Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Oltre-33-milioni-e-350-mila-casi-di-coronavirus-nel-mondo-Guterres-Onu-1-milione-di-morti-un-traguardo-angosciante-27b61ea0-85ae-44b4-9168-66e8150d7b67.html | rainews/live/ | true
MONDO

Pandemia

Coronavirus mondo. Oltre 33 milioni e 350 mila casi. Onu: 1 milione di morti traguardo angosciante

Coronavirus, Venezuela (AP Photo/Rodrigo Abd)
Condividi
Oltre 33 milioni e 350 mila casi di coronavirus nel mondo. Da inizio pandemia i morti per Covid-19 sono 1.001.646. Questi i dati della Johns Hopkins University and Medicine.

In India sono stati registrati nelle ultime 24 ore 776 morti per coronavirus, il dato giornaliero più basso da inizio agosto, avvicinandosi ai 100 mila decessi in totale. I nuovi contagi sono aumentati di 70.589 unità, raggiungendo i complessivi 6,15 milioni di casi Covid. 

Israele ha superato i 1.500 morti per coronavirus, con oltre 500 decessi solo nelle ultime tre settimane. Lo hanno riferito le autorità sanitarie precisando che i decessi hanno raggiunto quota 1.507. Lo Stato ebraico è sottoposto dalla scorsa settimana a un nuovo lockdown nazionale, con uffici e servizi chiusi e forti limitazioni ai movimenti, nel tentativo di combattere la seconda ondata dell'epidemia.

"Il mondo ha raggiunto un traguardo angosciante, la perdita di un milione di vite a causa del coronavirus. È un numero sconvolgente, ma non dobbiamo mai perdere di vista ogni singola vita. Erano padri e madri, mogli e mariti, fratelli e sorelle, amici e colleghi". Lo ha detto il segretario generale dell'Onu, António Guterres, sottolineando che "il dolore è stato moltiplicato dalla ferocia di questa malattia". Tuttavia, per Guterres "possiamo vincere questa sfida, ma dobbiamo imparare dagli errori".   

"Una leadership responsabile è importante, la scienza conta,la cooperazione è importante e la disinformazione uccide", ha sottolineato ancora il segretario generale dell'Onu, ribadendo che la "corsa al vaccino continua" ma dobbiamo "fare la nostra parte per salvare vite umane mantenendo il distanziamento,indossando la mascherina e lavandosi le mani. Mentre ricordiamo tante vite perse - ha concluso Guterres - non dimentichiamo mai che il nostro futuro si basa sulla solidarietà, come persone unite e come Nazioni Unite". 
Condividi