Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Papa-la-violenza-sulle-donne-una-piaga-aperta-dappertutto-e7516e48-78d1-49d2-ad12-b4550305fcf7.html | rainews/live/ | true
MONDO

Udienza generale

Il Papa: la violenza sulle donne è "una piaga aperta dappertutto"

Condividi
La violenza sulle donne,  "una piaga aperta dappertutto". E' il grido di dolore del Papa in  occasione dell'udienza generale nell'Aula Paolo VI dedicata al recente viaggio apostolico in Ungheria e Slovacchia. Bergoglio ha ricordato una figura della Slovacchia, osservando "come  forte e profetica è la testimonianza della Beata Anna Kolesárová, ragazza slovacca che a costo della vita difese la propria dignità  contro la violenza: una testimonianza più che mai attuale, purtroppo,  perché la violenza sulle donne è una piaga aperta dappertutto".     

L'udienza generale del Papa è stata  interamente dedicata al recente viaggio apostolico a Budapest e in  Slovacchia. "Lo riassumerei così: è stato un pellegrinaggio di  preghiera, un pellegrinaggio alle radici, un pellegrinaggio di  speranza", ha detto Bergoglio.

Il Pontefice ha quindi ricordato le tappe del viaggio: "La prima è  stata a Budapest, per la Santa Messa conclusiva del Congresso  Eucaristico Internazionale. Grande è stata la partecipazione a questa  celebrazione. Il popolo santo di Dio, nel giorno del Signore, si è  riunito davanti al mistero dell'Eucaristia, dal quale continuamente è  generato e rigenerato. Era abbracciato dalla Croce che campeggiava  sopra l'altare, a mostrare la stessa direzione indicata  dall'Eucaristia, cioè la via dell'amore umile e disinteressato,  dell'amore generoso e rispettoso verso tutti, della fede che purifica  dalla mondanità e conduce all'essenzialità. Questa fede ci allontana  da mondanità che è un tarlo e ci rovina da dentro".

Quindi Francesco ha parlato della celebrazione in  Slovacchia, presso il Santuario della Vergine dei Sette Dolori, dove  "un grande popolo di figli è accorso per la festa della Madre, che è  anche la festa religiosa nazionale".

"Durante questo viaggio nel cuore dell'Europa ho pensato spesso ai padri dell'Unione europea, come l'hanno sognata, non come un'agenzia per distribuire le colonizzazioni ideologiche della moda". Così Papa Francesco a braccio, durante l'Udienza Generale dedicata al viaggio apostolico a Budapest e in Slovacchia, conclusosi mercoledì scorso.
Condividi