Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Navalny-appello-della-figlia-Dasha-Navalnaya-su-twitter-portatelo-da-un-medico-93f9676a-5cfa-49bc-a1e6-755246611230.html | rainews/live/ | true
MONDO

Ieri l'allarme della portavoce dell'oppositore: è in fin di vita

Navalny, l'appello della figlia su Twitter: portatelo da un medico

Il dissidente russo è in sciopero della fame nel carcere di Pokrov. Suoi sostenitori convocano proteste di piazza per il 21 aprile, dopo il discorso alla nazione di Vladimir Putin. L'Ue chiede la "liberazione immediata"

Condividi

La figlia dell'oppositore russo Alexei Navalny ha rivolto un appello su Twitter per farlo visitare da un medico. "Consentite a un medico di fargli visitare mio papà", ha scritto la 20enne Dasha Navalnaya, che studia all'università di Stanford, in California, preoccupata per le condizioni del padre che, secondo la portavoce, è in fin di vita.

Suoi sostenitori convocano proteste di piazza per il 21 aprile
I sostenitori di Navalny hanno convocato proteste in tutta la Russia per mercoledì prossimo, il 21, subito dopo il discorso alla nazione di Vladimir Putin. "E' tempo di agire, qui non si tratta solo della libertà di Navalny, ma della sua vita", ha scritto in un post su Facebook Leonid Volkov.

Mosca: non si permetterà che muoia in prigione
Non si lascerà che Navalny muoia in prigione. A dirlo alla Bbc l'ambasciatore della Russia nel Regno Unito, Andrey Kelin, che assicura che ci si occuperà del trattamento medico di Navalny e sostiene che il vero scopo delle richieste di aiuto medico dell'oppositore di Vladimir Putin sia di "attirare l'attenzione".

Il caso domani all'esame del Consiglio Esteri Ue
Il caso Navalny sarà sul tavolo dei ministri degli Esteri Ue domani a Bruxelles. Lo ha reso noto il ministro tedesco Heiko Mass alla Bild, parlando delle condizioni dell'oppositore russo.

Borrell: "Mosca garantisca accesso in carcere ai medici"
"L'Unione europea è profondamente preoccupata per le notizie secondo le quali la salute del politico dell'opposizione russa Alexei Navalny in carcere continua a peggiorare. Chiediamo alle autorità russe di garantirgli l'accesso immediato ai medici di cui si fida. Le autorità russe sono responsabili della sicurezza e delle condizioni di salute di Navalny in carcere, a cui chiederemo conto". Lo afferma in una nota Josep Borrell, Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, per conto dell'Unione Europea.

"L'Ue continuerà a chiedere il suo rilascio immediato e incondizionato - prosegue Borrell - poiché consideriamo la sua condanna motivata da ragioni politiche e contraria agli obblighi internazionali della Russia in materia di diritti umani. A questo proposito, ci aspettiamo anche che la Russia adempia ai suoi obblighi ai sensi della Convenzione europea dei diritti dell'uomo, compreso il rispetto della misura provvisoria della Corte europea dei diritti dell'uomo per quanto riguarda la natura e la portata del rischio per la vita del sig. Navalny".

L'Unione europea aveva condannato "l'avvelenamento di Navalny con la massima fermezza" e aveva "imposto sanzioni nell'ottobre dello scorso anno a sei alti funzionari russi e a un ente coinvolto nel tentativo di assassinio".

"Il caso Navalny - prosegue Borrell - non è un incidente isolato, ma conferma un modello negativo di riduzione dello spazio per l'opposizione, la società civile e le voci indipendenti nella Federazione Russa". In tal senso, l'Ue "continuerà a chiedere alla Russia di indagare urgentemente sul tentativo di assassinio tramite avvelenamento di Navalny in piena trasparenza e senza ulteriori ritardi, e di cooperare pienamente con l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) per garantire un'indagine internazionale imparziale".

Usa: conseguenze se Navalny muore
"Abbiamo comunicato al governo russo che quello che succede a Navalny mentre le autorità russe lo  hanno in custodia è loro responsabilità, e verranno considerate  responsabili dalla comunità internazionale". Così il consigliere per la Sicurezza Nazionale di Joe Biden, Andrew Sullivan, ha specificato di aver comunicato a Mosca "che vi saranno conseguenze se Navalny  muore" in carcere. "Stiamo valutando una diversa serie di misure che potremmo imporre, ma non le comunicherò pubblicamente in questo momento", ha aggiunto intervistato dalla Cnn. 

