Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Spazio-Bezos-perde-la-sfida-con-Musk-per-la-commessa-lunare-della-Nasa-152106e5-f0e9-4ab8-a242-8586ce719ab7.html | rainews/live/ | true
MONDO

Contratto da 2,9 miliardi di dollari

Spazio, Bezos perde la sfida con Musk per la commessa lunare della Nasa

Il Government Accountability Office respinge la contestazione di Blu Origin per l'assegnazione alla rivale SpaceX della commessa per aiutare a riportare astronauti americani sul satellite entro il decennio, forse già entro il 2024

Jeff Bezos
Condividi

Elon Musk la spunta su Jeff Bezos nella conquista della Luna, almeno per il momento. Il Government Accountability Office respinge la contestazione di Blu Origin per l'assegnazione alla rivale SpaceX della commessa della Nasa per aiutare a riportare astronauti americani sulla Luna entro il decennio, forse già entro il 2024. "La Nasa non ha violato" nessuna legge o regola "nel decidere di assegnare il contratto" a un'unica entità, ha detto seccamente il Gao, l'organismo indipendente di controllo del governo, infliggendo uno schiaffo alle ambizioni spaziali di Bezos.

La Nasa in aprile ha assegnato a SpaceX di Musk il contratto da 2,9 miliardi di dollari per il ritorno sulla Luna,in un decisione che ha lasciato molti perplessi visto che ci si attendeva la scelta di almeno due se non tre società per l'ambiziosa missione. L'agenzia spaziale americana aveva allora spiegato che la sua decisione era basata sulla disponibilità di fondi limitata e che l'offerta di SpaceX le consentiva di rispettare le ristrettezze di bilancio. Una spiegazione non soddisfacente per Blue Origin che aveva fatto ricorso,osservando come la Nasa avrebbe dovuto optare per assegnare il contratto a più società come aveva inizialmente dichiarato di voler fare.

"Nel raggiungere la decisione la Nasa ha concluso di avere fondi sufficienti solo per la commessa" a una singola società,ha aggiunto il Gao. La gelata del Government Accountability Office pur rappresentando uno schiaffo a Bezos, che si era impegnato in prima persona nel progetto, non chiude comunque la partita in via definitiva. Blue Origin si impegna infatti a continuare a "portare avanti la sua tesi delle due società perché è la soluzione giusta. Il programma Human Landing System deve essere competitivo ora non più avanti", ha detto la società sottolineando che la recente offerta di Bezos, per uno sconto di 2 miliardi di dollari alla Nasa se Blue Origin sarà inclusa nel contratto, resta in piedi.

Musk segue da lontano l'evolversi del confronto, godendosi probabilmente la vittoria contro l'uomo più ricco del mondo chedi recente ha coronato il suo sogno di andare nello spazio. Il patron di Tesla si limita a un tweet per commentare la decisione del Government Accountability Office: "Gao", cinguetta allegando all'unica parola l'emoji del bicipite segno di forza.

Condividi