Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Napoli-24enne-accusato-di-sevizie-fermato-per-tentato-omicidio-I-genitori-Non-voleva-fare-male-b1559d57-baae-4473-8116-9482ee04df43.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Il Garante per l'Infanzia: "Non è bullismo ma violenza pura"

Napoli.In rianimazione 14enne seviziato. Fermo a 24enne per tentato omicidio. Genitori:"E' un gioco"

L'aggressione in un autolavaggio a Pianura. Il giovane é stato seviziato con tubo aria compressa. Ora è in rianimazione ma non sembra più in pericolo di vita. Fermato un 24enne per tentato omicidio. Denunciati altri due. Uno avrebbe filmato scena col cellulare. I carabinieri sedano la rissa fra la famiglia dell'aguzzino e quella della vittima

Condividi
Lo prendevano in giro perché grasso, ma lo scherzo si è trasformato in tragedia quando uno dei bulli lo ha violentato con il tubo dell'aria compressa. Uno studente quattordicenne di Pianura, quartiere periferico di Napoli, è ora ricoverato in Rianimazione per gravissime lesioni al colon ma non sembra in pericolo di vita. I tre responsabili delle sevizie sono stati identificati in breve tempo dai carabinieri: uno è stato fermato per tentativo di omicidio, due sono stati denunciati.  

Seviziato con un tubo ad aria compressa
La vicenda è avvenuta mercoledì pomeriggio in un autolavaggio non distante dalla casa del quattordicenne, che frequenta la prima classe di un istituto superiore. Il ragazzo si stava intrattenendo con alcuni conoscenti più grandi di lui dopo avere portato a lavare lo scooter. Tre ventenni hanno cominciato a prenderlo in giro perché troppo grasso, ma lo scherzo è diventato via via sempre più aggressivo e brutale. Uno dei tre, il 24enne Vincenzo Iacolare, ha afferrato il tubo dell'aria compressa e si è messo a spruzzare aria sul viso dell'adolescente. Una scena che sarebbe stata filmata con il cellulare da uno degli altri giovani. Subito dopo Iacolare ha seviziato il 14enne con il tubo, non è ancora chiaro se dopo avergli abbassato i pantaloni o al di sopra dei pantaloni.

Operato è in rianimazione. Si è temuto per la sua vita
Il getto d'aria ha provocato gravi lesioni al colon: il ragazzo, colto da fitte lancinanti, è stramazzato a terra. Lo hanno soccorso i dipendenti dell'autolavaggio, che l'hanno accompagnato all'ospedale San Paolo. Qui il ragazzo è stato operato; dopo ore in cui si è temuto per la sua vita, le sue condizioni sono migliorate. Ha parlato brevemente con i carabinieri e riconosciuto in foto i suoi aggressori. Dopo essersi consultati con il pm di turno Fabio De Cristofaro, i carabinieri della compagnia di Bagnoli hanno sottoposto a fermo Iacolare e denunciato gli altri due, che hanno avuto un ruolo minore nelle sevizie. La convalida del fermo è prevista per domani mattina.

Spunta un filmato con il cellulare
All'identificazione dei tre, che hanno precedenti di polizia per spaccio di droga e furto, si è arrivati senza particolari contributi da parte di proprietari e dipendenti dell'autolavaggio e della gente del quartiere in genere. Il cellulare con cui sarebbe stata ripresa la scena iniziale dei maltrattamenti è stato sequestrato e sarà esaminato da un perito.  

La madre della vittima: "Vigliacchi". 
I familiari del quattordicenne sono furibondi e hanno anche avuto un litigio con i parenti del giovane fermato: del resto abitano a poca distanza gli uni dagli altri e si conoscono bene. "Sono vigliacchi e senza cuore - dice la madre dell'adolescente -. Un gioco? Non penso che si giochi così. Per poco non l'hanno ucciso".

La madre di uno dei ragazzi: "Non voleva far male"
I familiari di Iacolare lo difendono come possono: "Non voleva fare del male, non si è reso conto della gravità del gesto. E' giusto che stia in carcere, ma perché lui sì e gli altri due no?". La vicenda ha suscitato sdegno e sgomento. La Giunta comunale auspica "massima severità per i responsabili di questa violenza barbara". Anche il Garante per l'infanzia, Vincenzo Spadafora, non ha dubbi: "Bullismo? No, è violenza pura".
Condividi