Ieri l'allarme della portavoce: è in fin di vita
Aleksei Navalny rischia un arresto cardiaco "da un momento all'altro": la sua salute si sta rapidamente deteriorando, avvertono i suoi medici chiedendo accesso immediato al dissidente, il più famoso detenuto della Russia. Dal 31 marzo, l'oppositore del presidente Putin è in sciopero della fame per chiedere un trattamento medico adeguato per il mal di schiena e l'intorpidimento di mani e gambe che lo affliggono in carcere.

Biden: situazione Navalny totalmente ingiusta 
La situazione dell'oppositore russo Alexiei Navalny è "totalmente ingiusta": lo ha detto il presidente degli Stati Uniti d'America, Joe Biden, ai giornalisti, in risposta a una domanda sul peggioramento delle condizioni di Navalny in carcere.

Navalny, 44 anni, è stato incarcerato  a febbraio e sta scontando due anni e mezzo, per vecchie accuse di appropriazione indebita, in una colonia penale nella città di Pokrov, circa 100 chilometri a est di Mosca.
 
Il medico personale di Navalny, Anastasia Vasilyeva, e altri tre medici, tra cui il cardiologo Yaroslav Ashikhmin, hanno chiesto ai funzionari della prigione di concedere loro un accesso immediato. "Il nostro paziente può morire in qualsiasi momento", ha scritto Ashikhmin su Facebook, indicando gli alti livelli di potassio del politico dell'opposizione e dicendo che Navalny dovrebbe essere spostato in terapia intensiva. "L'aritmia fatale può svilupparsi in qualsiasi momento".

Navalny è sopravvissuto a malapena a un avvelenamento con l'agente nervino Novichok in agosto, per il quale ha accusato il Cremlino. I suoi medici dicono che il suo sciopero della fame potrebbe aver esacerbato le sue condizioni. Avere livelli di potassio nel sangue superiori a 6,0 mmol (millimole) per litro di solito richiede un trattamento immediato. Quelli di Navalny sono a 7,1, hanno detto i medici.

"Questo significa sia una funzione renale compromessa che gravi problemi di ritmo cardiaco possono accadere in qualsiasi momento", si legge sull'account Twitter della Vasilyeva. I medici hanno detto che deve essere esaminato immediatamente "tenendo conto degli esami del sangue e del suo recente avvelenamento".

La portavoce di Navalny, Kira Yarmysh, che lo ha accompagnato quando è collassato su un aereo dopo l'avvelenamento in agosto, ha detto che la situazione è di nuovo critica. "Alexei sta morendo", afferma su Facebook. "Con le sue condizioni è una questione di giorni". La portavoce ha aggiunto di sentirsi come se fosse "di nuovo su quell'aereo, solo che questa volta sta atterrando al rallentatore", sottolineando che l'accesso a Navalny sia limitato e pochi russi sappiano cosa gli accade in prigione.

70 intellettuali lanciano un appello a Putin
Circa 70 artisti, scrittori e attori, fra cui i premi Nobel per la Letteratura Svetlana Alexievitch e Salman Rushdie, hanno pubblicato un appello a Vladimir Putin affinché cure mediche urgenti vengano prestate all'oppositore Alexei Navalny che sta effettuando uno sciopero della fame in prigione. Lo stato di salute dell'oppositore "si sta deteriorando rapidamente e ha bisogno di cure mediche urgenti" si legge nel documento pubblicato sul sito Internet di Le Monde. "Ci appelliamo a lei signor presidente affinché Navalny riceva immediatamente attenzione medica adeguata e le cure urgenti di cui ha bisogno  e alle quali ha diritto come tutti i cittadini russi". Tra i firmatari anche  J.M. Coetzee, lJude Law, Vanessa Redgrave, J.K. Rowling, Arundhati Roy. 

Il team di Navalny ha annunciato in precedenza i piani per mettere in scena quella che hanno detto sarebbe stata "la più grande protesta della Russia moderna". Gli alleati di Navalny hanno detto che avrebbero fissato una data per la protesta una volta che 500.000 sostenitori si fossero registrati su un sito web. A partire da sabato, più di 440.000 persone si erano iscritte. Yarmysh sabato ha esortato più russi a iscriversi, dicendo che una grande manifestazione potrebbe aiutare a salvare la vita di Navalny. "Putin reagisce solo alle proteste di massa", ha aggiunto.
 
All'inizio della settimana, la moglie di Navalny, Yulia, che lo ha visitato nella colonia penale, ha detto che suo marito ora pesa 76 chilogrammi: ha perso 9 chilogrammi dall'inizio dello sciopero della fame.

Condividi