Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Piazza-Affari-peggiora-Eni-male-dopo-i-conti-91176a8f-be9e-45e7-9033-1efbb0e79ef0.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Mercati

Piazza Affari peggiora. Eni male dopo i conti

Condividi
di Fabrizio Patti Borsa di Milano negativa (-0,6%) nell'ultima giornata di una settimana che fin qui registra un calo di poco più di un punto percentuale. Il bilancio di aprile è negativo del 2,2%. 

Nel resto d'Europa migliore performance per l'indice della borsa di Francoforte, di poco sotto la parità. 

Tra i titoli a Piazza Affari, in evidenza Eni:  -2,09% per il titolo, il più scambiato del Ftse Mib, nonostante il trimestre abbia segnato un utile di 856 milioni rispetto alla perdita di quasi tre miliardi dei primi tre mesi del 2020. In evidenza anche Enel (-1%) e Tim (+3,1%), entrambi condizionati dal cda di ieri di Cassa Depositi e Prestiti, che ha deliberato il via libera all'acquisizione da Enel del 10% di Open Fiber, cosa che le permetterà di salire in maggioranza nella società che posa la fibra ottica. Tim è interessata perché questo era un passaggio necessario per arrivare alla rete unica. Cdp ha anche "affinato" l'offerta ad Atlantia (-0,4%) per Autostrade per l'Italia, anche se, secondo fonti vicine all'operazione, non dovrebbe salire la valutazione complessiva della società autostradale. Nelle scorse settimane è arrivata un'altra offerta, da parte della spagnola Acs di Florentino Perez.

Nella notte sono stati diffusi anche i dati trimestrali di Amazon: +44% i ricavi nel primo trimestre rispetto a un anno prima, arrivati a 108 miliardi di dollari. L'utile triplica e arriva a 8 miliardi. Il titolo sale del 2,5% nel pre-borsa. Un record che segue quelli dei giorni scorsi di Google, Microsoft, Apple e Facebook.
Condividi