Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Siberia-maiali-s-ammalano-di-peste-suina-africana-dopo-aver-mangiato-scarti-di-un-ospedale-COVID-130c7380-f1f2-477f-962e-5dc4ea407408.html | rainews/live/ | true
MONDO

Siberia: maiali ammalati di peste suina africana dopo aver mangiato scarti di un ospedale Covid

Condividi
Nella provincia di Omsk, Siberia sud-occidentale, è stato rilevato un focolaio peste suina africana (PSA). Alcune centinaia di maiali in tre villaggi hanno contratto la malattia dopo aver mangiato scarti alimentari provenienti da un ospedale e una struttura ospedaliera adibiti alla cura dei malati Covid-19. È stato accertato che il proprietario di un allevamento recuperava scarti alimentari nelle strutture ospedaliere adibite alle cure dei malati Covid-19. Le autorità regionali minimizzano affermando che “gli scarti alimentari delle strutture ospedaliere non hanno alcun impatto sulla situazione epidemiologica”. Sempre secondo l’autorità sanitaria regionale, “i pazienti sospetti di aver contratto il coronavirus non hanno contatti con la cucina o con i cuochi, e gli scarti alimentari sono debitamente disinfettati e utilizzati secondo il regolamento e non c’è alcun collegamento tra il coronavirus e la peste suina africana”.

Responsabile dell’azienda sanitaria regionale invece ha avanzato l’ipotesi che “il cibo (destinato ai malati) è stato preparato con l’uso degli ingredienti provenienti da una regione con focolai della peste suina africana (PSA).
Condividi