni potrebbe rappresentare una minaccia per l'escalation di tensione nell'area di conflitto, vale a dire il Sud-est", ha detto Dmitri Peskov, portavoce del presidente russo, dopo che il leader dell'Ucraina Petro Poroshenko ha affermato che la legge marziale viene introdotta in otto regioni dell'Ucraina, nonché nell'area delle coste dell'Azov e del Mar Nero. La Rada ha chiarito che la legge marziale sarà introdotta anche nelle regioni di Zaporozhye e Donetsk.

Cremlino: l'incontro Putin-Trump al G20 si farà 
Nonostante l'acuirsi della crisi con Kiev, il Cremlino continua i preparativi per l'incontro tra il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo statunitense Donald Trump durante il vertice del G20 di fine mese in Argentina. "I preparativi proseguono, l'incontro è stato concordato, non abbiamo altre informazioni dalle nostre controparti statunitensi", ha detto il portavoce presidenziale russo Dmitri Peskov a chi gli chiedeva della possibilità che il vertice russo-statunitense in Argentina possa essere cancellato, così come paventato da Trump.
Condividi