Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Ronaldo-Morata-Szczesny-Pirlo-Gattuso-Insigne-Lozano-Manolas-ba2651dd-b8ef-4cb5-8e9d-7a21abcd7580.html | rainews/live/ | true
SPORT

Nono trionfo dei bianconeri in questa competizione

Supercoppa italiana alla Juve: al 'Mapei', Napoli battuto 2-0

Primo successo da allenatore per Andrea Pirlo: Ronaldo al 64' e Morata nel recupero decidono il match di Reggio Emilia. I partenopei sprecano un rigore con Insigne (80') e vengono fermati due volte da un grande Szczesny

Condividi
Il primo trofeo stagionale lo vince la Juventus, che al ‘Mapei’ di Reggio Emilia conquista la Supercoppa italiana battendo 2-0 il Napoli. Per la squadra di Andrea Pirlo (primo titolo da allenatore), che riscatta il brutto ko di San Siro con l’Inter in campionato, è il nono trionfo in questa competizione.
   
Ritmi blandi in un primo tempo molto equilibrato, non bello, e con una sola occasione da gol, a favore dei partenopei: al 28’, sul cross di Demme dalla sinistra, colpo di testa a botta sicura di Lozano e grande parata d’istinto di Szczesny. Sfiora la traversa al 40’ il destro a giro di Cristiano Ronaldo.

Ripresa più effervescente. Bianconeri pericolosissimi dopo pochi secondi (46’): servito da McKennie, il neo entrato Bernardeschi (fuori Chiesa) devia sotto porta ma senza riuscire ad imprimere potenza, Ospina si salva bloccando sulla linea. Un’incomprensione tra il portiere colombiano e Manolas non viene punita per poco da CR7 (tocco in anticipo, ma sfera sul fondo), al 64’ la Juve passa: Manolas rischia di un soffio l’autogol, sull’angolo successivo di Bernardeschi il pallone carambola su Bakayoko e finisce a Ronaldo, che in girata non perdona. All’80’ il Napoli ha la chance del pareggio: l’arbitro Valeri viene richiamato dal Var per un intervento di McKennie su Mertens, è rigore, ma Insigne spreca tutto calciando a lato. Ultime due emozioni in pieno recupero: al 94’ Szczesny evita i supplementari con un altro super intervento (di piede) ancora su Lozano (conclusione sporcata da Chiellini), al 95’ ripartenza a campo aperto di Cuadrado e raddoppio di Morata che dà il via alla festa bianconera.
Condividi