Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Papa-Francesco-aborto-omicidio-obiezione-di-coscienza-non-va-tolta-o-negoziata-c9b13669-7ef4-41a8-87f8-f0ee70e444b6.html | rainews/live/ | true
MONDO

Vaticano

Il Papa ai farmacisti: l'aborto è omicidio, l'obiezione di coscienza non va tolta né negoziata

"Non è lecito diventarne complici"

Condividi

"Voi siete sempre al servizio della vita umana. E questo può comportare in certi casi l'obiezione di coscienza, che non è infedeltà, ma al contrario fedeltà alla vostra professione, se validamente motivata. Ed è anche denuncia delle ingiustizie compiute ai danni della vita innocente e indifesa". Così Papa Francesco, ricevendo in Udienza i partecipanti al Congresso promosso dalla Società Italiana di Farmaceutica Ospedaliera.

In particolare, sull'aborto "sono molto chiaro-dice ai famacisti -: si tratta di un omicidio e non è lecito diventarne complici". E "il nostro dovere è la vicinanza: stare vicino alle situazioni, specialmente alle donne, perché non si arrivi a pensare alla soluzione abortiva, perché in realtà non è la soluzione".

"Oggi c'è un po' la moda di pensare che sarebbe una buona strada togliere l'obiezione di coscienza - ha osservato il Pontefice 'a braccio'-. Ma guardate che questa è l'intimità etica di ogni professionista della salute, e questo non va negoziato, mai". "E' proprio la responsabilità ultima dei professionisti della salute", ha aggiunto.

"Non sacrificare uomini e donne agli idoli del profitto"
''La cultura dello scarto  non deve intaccare la vostra professione. E anche su questo bisogna  essere sempre vigilanti. 'Dio nostro Padre ha dato il compito di  custodire la terra non ai soldi, ma a noi: agli uomini e alle donne.  Noi abbiamo questo compito! Invece uomini e donne vengono sacrificati  agli idoli del profitto e del consumo''' ammonisce Francesco ricevendo in Udienza i partecipanti al Congresso promosso dalla  Società Italiana di Farmaceutica Ospedaliera. 'I criteri gestionali e finanziari - ammonisce - non sono l'unico  elemento da prendere in considerazione''. Quindi un consiglio: ''Non  dimenticate di mettere nel vostro zaino un piccolo Vangelo, da leggere durante la giornata, prendendo dieci minuti per voi. Voi mi direte:  ''Padre, siamo sempre di corsa...''. Sì, lo so. Per questo vi dico  dieci minuti. Ma è necessario: senza l'acqua viva del Vangelo non  possiamo camminare''.

Condividi