Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Navette-spaziali-comete-e-corsa-al-vaccino-2020-della-scienza-586e13fc-d5c5-40fc-be3d-24704234af82.html | rainews/live/ | true
SCIENZA

Speciale

Navette spaziali, comete e corsa al vaccino: il 2020 della scienza

Astronomia, medicina, fisica: dallo spazio ai laboratori sulla Terra, gli ultimi dodici mesi hanno portato imprese, grandi scoperte e eventi inattesi.

Condividi
di di Andrea Bettini L'anno della pandemia è stato, per molti versi, l'anno della scienza. È ai laboratori che tutto il mondo ha guardato sperando che i ricercatori trovassero una via d'uscita dall'incubo del coronavirus. Il 2020 sarà dunque ricordato per la corsa al vaccino, ma anche per molte scoperte e imprese in settori che nulla hanno a che vedere con i virus. Tanti anche gli eventi inattesi, come meteore e comete, e quelli purtroppo previsti da tempo, come le drammatiche conseguenze dei cambiamenti climatici.  Ecco una selezione, inevitabilmente incompleta, mese per mese.
 
Gennaio: la meteorite di Capodanno
Il 2020 inizia con una scia di fuoco nei cieli del Centro-Nord. Il 1° gennaio, alle 19.26, un brillantissimo bolide viene avvistato da migliaia di persone fra Liguria, Lombardia, Toscana e Emilio-Romagna. Basandosi sulle osservazioni della rete di monitoraggio PRISMA dell'INAF, scatta una vasta operazione di ricerca. Tre giorni dopo in una frazione di Cavezzo, in provincia di Modena, vengono trovati due frammenti caduti senza causare danni. Gli esperti li classificano come “condriti L5”, cioè a basso contenuto di ferro, e stimano che abbiano 4,5 miliardi di anni. È la prima volta che in Italia dei meteoriti vengono scoperti setacciando il territorio in base ai dati e alle indicazioni degli astronomi.
 
Trovato il meteorite di Capodanno

Febbraio: bentornato, AstroLuca
Dopo 201 giorni nello spazio, il 6 febbraio l'astronauta dell'ESA Luca Parmitano rientra sulla Terra con i colleghi Christina Koch (NASA) e Aleksandr Skvortsov (ROSCOSMOS). È la conclusione della missione Beyond, durante la quale Parmitano è diventato il primo italiano ad assumere il ruolo di comandante della Stazione Spaziale Internazionale, ha compiuto una miriade di esperimenti scientifici e ha effettuato quattro complesse passeggiate spaziali che lo hanno reso l'astronauta europeo con più ore trascorse in attività extraveicolare.
Pochi giorni dopo parte da Cape Canaveral la sonda Solar Orbiter dell'ESA e della NASA. Studierà il Sole da distanza ravvicinata e già dopo pochi mesi invierà delle immagini stupefacenti della nostra stella, con dettagli mai osservati prima.




 
Marzo: il lockdown fa bene all'ambiente
Il diffondersi della pandemia impone rigidi lockdown in tutto il mondo. È un periodo drammatico, che mostra anche quanto sia pesante l'impronta delle attività umane sull'ambiente. In breve tempo la fauna selvatica torna in luoghi che aveva quasi abbandonato: si moltiplicano gli avvistamenti di delfini nei porti, di orsi, cervi e lupi nei pressi dei centri abitati. Con lo stop quasi totale ai trasporti e il freno alle attività industriali, crolla l'inquinamento: i satelliti del programma europeo di osservazione della Terra Copernicus rilevano un calo di circa il 50% delle concentrazioni di biossido di azoto nell'aria di grandi città come Milano, Roma, Madrid e Parigi.


 
Puntata di Futuro24 sugli effetti del lockdown sugli ecosistemi
 
Aprile: 30 anni di Hubble
Il telescopio spaziale Hubble compie 30 anni. Lanciato il 24 aprile 1990, finora ha compiuto più di 1,4 milioni di osservazioni e ha contribuito a più di 17.000 articoli scientifici, espandendo enormemente le nostre conoscenze sull'Universo. Nel frattempo i preparativi per il lancio del suo successore, il James Webb Space Telescope, vengono frenati dalla pandemia: non partirà più nella prossima primavera, ma il 31 ottobre 2021.
 
Focus24 sui 30 anni di Hubble
 
Maggio: il primo volo con il drago
Il 30 maggio è un giorno storico per la NASA. Quasi nove anni dopo l'ultima missione dello Shuttle, due astronauti tornano a volare nello spazio partendo dal suolo americano. Lo fanno a bordo di una nuova navetta: la Crew Dragon di SpaceX. L'equipaggio, composto dagli statunitensi Robert Behnken e Douglas Hurley, trascorrerà più di due mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale. Si apre l'era dei voli commerciali, in cui compagnie private portano esseri umani nello spazio. Fra i passeggeri nel 2021 ci potrebbe essere anche l'attore Tom Cruise, che ha acquistato un biglietto per andare a girare un film in orbita.

 

Giugno: 38 gradi in Siberia
Il global warming ci ha purtroppo quasi abituati ai record di caldo, ma quello che accade in Siberia ha dell'incredibile: a Verkhoiansk, uno dei luoghi abitati più freddi del mondo, il 22 giugno la colonnina di mercurio raggiunge i 38 gradi centigradi. Le temperature restano abbondantemente sopra le media per mesi accelerando la fusione del permafrost, il terreno costantemente ghiacciato, e facendo scomparire il ghiaccio marino. Nell'Artico la banchisa arretra fino a livelli record e poiché l'acqua del mare si scalda in modo anomalo, faticherà a riformarsi all'arrivo dell'autunno.
 
