Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Restano-in-carcere-3-dei-4-indagati-per-omicidio-di-Willy-Monteiro.-Uno-ai-domiciliari-ebd876df-c3e6-4cc7-ba51-ab0f0c8f6f2e.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Effettuata l'autopsia sul corpo della vittima

Restano in carcere 3 dei 4 indagati per l'omicidio di Willy Monteiro. Uno ai domiciliari

Il Gip di Velletri ha convalidato l'arresto per i quattro, solo per Belleggia disposti gli arresti domiciliari: "Sussistono senza dubbio i futili motivi, nell'assenza di alcuna plausibile ragione a motivo dell'aggressione". L'autopsia rivela traumi ovunque. Sabato i funerali del 21enne

Condividi
Restano in carcere tre dei 4 arrestati per l'omicidio del 21enne Willy Monteiro Duarte a Colleferro. Il Gip del Tribunale di Velletri ha convalidato l'arresto di tutti e 4 gli indagati in relazione alla morte del giovane, pestato a calci e pugni fino a togliergli la vita nella notte tra sabato e domenica. Il giudice ha stabilito l'ordinanza di custodia cautelare in carcere per i fratelli Gabriele e Marco Bianchi e per Mario Pincarelli. Al solo Francesco Belleggia sono stati concessi gli arresti domiciliari.  

Gip: aggressione immotivata, Willy non c'entrava
"Sussistono senza dubbio i futili motivi nel caso di specie, in realtà, sostanziati quantomeno per i fratelli Bianchi, nell'assenza di alcuna plausibile ragione a motivo dell'aggressione". Lo scrive il gip di Velletri nell'ordinanza con cui ha convalidato gli arresti per le quattro persone accusate dell'omicidio di Willy Monteiro Duarte. 

Una aggressione "realizzata nei confronti di una persona che come chiarito dallo stesso Belleggia non c'entrava nulla ed era stata violentemente repentinamente colpita solo in quanto si era trovata nella ressa createsi intorno a Belleggia e allo Zurma".

"Mentre era in terra hanno proseguito a sferrare calci e pugni contro Willy tanto che non si è riuscito più a rialzare". Questo il racconto di un testimone citato nell'ordinanza di 14 pagine che ha confermato gli arresti per i 4 accusati dell'omicidio.

L'autopsia: traumi ovunque
Dall'autopsia, svolta oggi all'istituto di medicina legale di Tor Vergata, è emerso un quadro drammatico: sul corpo del giovane traumi ovunque distribuiti tra torace, addome e collo che hanno causato lo shock che ha indotto l'arresto cardiaco. Ulteriori accertamenti serviranno a definire quale colpo è risultato fatale al 21enne.

In base agli esiti dell'autopsia potrebbe aggravarsi la posizione dei quattro fermati, accusati, per il momento, di omicidio preterintenzionale. 

"Oggi è stata effettuata l'autopsia. Il cadavere sarà da questa sera a disposizione. I funerali si terranno nella giornata di sabato", ha detto a LaPresse il legale Domenico Marzi, avvocato della famiglia di Willy.
Condividi