Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Roma-tre-carabinieri-accoltellati-da-uno-squilibrato-75c80558-4f3c-42db-bfdc-feea591240e0.html | rainews/live/ | true
ITALIA

L'aggressione nel quartiere Prati

Roma, quattro carabinieri accoltellati da uno squilibrato

Tra i feriti il comandante del Nucleo radiomobile della capitale, colpito ad un fianco. L'aggressore, un clochard tedesco, è stato arrestato

Condividi
Un tenente colonnello dei carabinieri e tre sottufficiali dell'Arma sono stati accoltellati intorno alle 17.30 di ieri a Roma da una persona che è stata poi arrestata. Il fatto è avvenuto in piazza della Libertà, nel quartiere Prati. "Nessuno ha usato armi. I colleghi hanno cercato di tutelare le numerose persone presenti in strada per evitare ogni allarmismo" ha spiegato il comandante provinciale di Roma Salvatore Luongo.

L'ufficiale dell'Arma ferito in modo più serio è il tenente colonnello Claudio Rubertà che comanda il Nucleo radiomobile della capitale. L'ufficiale ha riportato lesioni all'addome e al fianco ed è stato ricoverato in codice rosso al Santo Spirito, comunque non in pericolo di vita. A rimanere feriti, oltre al tenente colonnello Claudio Rubertà, il maresciallo Pasquale Leone, il vice brigadiere Ciro Russo e il carabiniere scelto Natale Rutigliano della Stazione Roma Prati. 

L'uomo che ha ferito i militari, Klaus Dieter Bogner, è un clochard di 62 anni nato a Passau, in Germania. Lo squilibrato aveva minacciato alcuni passanti con un martello e un coltello, e per questo era stato chiamato il 112. All'arrivo della pattuglia l'uomo si è scagliato contro i militari. Poi ha preso di mira anche quelli successivamente intervenuti.

Il ministro Pinottti: "Preoccupata"
"Sono preoccupata per il ferimento dei Carabinieri avvenuto a Roma e porto loro la mia solidarietà. Attenzione a non far montare un clima d'odio contro le Forze dell'ordine". Così il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, nel corso della registrazione del programma Porta a Porta. "I Carabinieri - ha spiegato la Pinotti - devono poter gestire l'ordine pubblico senza aver paura di essere colpiti".

Alfano e Binelli Mantelli: solidarietà ai quattro feriti
Anche il ministro dell'Interno Angelino Alfano e il Capo di Stato Maggiore della Difesa, l'ammiraglio Luigi Binelli Mantelli, hanno manifestato solidarietà ai militari con una telefonata al Comandante Generale dell'Arma dei Carabinieri, Leonardo Gallitelli.

"L'Arma dei Carabinieri - ha detto Alfano - assieme alla Polizia di Stato e alle altre Forze dell'Ordine, è un riferimento storico ed essenziale per le Istituzioni e i suoi uomini e donne lavorano ogni giorno per il controllo quotidiano del territorio e per la sicurezza dei cittadini, con professionalità e spirito di abnegazione". 

"Gli uomini e le donne dell'Arma - ha detto invece il Capo di stato maggiore Binelli Mantelli - dimostrano quotidianamente la loro dedizione e la loro disciplina nell'assolvimento del proprio dovere per garantire la sicurezza dei cittadini". 

Vicesindaco Roma: colonello ha rischiato
"Il colonnello che è rimasto più gravemente ferito nell'accoltellamento è stato molto coraggioso e ha rischiato. Ha bloccato a mani nude l'aggressore armato buttandolo a terra ma rimanendo ferito". Così il vicesindaco di Roma Luigi Nieri che si è recato nel reparto di chirurgia dell'ospedale Santo Spirito di Roma. "Nonostante la ferita il tenente colonnello ha parlato con me - aggiunge - ha una tempra molto forte. Il militare mi ha raccontato di essere intervenuto in supporto alla prima pattuglia. È stato lui a bloccare definitivamente l'aggressore".

Le testimonianze
"Era come in un film poliziesco: ho visto quell'uomo che scappava con il martello in mano e i carabinieri lo inseguivano, la gente gridava. Lo hanno bloccato proprio davanti alla vetrina del mio negozio". A parlare è la dipendente di una farmacia di piazza della Libertà che ha assistito agli attimi concitati dell'arresto del clochard. "Ho avuto molta paura, in strada c'era il panico - spiega la donna - ho sentito le grida e sono uscita fuori e ho visto i carabinieri che correvano dietro l'uomo che avevano in mano il martello e minacciava chiunque. La corsa si é arrestata proprio davanti al farmacia, i carabinieri erano feriti e ho visto molto sangue: così ho dato un primo soccorso portando disinfettante e garze per medicare i carabinieri feriti". 

"Quel clochard lo avevo notato proprio stamattina ma per molti qui era una vecchia conoscenza. Era sdraiato su una panchina dei giardini della piazza e blaterava frasi senza senso. Poi una mia cliente mi ha raccontato che aveva aggredito il marito". A raccontarlo è un'altra una commerciante di piazza della Libertà. "E' venuta al negozio con la figlia e mi ha raccontato che il marito per sfuggirgli era dovuto fuggire via - aggiunge la donna - e aveva avuto molta paura". A richiedere l'intervento al 112 nel pomeriggio sono stati proprio alcuni cittadini perche' l'uomo, arrestato per tentato omicidio, infastidiva i passanti.
Condividi