Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Sardegna-morto-sindaco-di-Maracalagonis-molto-provato-dopo-incendio-44317e12-c89a-4fae-b37c-caf21272a64a.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Il fatto

Sardegna: morto sindaco di Maracalagonis, molto provato dopo incendio

Mario Fadda
Condividi
E' morto stroncato da un infarto nella notte, il giorno dopo il vasto incendio che domenica aveva percorso il suo territorio il sindaco di Maracalagonis (Cagliari), Mario Fadda, 64 anni, già consigliere provinciale dell'Udc. A chi l'aveva sentito dopo la difficile giornata di fuoco, il primo cittadino era apparso molto provato. Solo ieri sera Fadda, come spesso faceva, aveva pubblicato sulla sua pagina Fb, il bollettino sugli incendi della Protezione civile regionale, invitando i suoi contatti a condividerlo.

Il comune di Maracalagonis (Cagliari) resterà chiuso per due giorni, oggi e domani, per lutto. L'amministratore e la sua passione politica sono state ricordate stamane in Consiglio regionale dal presidente Michele Pais, che ha espresso la solidarietà alla famiglia a nome dell'intera assemblea sarda.

"Oggi, per i sindaci e per la comunità degli amministratori sardi, è una giornata tristissima", scrive in un post il presidente dell'Anci Sardegna Emiliano Deiana, esprimendo cordoglio alla famiglia del sindaco scomaprso. "Abbiamo ricevuto dalla figlia Francesca la notizia. Fare il sindaco scava dei solchi profondissimi nel corpo e nella mente; investe totalmente - in una specie di insensata missione - tutto l'Io: si trascura se stessi, la famiglia, gli affetti, le amicizie; si mette a repentaglio la solidità dei rapporti personali, si smette di dormire con tranquillità, si rinuncia alle ferie, al riposo".

"Mario era un amministratore franco e leale, un amministratore capace e serio, un amministratore che ci teneva ai rapporti ma non faceva sconti quando doveva far valere il suo punto di vista, la sua visione", lo ricorda Deiana. "Ci eravamo visti qualche giorno fa in assessorato dove collaborava con l'assessore alla PI Andrea Biancareddu e alla recente assemblea di Abbanoa: come sempre era stato gentile e cordiale, con una gentilezza antica, quasi perduta". "Anci Sardegna e la comunità degli amministratori sardi", conclude il presidente, "ti ricordano con affetto sconfinato e con estremo rimpianto".
Condividi