Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/New-York-Times-profitti-digitali-superano-edizione-cartacea-5f16c2f1-826a-45e3-85d9-a852bda115c1.html | rainews/live/ | true
TECH

Come cambia il panorama dei media

New York Times, profitti digitali superano edizione cartacea

Condividi
Per la prima volta da sempre, i profitti dell'edizione digitale del New York Times hanno battuto quelli della versione cartacea: nel trimestre che si è chiuso in giugno la "Vecchia Signora in Grigio" ha aggiunto 669 mila nuovi abbonamenti online, tra 176 mila dei quali ad altri prodotti digitali che non siano le news tra cui ricette di cucina, cruciverba e audio.

Il New York Times ha chiuso il secondo trimestre dell'anno con un totale di 5,7 milioni abbonamenti solo digitali su un totale di 6,5 milioni. "Abbiamo dimostrato che è possibile creare un circolo virtuoso in cui gli investimenti sul giornalismo di qualità creano un coinvolgimento del pubblico che a sua volta fa salire i profitti consentendo nuovi investimenti", ha detto Mark Thompson, il Ceo uscente, sottolineando che la redazione del New York Times sta crescendo mentre tanti altri media vedono contrazioni nel personale. 

Gli abbonamenti al New York Times sono aumentati dell'8,4% grazie al 30% in più delle sottoscrizioni all'edizione online che ha controbilanciato un calo del 6,7% di quelle del giornale tradizionale. Il Times aveva annunciato in luglio che Thompson sarebbe stato sostituito dalla Chief Operating Officer, Meredith Kopit Levien. Il giornale della famiglia Sulzberger si è prefisso l'obiettivo di 10 milioni di abbonati entro il 2025.

Nel rendere noti le trimestrali, il Times ha denunciato anche un calo del 44% degli introiti pubblicitari a causa dei contraccolpi del Coronavirus.

Le inserzioni sul giornale a stampa sono calate del 55% e quelle online del 32% a causa della crisi di settori come gli spettacoli, il lusso e la tecnologia provocata dalla pandemia.
Condividi