Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Omicidio-Sacchi-Tribunale-del-Riesame-si-riserva-su-istanza-di-Anastasiya-Kylemnyk-c4be9e6c-e439-4e62-8a85-7f40df765954.html | rainews/live/ | true
ITALIA

La ragazza è attualmente sottoposta all'obbligo di firma

Omicidio Sacchi: Tribunale del Riesame si riserva su istanza di Anastasiya Kylemnyk

La decisione, in merito alle istanze di attenuazione delle misure cautelari, sarà presa nei prossimi giorni anche per quel che riguarda Giovanni Princi. I difensori di Valerio Del Grosso, autore materiale dello sparo, hanno rinunciato all'udienza davanti al tribunale della Libertà

Condividi
Il tribunale del Riesame di Roma, nell'ambito della vicenda di Luca Sacchi, si è riservato di decidere in merito alle istanze di attenuazione delle misure cautelari presentate dalle difese di Anastasiya Kylemnyk, fidanzata di del giovane personal trainer ucciso il 23 ottobre scorso e di Giovanni Princi, amico di Sacchi. I due sono accusati del tentativo di acquisto di 15 chilogrammi di droga. I difensori di Valerio Del Grosso, autore materiale dello sparo, hanno rinunciato all'udienza davanti al tribunale della Libertà.

L'avvocato della ragazza: "Ricostruzione dei fatti erronea"
"C'è una parte della ricostruzione che è erronea. Mi riferisco alla dinamica dei fatti. Aspettiamo con fiducia la decisione del tribunale della Libertà ". Lo ha detto l'avvocato Giuseppe Cincioni, difensore di Anastasiya, dopo l'udienza del Riesame che si è riservato di decidere in merito alla richiesta di annullamento della misura cautelare nell'ambito della vicenda di Luca Sacchi. La ragazza, fidanzata di Sacchi, è attualmente sottoposta all'obbligo di firma.

L'avvocato di Princi: "Processo ancora tutto da fare"
"Gli indizi non sono chiari, precisi e concordanti. La misura non è adeguata alla situazione. Il mio assistito è incensurato, non ha precedenti. Questo processo è ancora tutto da fare, non c'è ancora nulla di consolidato sotto l'aspetto probatorio". Lo afferma l'avvocato Massimo Pineschi,difensore di Giovanni Princi. "Il mio assistito è provato - prosegue il penalista - è un ragazzo giovane che è in carcere. Non sta bene. In più è molto dispiaciuto per la morte di un amico. Questa è una vicenda che lo ha fortemente segnato sotto il profilo umano". 
Condividi