Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Omicidio-del-piccolo-Loris-la-madre-Lo-ha-ucciso-mio-suocero-con-un-cavetto-USB-878c5a1d-ae04-4929-9d1c-754412c93bdd.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Processo a Ragusa

Omicidio del piccolo Loris, la madre: "Lo ha ucciso mio suocero con un cavetto USB"

Veronica Panarello è accusata di avere strangolato il figlio Loris di 8 anni, il 29 novembre del 2014, nella loro casa di Santa Croce Camerina e di avere poi gettato il corpicino nel canalone di contrada Mulino Vecchio

Condividi
Ha ribadito la sua verità Veronica Panarello nella prima parte delle spontanee dichiarazioni rese davanti al Gup di Ragusa, Andrea Reale, accusando il suocero Andrea Stival di avere ucciso Loris, che "aveva visto qualcosa che non doveva vedere", tra il nonno e la mamma.    

In un'ora di deposizione la donna ha ribadito la sua ultima ricostruzione del delitto: il suocero era in casa con lei,"Mio suocero - ha spiegato - mi ha detto di legare i polsi a Loris e io l'ho fatto". Avrebbe utilizzato le fascette prese dal ripostiglio di casa.  Poi lei sarebbe uscita dalla stanza per rispondere a una telefonata. Al ritorno avrebbe trovato il figlio morto, strangolato dal suocero con un cavo usb grigio. Poi il corpo avvolto in un plaid, messo in auto e portato nel canalone di contrada Mulino Vecchio.    

Le indagini della polizia di Stato, squadra mobile della Questura e carabinieri non collocano Andrea Stival nella casa di Veronica Paanarello. E su questo punto della sua ricostruzione la donna ha provato a dare consistenza alla sua verità sottolineando che "il fatto che non riesca a dimostrare che mio suocero fosse in casa con me al momento del delitto non significa che non ci fosse...". 

Il legale del padre di Loris: ultima occasione per la madre, non le credo
"Oggi è la sua ultima occasione: dica veramente quello che è accaduto, per portare elementi concreti. Fino ad adesso non le credo". Davide Stival, che negli scorsi giorni è tornato a incontrare Veronica Panarello in carcere, ha deciso di non presenziare all'udienza del processo davanti al Gup di Ragusa, col rito abbreviato, in cui la donna è accusata di avere ucciso il figlio Loris di 8 anni.  A ricostruire le sensazioni del papà del piccolo è il suo legale, l'avvocato Daniele Scrofani, ribadendo che il suo assistito "non crede al coinvolgimento del padre", Andrea Stival, che Veronica accusa di essere l'assassino e di avere agito perché Loris minacciava di rivelare al padre la loro relazione. "Ad oggi - chiosa il penalista - non ci sono elementi concreti e la Procura ha fatto tutti gli accertamenti possibili".
Condividi