Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Piazza-Affari-incrementa-il-rialzo-il-petrolio-Brent-vicino-ai-40-dollari-551c1624-c512-4976-b14b-e619b0c70f36.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Mercati

Piazza Affari incrementa il rialzo, il petrolio Brent vicino ai 40 dollari

Condividi
di Fabrizio Patti Oggi la borsa di Milano è aperta, per la festa della Repubblica non si terranno però le contrattazioni a mercati chiusi.
 
Il Ftse Mib accelera rispetto all’apertura: +2,2%, ottava seduta in rialzo nelle ultime dieci. Da inizio anno il calo è del 19,6%. Rispetto ai minimi del 12 marzo la risalita è stata del 27%.
Tra le altre piazze: Londra +1,13%, Parigi +2,1%. Più sostenuti i rialzi a Francoforte (+3,9%), che ieri era chiusa per la festività di Pentecoste. 
 
A Piazza Affari in evidenza Eni, +5%, titolo spinto sia dalle indiscrezioni di stampa circa la riorganizzazione societaria sia dall’aumento del prezzo del petrolio. Il Brent del Mare del Nord si avvicina a quota 40 dollari al barile (39,25, +2,4%): il valore è raddoppiato rispetto ai minimi di aprile. Secondo quanto scrive Bloomberg, l’Opec estesa alla Russia potrebbe decidere il prolungamento oltre alla data stabilita di giugno dei tagli alla produzione. Anche il meeting tra i Paesi esportatori di petrolio potrebbe essere anticipato da 9 giugno al 4.
 
Tra gli altri titoli del Ftse Mib oggi rialzi oltre il 4% per Buzzi Unicem, Leonardo, Unipol Gruppo, CNH Industrial NV, Banca Mediolanum. Ribassi per Amplifon (-0,7%) e Diasorin (-3%), titolo che ha avuto la migliore performance da inizio anno sul Ftse Mib. 
 
Ieri è stata una giornata positiva anche a Milano, anche grazie a qualche segnale di ripresa arrivato sul fronte della manifattura a maggio, con l'indice Pmi manifatturiero passato dalla quota 31 di aprile a 45 di maggio. Il valore è ancora molto sotto la soglia di 50, che segna il confine tra crescita e contrazione.  
 
Ieri a trainare il listino principale di Milano il rialzo di Mediobanca, dopo la richiesta di salire al 20% da parte della Delfin di Leonardo Del Vecchio. Oggi il titolo sale del 3,8%. 
 
Nella notte ancora una seduta positiva per i mercati asiatici: sono saliti gli indici di Shanghai, Tokyo e Seul, che hanno ormai ridotto al 5% il calo da inizio anno. Rialzi anche a Hong Kong. Non stanno avendo ripercussioni le indiscrezioni sulla volontà da parte della Cina di fermare gli acquisti di prodotti alimentari dagli Stati Uniti, previsti dagli accordi di gennaio tra i due Paesi.
 
Ieri su anche le borse americane, soprattutto i titoli tecnologici, nonostante il crescere delle proteste in tutti gli Stati Uniti.  Il listino dei titoli tech, il Nasdaq, salito del 6% da inizio anno. Oggi attesi i risultati della piattaforma di videoconferenze Zoom, che ha già triplicato il valore da inizio febbraio. 
 
Aggiornamento ore 12.30
Condividi