Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Sisma-terremoto-Grecia-Samos-22ed3ad3-67fd-40c3-b890-e08c14b36bba.html | rainews/live/ | true
MONDO

Avvertita fino ad Atene

Sisma in Grecia: forte scossa di magnitudo 6.7 al largo di Samos, crollano edifici in Turchia

Morti due ragazzi a Samos per il crollo di un muro. Almeno 6 edifici distrutti a Smirne, persone sotto le macerie: 17 vittime e oltre 700 feriti. Scossa d'assestamento di magnitudo 5,1 al largo della località costiera turca di Kusadasi

Condividi

Un forte terremoto è stato registrato al largo dell'isola greca di Samos, nel Mar Egeo. L'epicentro è stato localizzato a 14 km dalla città costiera di Karlovasi, con ipocentro a 10 km di profondità. La scossa è stata avvertita fino ad Atene, a quasi 300 km di distanza, secondo i media greci. Dopo la forte scossa si è innescato un mini tsunami al largo dell'isola. Le autorità greche riferiscono di crolli e di due vittime a Samos, la protezione civile turca riferisce di almeno 17 morti e 700 feriti nella provincia di Smirne.

L'Osservatorio Nazionale di Geodinamica di Atene, riporta l'agenzia Anadolu, ha rivisto da 6,6 a 6,7 gradi la magnitudo. Le scosse sono state avvertite anche in altre province occidentali come Usak, Denizli, Manisa, Balikesir, Aydin e Mugla, dove gli edifici hanno subito lievi danni. A metà pomeriggio, scossa d'assestamento di magnitudo 5,1 al largo della località costiera turca di Kusadasi.

A Samos crolla un muro, morti due ragazzi
La scossa ha fatto crollare la parte anteriore della chiesa della Panagia Theotokou a Karlovassi, una delle località turistiche dell'isola greca. A Vathi, un altro centro isolano, sono crollate delle case disabitate. Secondo Cnn.gr (che pubblica una foto della chiesa colpita, presa dal sito Samos24), gli abitanti dell'isola si sono riversati in strada in preda al panico.

Due ragazzi di 15 e 17 anni sono morti dopo essere rimasti sepolti dal muro di un edificio che è crollato, hanno riferito i vigili del fuoco. Si tratta delle prime due vittime segnalate in Grecia.

Edifici crollati a Smirne, persone sotto le macerie
Diversi edifici sono crollati a Smirne, sulla costa egea della Turchia. Il terremoto è stato  avvertito in diverse province turche, compresa Istanbul. Lo riferisce la Cnn turca, mostrando le immagini delle macerie. Sul posto sono giunti diversi mezzi di soccorso e dei vigili del fuoco. Un numero imprecisato di persone si trova sotto le macerie. Lo ha riferito il ministro dell'Ambiente e dell'Urbanizzazione di Ankara, Murat Kurum, che si sta recando sul posto. Diverse squadre sono impegnate nelle attività di ricerca e soccorso. Il bilancio iniziale di 4 vittime e 120 feriti sembra inevitabilmente destinato ad aggravarsi.

La protezione civile turca (Afad) ha invitato gli abitanti di Smirne a non rientrare negli edifici che appaiono danneggiati. La popolazione è scesa in strada in massa. Almeno 6 edifici sono crollati nella provincia. I crolli si registrano al momento nei distretti di Bayrakli e Bornova. Sono in corso verifiche estese. Un centro di coordinamento dell'emergenza è stato creato a Smirne, ha fatto sapere la prefettura.



Le testimonianze sui social
E' diventato virale un video che mostra un palazzo di otto piani collassare interamente su se stesso. Un altro video mostra la marea trasportare con sé le barche ancorate al porto.

Crollo edificio


Tsunami a Seferihisar



Un allarme tsunami è stato emesso a seguito del terremoto per cui gli abitanti dell'area di Samos hanno ricevuto istruzioni di restare lontani dalla zona costiera. L'acqua si è alzata fino ad arrivare a coprire le banchine e ad allagare la strada, nel porto principale dell'isola.

Ragazzo alla consolle


Erdogan: mobilitate tutte le forze
"Sosteniamo i nostri cittadini colpiti dal terremoto con tutti i mezzi del nostro Stato" ha dichiarato in un tweet il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan. "Abbiamo preso provvedimenti per avviare il lavoro necessario nella regione con tutte le nostre istituzioni e ministri competenti", ha sottolineato il capo di Stato. 

Turchia e Grecia: assistenza reciproca
I ministri degli Esteri di Turchia e Grecia, Mevlut Cavusoglu e Nikos Dendias, hanno discusso in una telefonata del sisma nel mar Egeo che questo pomeriggio ha colpito entrambi i Paesi. Lo fa sapere il ministero degli Esteri di Ankara, secondo cui i capi delle due diplomazie hanno assicurato disponibilità a "assistenza e sostegno reciproco", promettendo di rimanere in contatto se sarà necessario. Il colloquio giunge nel pieno di forti tensioni bilaterali proprio sulla sovranità nel Mediterraneo orientale.

Von der Leyen: pronti ad aiutare in tutti i modi
"Seguiamo la situazione e siamo pronti ad aiutare in tutti i modi possibili". Così la presidente della Commissione Ue, Ursula von Der Leyen, su Twitter.

Condividi