Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/Roma-chiuso-dalla-Guardia-di-Finanza-il-call-center-della-droga-807188b6-5c42-497b-8fa6-12927a3f04a2.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Indagato anche Pirino, coinvolto nell'omicidio Sacchi

Roma, chiuso dalla Guardia di Finanza il "call center" della droga

L'organizzazione spacciava dalle 30 alle 50 dosi nei giorni feriali, 80 nei festivi. Guadagno medio a settimana 15mila euro

Condividi
Un vero e proprio "centralino", attivo tutti i giorni dalle 14.00 alle 02.00 di notte, per prendere gli ordini di cocaina al telefono. La consegna in tutta Roma era garantita  tramite 'pony express' reclutati tra i clienti in difficoltà economiche.

L’operazione chiamata “San Basilio Call Center" è dei finanzieri del Comando provinciale di Roma. Arrestati 7 giovani accusati di recapitare a domicilio le dosi di stupefacente a centinaia di 'clienti' abituali. Disposta la custodia cautelare in carcere per i  fratelli Manolo, 22 anni, e Samuel Billocci, 19 anni, e per Paolo Pirino, 22 anni, già in carcere per l'omicidio di Luca Sacchi. Quattro corrieri ai domiciliari.
 
Il meccanismo efficace
Secondo il Gip, superando il concetto della "piazza di spaccio", avevano ideato un meccanismo "estremamente efficace, sia per facilitare la domanda che per ridurre i tempi, gli assaggi, ma anche per minimizzare i rischi".
 
Il giro d’affari
Erano in grado soddisfare, senza fermarsi, dalle 30 alle 50 dosi nei giorni feriali, per arrivare anche a 80 nei giorni festivi e prefestivi. Nonostante il gruppo trattasse la vendita di piccole quantità di cocaina il guadagno medio era di circa 15.000 euro a settimana.

Le parole d’ordine e sms
“Un amico" indicava una dose e "una mano" 5 grammi.  Per ridurre al massimo i rischi, il "corriere" consegnava poche dosi poi tornava più volte a rifornirsi per ripartire con altra droga.  A lockdown finito, come per tutte le altre 'imprese', bisognava comunicare la ripresa dell'attività, per farlo, gli ideatori del "call center" hanno fatto girare un sms promozionale. Questo il testo: "Ciao bello/a sono Lele di San Basilio siamo stati fermi x un po a causa del Covid19 comunque da domani alle 14 fino alle 2 di notte risaremo attivi con amichetti a 30 e (mani o tmax a 230) disponibili a raggiungerti dove sei siamo tornati al top top chiamami un abbraccio Lele".  

Paolo Pirino
Durante le indagini, Paolo Pirino, già in carcere per l'omicidio di Luca Sacchi, ha tentato di investire due militari delle Fiamme Gialle che gli avevano intimato l’alt. Invece di fermarsi, aveva spinto l’acceleratore puntando sui militari, poi era sparito.
Condividi