Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Nagorno-Karabakh-Scontri-a-Hardut-e-Stepanakert-ca85281a-a9dd-425e-9e4c-04814052651a.html | rainews/live/ | true
MONDO

Una tregua fragile

Nagorno- Karabakh, violata nuovamente la tregua. Proseguono gli scontri

Botta e risposta tra Baku ed Erevan che si accusano a vicenda di aver violato il cessate il fuoco raggiunto con Mosca
 

Condividi
Si combatte tra le forze armate armene e azere. Questa mattina, secondo la AFP,che cita suoi inviati sul campo l’eco dei bombardamenti ha raggiunto la città azerbaigiana di Barda, non lontano dalla linea del fronte. Un fotografo nella principale città del Karabakh, Stepanakert, ha riferito di bombardamenti verso la città di Hadrut. Ed è la città di Hadrut il terreno di scontro tra milizie e i rappresentanti dei due governi.
 
L’agenzia Interfax  riporta la dichiarazione dell’addetto stampa del presidente non riconosciuto della Repubblica del Nagorno-Karabakh (NKR), Vahram Poghosyan che parla di “ostilità su vasca scala”. "Il nemico ha concentrato numerose truppe in questa zona e sta cercando di entrare in città: l'esercito di difesa del Karabakh sta combattendo ferocemente per ogni pezzo di terra".
 
L'esercito azerbaigiano sta rispettando il cessate il fuoco di Karabakh. Lo ha detto il Ministero della Difesa azerbaigiano parlando sempre con l’agenzia Interfax. "Le forze armate azere stanno rispettando rigorosamente il cessate il fuoco umanitario e non sono impegnate in alcuna ostilità", ha detto il ministero, che ha liquidato come "disinformazione" i rapporti degli armeni sulla presunta presenza delle forze azere nelle vicinanze di Hadrut. "Hadrut è stata liberata dall'occupazione armena diversi giorni fa", ha detto il ministero.

La contraerea armena ha abbattuto sui cieli del Nagorno Karabakh un jet militare Sukhoi-25 dell’Azerbaigian. La notizia è stata data via Facebook dalla portavoce del ministero della Difesa di Erevan, Shushan Stepanyan. La portavoce ha anche aggiunto che diversi Su-25 dell'Aeronautica militare azera sono operativi lungo la linea del fronte con il supporto di F-16 turchi.
 
 
 
 
Condividi