Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Scatta-esonero-contributivo-per-autonomi-e-professionisti-37517d10-fe94-49ef-b1fa-472a2f94d52d.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Tasse

Scatta l'esonero contributivo per autonomi e professionisti

Pubblicato su sito del ministero del Lavoro, risorse per 2,5 miliardi

Condividi
L'esonero contributivo per i lavoratori autonomi iscritti all'Inps ed i professionisti associati alle Casse private entra in vigore: è stato, infatti, pubblicato sul sito del ministero del Lavoro il decreto interministeriale che disciplina la misura da 2,5 miliardi. Per accedervi occorre avere un reddito 2019 fino a 50.000 euro e un calo del fatturato annuo 2020 almeno del 33%.

Il cosiddetto "Anno bianco" dei versamenti, deciso per venire incontro alle esigenze della vasta platea di occupati indipendenti, danneggiati dalla pandemia daCovid-19, ha come normativa di riferimento la legge di Bilancio 2021 (approvata dal governo di Giuseppe Conte) ed è stato rifinanziato con il decreto Sostegni del successivo Esecutivo di Mario Draghi: grazie, dunque, a risorse pari a 2,5 miliardi viene disposto l'esonero parziale della contribuzione previdenziale e assistenziale (è al 100% fino a un tetto massimo di 3.000 euro sopra il quale, invece, si pagano i contributi) dovuta dai lavoratori autonomi e dai liberi professionisti iscritti alle gestioni Inps e alle Casse previdenziali, che abbiano percepito nel periodo d'imposta 2019 un reddito complessivo lordo imponibile ai fini Irpef non superiore a 50.000 euro e abbiano subito un calo del fatturato, o dei corrispettivi nell'anno 2020 non inferiore al 33% rispetto a quelli dell'anno 2019.

Se, recita il decreto, le domande per l'ottenimento dell'esonero possono esser presentate dai professionisti iscritti agli Enti di previdenza privati entro il 31 ottobre 2021, quelle all'Inps andranno inoltrate a stretto giro, ossia entro il 31 luglio 2021. Per poter ottenere l'agevolazione, infine, tutti coloro che sono in possesso dei requisiti reddituali richiesti dovranno essere anche in regola col versamento dei contributi.
Condividi