Siberia 
 
Luglio: una cometa nel mese di Marte
Le posizioni della Terra e di Marte intorno al Sole rendono luglio 2020 il mese ideale per lanciare delle missioni verso il Pianeta Rosso. Le partenze sono tre: prima la sonda Hope degli Emirati Arabi Uniti, poi la missione cinese Tianwen-1 e infine il rover Perseverance della NASA. La vera protagonista del mese però è una cometa. Si chiama NEOWISE ed è la più brillante almeno dal 2007. Rimane visibile a occhio nudo per gran parte del mese, per la gioia di tutti gli appassionati di astronomia.
Futuro24 su tutte e tre le missioni 




 
Agosto: un chip per collegare cervello e computer
Un chip da impiantare nel cervello per collegarlo con un computer e creare una simbiosi con un'intelligenza artificiale. Possibili applicazioni: curare malattie come l'Alzheimer, la demenza, la depressione, far tornare a camminare chi è paralizzato e restituire l'udito a chi l'ha perso. È il progetto che sta portando avanti Neuralink, società statunitense di proprietà del visionario imprenditore Elon Musk. A fine agosto la presentazione degli ultimi promettenti risultati, che attualmente riguardano dei test effettuati sui maiali. Molti neuroscienziati però avvertono: il cervello umano è una delle macchine più complesse che esistano e gli ostacoli da superare sono ancora molti.
 
L'esperimento di Elon Musk    

Settembre: cielo arancione su San Francisco
All'inizio di settembre gli incendi che da settimane devastano l'ovest degli Stati Uniti raggiungono il culmine: le vittime sono più di trenta, centinaia di migliaia di persone devono lasciare le proprie abitazioni. Una colossale nube di fumo raggiunge anche le grandi città: a San Francisco il cielo diventa arancione, uno scenario apocalittico che ricorda alcune scene del film di fantascienza “Blade Runner 2049”. Fra le cause ci sono anche le ondate di caldo sempre più frequenti innescate dal riscaldamento globale. Analoghi fenomeni estremi nel corso dell'anno provocano devastanti incendi in tutto il mondo, dall'Australia alla Siberia.
 


Ottobre: un Nobel per CRISPR
Il 7 ottobre l'Accademia di Stoccolma assegna il Premio Nobel per la Chimica alla biochimica statunitense Jennifer Doudna e alla microbiologa francese Emmanuelle Charpentier per una delle scoperte più rivoluzionarie degli ultimi decenni: il metodo di editing del genoma CRISPR/Cas9. È un riconoscimento atteso da tempo perché questa innovazione sta avendo un impatto rilevantissimo sulle scienze della vita e ha promettenti applicazioni in vari settori, dalla medicina all'agricoltura. Il Nobel per la Fisica va invece a Roger Penrose, Reinhard Genzel e Andrea Ghez per i loro studi sui buchi neri, mentre il Nobel per la Medicina è assegnato a Harvey J. Alter, Michael Houghton e Charles M. Rice per la scoperta del virus dell'epatite C.
 
I vincitori 

Novembre: arriva il vaccino
Mentre la pandemia continua a colpire duramente gran parte del pianeta, finalmente arrivano notizie che generano una ventata di ottimismo. Il 9 novembre l'azienda farmaceutica statunitense Pfizer annuncia che il vaccino contro il coronavirus che ha sviluppato con la tedesca BioNTech ha un'efficacia del 90% e che presto potrà distribuire le prime dosi. Pochi giorni dopo sono diffusi dati altrettanto positivi provenienti dai test sul vaccino realizzato dalla statunitense Moderna e su quello dell'Università di Oxford e della britannica AstraZeneca con l'Irbm di Pomezia. La Russia dichiara che il proprio vaccino Sputnik V, il primo registrato al mondo, è efficace al 92%.
A fine novembre nei Laboratori Nazionali del Gran Sasso dell'INFN si chiude invece un intero capitolo di storia della Fisica. L'esperimento Borexino rileva dei neutrini prodotti nel Sole con un meccanismo chiamato “ciclo CNO”. Si tratta della prima conferma sperimentale di una teoria sul funzionamento delle stelle, in particolare di quelle di massa maggiore, che fu formulata negli anni '30 del secolo scorso e che nel 1967 valse il Premio Nobel per la Fisica ad Hans Bethe. Per arrivare a questo risultato è stato necessario raggiungere livelli estremi di sensibilità nella strumentazione: il cuore di Borexino è stato schermato a tal punto dalle altre sorgenti di segnali da renderlo il luogo meno radioattivo del mondo.
 
L'annuncio di Pfizer



Dicembre: la Cina (di nuovo) sulla Luna
Il 1° dicembre la missione cinese Chang'E-5 raggiunge la superficie della Luna. Non è una prima assoluta per Pechino, ma stavolta l'obiettivo è molto ambizioso: raccogliere campioni da portare sulla Terra, diventando il terzo paese a riuscirci dopo Stati Uniti e Unione Sovietica negli anni '60 e '70. Tutto procede secondo i piani: due chilogrammi di minerali vengono inseriti in una capsula e lanciati nello spazio, dove un modulo rimasto in orbita li aggancia e li conduce verso il nostro pianeta. Nel luogo dell'allunaggio, in una zona chiamata Oceano delle Tempeste, rimangono il lander e una bandiera cinese.
Intanto un altro carico dallo spazio atterra il 5 dicembre in Australia. Si tratta dei campioni raccolti un anno e mezzo prima sulla superficie dell'asteroide Ryugu dalla missione giapponese Hayabusa-2. Conservati in una piccola capsula, forniranno informazioni sulle prime fasi della formazione del Sistema Solare.
 

 
Condividi