Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Pd-Letta-Con-Draghi-asse-positivo-stare-al-governo-ci-fa-bene-e8409ff2-b487-416a-a500-05269b30a83f.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Intervista al Corriere della Sera

Pd, Letta: "Con Draghi asse positivo, stare al governo ci fa bene"

"Il Pd è in salute e noi siamo a casa nostra" dice il segretario. Quanto al rapporto con i 5 Stelle, conferma di voler aprire un cantiere e discutere dell'alleanza per le Politiche

Condividi
Con il premier Mario Draghi c'è un asse positivo, e il Pd lo sostiene con forte convinzione, sottolinea il segretario dem Enrico Letta in un colloquio con il Corriere della Sera, cui risponde di non sentirsi isolato e di vedere che i risultati arrivano: "Stare al governo con Draghi ci fa bene, il Pd è in salute e noi siamo a casa nostra". E promette che i sondaggi che li danno prima forza del Paese saranno trasformati in voti. Quanto al rapporto con i 5 Stelle, conferma di voler aprire un cantiere e discutere dell'alleanza per le Politiche, ognuno a partire dalla sua identità: "Il centrosinistra è il mio obiettivo", spiega.

Sulle tensioni interne e il rapporto complicato con la minoranza del partito, soprattutto in vista delle prossime elezioni amministrative, minimizza: "Non ho nessuna percezione che tutto questo sia realtà, vedo sostegno leale e vedo che c’è un dibattito culturale. Non ho nessun timore, nessun elemento di preoccupazione. Dopo i primi tre mesi sono contento dello stato interno al Pd", sottolinea Letta. Quanto a Marcucci, "tranne rare eccezioni vedo sintonia e ottimo consenso interno, lavoro bene con tutti". E se le elezioni di autunno andranno male e chiederanno la sua testa, per spingere Stefano Bonaccini al congresso, "ragioneremo passo passo ma lavoriamo per le Politiche. Il congresso nessuno lo ha chiesto e io non lo chiedo, abbiamo le Amministrative e il lavoro delle Agorà per costruire un nuovo centrosinistra. Sarà l’opposto del metodo che sta usando la destra, che lavora ad assemblare i gruppi dirigenti, noi stiamo facendo un lavoro di popolo e sulle candidature siamo più avanti della destra".
Condividi