Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Repubblica-Ceca-centrodestra-spodesta-Babis-comunisti-per-la-prima-volta-fuori-dal-Parlamento-59c6f08b-52e7-4124-a747-47e6c95c999d.html | rainews/live/ | true
EUROPA

Elezioni legislative

Repubblica Ceca: l'opposizione spodesta Babiš, comunisti per la prima volta fuori dal Parlamento

Il premier populista battuto di misura. La coalizione Insieme tratta per governare con il Partito Pirata

Andrej Babis (AP Photo/Petr David Josek)
Condividi
Il primo ministro ceco, Andrej Babiš, ha ammesso la sconfitta alle elezioni politiche, che hanno visto il suo partito Ano ('Si'') attestarsi al 27,13%, superato dalla coalizione riformista Spolu ('Insieme') al 27,78%. Solo altre due formazioni hanno superato la soglia di sbarramento del 5%: l'alleanza tra il Partito Pirata e Sindaci-indipendenti (15,6%) e la destra euroscettica di Spd (9,56%). In termini di seggi, Spolu ottiene 71 deputati, Ano 72, Pirati e alleati 37, Spd 20.

Guidata da Petr Fiala, Spolu vede uniti i Civici democratici Ods, con Top 09 e i Cristiano democratici Kdu-Čsl, mentre Ivan Bartoš è a capo del cartello (PirStan) che comprende Pirati e Sindaci-indipendenti.

Nessun seggio per i socialdemocratici (4,6%) e i comunisti (3,6%), i quali non hanno superato lo sbarramento del 5% e si ritrovano fuori dal Parlamento per la prima volta dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Babiš si è detto "sorpreso" dal risultato ma ha cercato di vedere il bicchiere mezzo pieno, sottolineando che i sondaggi diffusi prima delle elezioni assegnavano ad Ano una percentuale ancora minore, pari al 22%.

Il miliardario populista non sembra però rinunciare alla prospettiva di un nuovo mandato, che il presidente Milos Zeman ha già annunciato di volergli conferire, e ha aperto a trattative con Spolu per la formazione di un nuovo esecutivo, spiega la stampa ceca. "Cinque partiti si sono schierati contro di noi e avevano come unico programma rimuovere Babiš", ha detto il primo ministro, "mi rivolgerò alla coalizione Spolu e negozierò con loro". Spolu ha però già fatto sapere che non intende governare con Babiš e ha già avviato i contatti con il Partito Pirata e i suoi alleati del Partito dei Sindaci, insieme ai quali ci sono i numeri per una maggioranza confortevole. Non è noto quando Babiš sarà ricevuto da Zeman, suo stretto alleato. Il presidente ceco è gravemente malato e non appare più in pubblico. L'incontro avrebbe dovuto svolgersi domenica ma, ha spiegato Babiš, non avverrà prima di mercoledì.

Il premier uscente prima del voto guidava un governo di minoranza con i socialdemocratici, tacitamente sostenuto dal Partito Comunista che ha governato l'ex Cecoslovacchia totalitaria dal 1948 al 1989. Il 67enne Babiš, un magnate dell'alimentare, dei prodotti chimici e dei media, sta affrontando le accuse della polizia per presunte frodi sui sussidi dell'Ue. Lo scorso fine settimana, l'indagine di Pandora Papers ha rivelato che nel 2009 ha usato i soldi delle sue società offshore per finanziare l'acquisto di proprietà nel Sud della Francia, compreso un castello. Babiš ha negato qualsiasi illecito e ha definito le accuse una campagna diffamatoria. 

Zeman in terapia intensiva
Il presidente della Repubblica ceca Miloš Zeman è in terapia intensiva. Lo ha reso noto il suo medico, dopo che questa mattina il capo dello Stato era stato ricoverato all'ospedale militare centrale di Praga per alcune complicazioni. Il medico del presidente, Miroslav Zavoral, ha spiegato di non poter ancora rendere nota la sua diagnosi. Zeman, 77 anni, ha ricevuto in passato altri trattamenti presso l'Ospedale militare centrale. Prima del ricovero ha avuto stamattina un incontro di 45 minuti con Babiš nella residenza presidenziale.

Al presidente ceco spetta il compito di nominare il premier incaricato di formare il governo. Se malato viene sostituito dal presidente della Camera dei deputati. In questo caso si apre una situazione politica complessa, dato che l'alleanza moderata Spolu è in testa per una manciata di voti, con il 27,78%. Zeman ha però detto che intende partire con il partito che ha preso più voti, non con una alleanza. Ciò significa il partito Ano del miliardario populista Babiš, arrivato secondo con il 27,13%.

Spolu potrebbe formare un governo europeista con l'alleanza fra il Partito dei Pirati e il Partito dei sindaci, arrivata al 15,6%. Insieme i due gruppi controllano 108 dei 200 seggi del Parlamento di Praga.

Ex primo ministro fra il 1998 e il 2002, Zeman è presidente della Repubblica ceca dal 2013, il primo ad essere eletto per un secondo mandato, grazie ad un emendamento della Costituzione. Soffre di diabete ed è confinato su una sedie a rotelle per un disordine del sistema nervoso. A settembre era stato ricoverato otto giorni in ospedale.
Condividi