Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Pensioni-Misiani-Quota-100-va-a-scadenza-poi-modello-diverso-57a43264-0dc2-4d7e-920e-544d00564671.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

La Manovra

Pensioni, Misiani: "Quota 100 va a scadenza, poi modello diverso"

Replica dopo la discussione generale sulla Nota di aggiornamento al Def, al Senato

Il viceministro all'Economia e Finanze, Antonio Misiani (Ansa)
Condividi
Quota 100 è una "misura transitoria che finisce nel 2021, l'intenzione del governo è di non rinnovarla nel futuro. Abbiamo in mente un modello di flessibilità del sistema pensionistico diverso e ne discuteremo con le parti sociali".

Lo ha detto il viceministro all'Economia, Antonio Misiani, nella replica dopo la discussione generale sulla Nota di aggiornamento al Def, al Senato.

Reddito? Lotta a povertà è sacrosanta, giusto mantenerlo e migliorarlo
"Rafforzare una misura strutturale contro la povertà credo che sia, dal punto di vista dell'allocazione delle risorse, una scelta sacrosanta. E' ragionevole mantenerlo e migliorarlo dal punto di vista del funzionamento", ha aggiunto Misiani, parlando del reddito di cittadinanza nella replica al dibattito sulla nota di aggiornamento al Def, a Palazzo Madama. "L'avvento del reddito di inclusione e di quello di cittadinanza - ha aggiunto - ci permette di quasi colmare il divario" con la media della spesa europea in questo ambito.

In manovra nessuna tassa contante e no condoni
"Non ci sarà alcuna restrizione o penalizzazione per pagamenti in contanti", ha quindi garantito Misiani, sottolineando più volte che non ci sarà "nessuna misura restrittiva sui consumatori ma c'è la volontà di incentivare i pagamenti elettronici" che "aiutano l'emersione del nero".

E poi: "Non ci saranno condoni in questa manovra, a differenza delle precedenti", ha aggiunto Misiani, che ha evidenziato la volontà di "chiudere la stagione di condoni e sanatorie" che rappresenta "una delle misure più forti per il recupero di un ammontare di evasione che è elemento di ingiustizia sociale e sleale concorrenza degli attori". Per il viceministro, "agire contro l'evasione è il modo migliore per ridurre la pressione fiscale stabilmente. Pagare tutti per pagare meno".

Per clausole Iva ammontare record, ma manovra espansiva
I 23,1 miliardi per la disattivazione delle clausole di salvaguardia sull'Iva di questa manovra "sono il valore più elevato di sempre", ha poi sottolineato Misiani.  Nonostante questo, "va dato atto al governo di aver costruito una manovra espansiva" che migliora, tra l'altro "i dati macroeconomici del paese, l'andamento dell'occupazione e il tasso disoccupazione. Si poteva fare di più? Certamente ma è espansiva", ha detto.

Taglio cuneo senza usare clausole
"Il taglio del cuneo del 2014-2015 venne finanziato in gran parte con le clausole di salvaguardia, questo non con nuove clausole di salvaguardia, ma in un quadro pluriennale in cui disattiviamo la clausola 2020 e riduciamo quelle degli anni successivi. Lasciamo alla prossima legge di bilancio un'eredità meno pensate di quella che abbiamo trovato", ha affermato Misiani, rispondendo a chi ha criticato la scarsità di risorse per il taglio del cuneo.

Norme contro evasione prodotti petroliferi
Infine, tra le misure per reperire i 7 miliardi stimati in manovra dalla lotta all'evasione "ci saranno interventi sull'evasione fiscale dei prodotti petroliferi", ha anticipato il viceministro.

Via libero ad autorizzazione aggiornamento piano rientro
In seguito, è giunto il via libera dell'Aula del Senato all'autorizzazione al governo alla richiesta di aggiornamento del piano di rientro previsto nel Def verso l'obiettivo di medio periodo prevista dalla relazione che accompagna la Nota di aggiornamento al Def. L'autorizzazione è stata approvata, come previsto dalla legge, a maggioranza assoluta dei componenti con 169 sì, 123 no e 4 astenuti. Nella relazione si attesta che rispetto ai livelli programmatici del Def 2019, l'obiettivo di indebitamento netto in rapporto al Pil passa dal 2,1 al 2,2 per cento nel 2020, risulta invariato nel 2021 e migliora nel 2022 di 0,1 punti percentuali. In termini strutturali, il livello del saldo risulta invariato nel 2020, per poi peggiorare di 0,1 punti percentuali nel 2021 e 0,2 punti percentuali nel 2022.
Condividi