Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Roma-finte-consulenze-Atac-a-giudizio-3-ex-manager-4765bd46-b5da-4f85-a307-9f7802974aa0.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Roma: finte consulenze Atac, a giudizio 3 ex manager

Processo anche al titolare di una società

Condividi
Si aprirà il 10 maggio prossimo, davanti ai giudici dell'ottava sezione penale del tribunale, il processo a carico di tre ex dirigenti dell'Atac, l'azienda municipalizzata dei trasporti di Roma, accusati di essersi appropriati tra il 2007 e il 2010 di poco più di un milione di euro, "stipulando contratti di affidamento di consulenza e disponendo gli ordini di acquisto per attività, di mera facciata, con la società Pragmata srl". Il rinvio a giudizio è stato deciso dal gup Fabio Mostarda che ha accolto le richieste dei pm Alberto Pioletti e Laura Condemi.

La vicenda chiama in causa Gioacchino Gabbuti, ad di Atac spa dal 2005 al 2009 e poi di Atac Patrimonio fino al 2013, Antonio Cassano, direttore generale dal 2005 al 2012 e Mauro Anselmi, sindaco del collegio sindacale di Atac Patrimonio nonché commercialista incaricato della gestione delle operazioni finanziarie (sono contestati diversi episodi) ritenute illecite: sono accusati di peculato, in concorso con Umberto Bianchi, rappresentante legale e poi liquidatore della Pragmata srl, alla quale fin dal 2005 Gabbuti e Cassano - secondo i pm - avevano conferito incarichi di consulenza per un importo pari a 1.545.840 euro e di cui, dal 19 febbraio 2007, acquistavano la titolarità dell'80% del capitale intestandolo a societa' fiduciarie. Comune di Roma e Atac spa si sono costituiti parte civile.
Condividi