Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Nasa-cittadini-scienziati-scoprono-due-esopianeti-a102ee84-d7b1-49bd-9875-5c7d5fdc2506.html | rainews/live/ | true
SCIENZA

L'annuncio della Nasa

Nasa, cittadini "scienziati" scoprono due esopianeti

Il primo ha dimensioni simili a quelle di Nettuno, è 3,4 volte più grande della Terra e completa la sua orbita intorno alla stella in 12 giorni, mentre il secondo è 5,8 volte più grande del nostro pianeta e ha un periodo orbitale che oscilla tra 19 e 35 giorni

Condividi
La notte il piccolo Miguel di 7 anni parla con suo padre Cesar di stelle e pianeti. "Cerco di coltivare questo suo interesse", dice Cesar, dipendente di una fabbrica in California. Adesso Miguel potrà vantarsi di avere un papà che ha scoperto due pianeti.

Cesar Rubio infatti è uno delle migliaia di volontari che partecipano a Planet Hunters TESS, un progetto scientifico cittadino finanziato dalla NASA che cerca prove di pianeti oltre il nostro sistema solare che ha recentemente annunciato la scoperta di due esopianeti, illustrata in uno studio pubblicato dalla Royal Astronomical Society

I due pianeti gassosi sono stati chiamati 'Planet b' e 'Planet c'. Il primo ha dimensioni simili a quelle di Nettuno, è 3,4 volte più grande della Terra e completa la sua orbita intorno alla stella in 12 giorni, mentre il secondo è 5,8 volte più grande del nostro pianeta e ha un periodo orbitale che oscilla tra 19 e 35 giorni. I ricercatori li studieranno contemporaneamente in modo da ricostruire il più possibile i processi alla base della loro nascita e della loro evoluzione. 

Più di 29.000 persone in tutto il mondo si sono unite allo sforzo TESS di Planet Hunters. Il team ha utilizzato i dati dell'osservatorio per identificare più di 100 esopianeti e oltre 2.600 sono ancora quelli in attesa di conferma.

I volontari guardano i grafici che mostrano la luminosità di diverse stelle nel tempo. Notano quale di questi grafici mostra un calo della luminosità della stella - significa che almeno un pianeta potrebbe essere in orbita attorno alla stella - e quindi un'oscillazione verso l'alto al livello originale. Le loro segnalazioni vengono poi analizzate dagli scienziati. 

I cittadini scienziati che hanno classificato la curva di luce HD 152843 come possibile fonte di pianeti in transito, oltre a tre moderatori del forum di discussione di Planet Hunters, sono indicati come coautori dello studio che annuncia la scoperta di questi pianeti.

Tra di loro c'è anche Alexander Hubert, uno studente universitario specializzato in matematica e latino a Würzburg, in Germania, che aspira a diventare insegnante. Finora, ha classificato più di 10.000 curve di luce attraverso Planet Hunters TESS.

Elisabeth Baeten di Lovanio, in Belgio, un'altra coautrice, lavora in amministrazione e dice che classificare le curve di luce su Planet Hunters TESS è "rilassante". Interessata all'astronomia fin dall'infanzia, ha già partecipato a oltre una dozzina di studi pubblicati attraverso i progetti Zooniverse, mentre per Rubio si tratta di una prima volta.

Questo il link per partecipare alle iniziative della Nasa: science.nasa.gov/citizenscience.
Condividi