Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Saman-ragazza-scomparsa-Lo-zio-in-chat-un-lavoro-fatto-bene-c5cd6b50-21ac-4cf3-b6bb-fd4a3b7ad4cc.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Al fidanzato disse: ”Mi vogliono uccidere”

La scomparsa di Saman. Lo zio in chat: “Un lavoro fatto bene"

A oltre un mese dalla scomparsa di Saman, la ragazza pachistana che si era opposta a un matrimonio combinato, escono dettagli di un epilogo agghiacciante
 

Condividi
Una storia dove la parole hanno davvero un peso spaventoso. Parole fatte di paura e spavalderia. La spavalderia dello zio Danish Hasnain, di 33 anni che in una chat scrive: ”Abbiamo fatto un lavoro fatto bene". Lo riporta la 'Gazzetta di Reggio Emilia'. Parole di paura di Saman Abbas, la 18enne pachistana che viveva a Novellara scomparsa nel nulla. La ragazza avrebbe riferito le parole della madre che indicava l'uccisione come unica "soluzione" per una donna che non si attiene alle regole di vita pachistane. ”Stanno parlando proprio di me”, rivela Saman al fidanzato.
 
La procura reggiana indaga per omicidio e nel registro degli indagati ci sono i genitori, i due cugini e lo zio. L'ipotesi è che Saman sia stata uccisa dalla famiglia per essersi opposta a un matrimonio combinato. Secondo la procura, lo zio Danish sarebbe l'esecutore materiale dell'omicidio della giovane. 
 
Le ultime immagini di Saman la riprendono mentre percorre un viottolo sterrato con i genitori che le avrebbero detto “vai dallo zio”. Danish Hasnain, 33 anni, secondo l'ipotesi degli inquirenti, l'avrebbe aspettata in fondo al sentiero per poi ucciderla e nascondere il corpo, sotterrandolo o gettandolo in una porcilaia o in un pozzo.  
Condividi